Salta il menù
Vai alla pagina dona ora

Dona oraSostienici

Eventi

Glaucoma, una settimana che guarda alla prevenzione

Migliaia di visite oculistiche gratuite: l’iniziativa è promossa dalla IAPB Italia assieme alla Società Oftalmologica Italiana e alla Società Italiana Glaucoma

Distrugge la vista senza pietà quando non viene curato in tempo: è il glaucoma, che “corrode” silenziosamente il campo visivo a partire dalla sua periferia. Ecco perché è fondamentale prevenire i danni di questa malattia oculare: un’occasione preziosa per farlo è stata la settimana mondiale del glaucoma che si è celebrata dal 10 al 16 marzo 2019 con l’Agenzia Internazionale per la Prevenzione della cecità-IAPB Italia onlus, la Società Oftalmologica Italiana (SOI) e la Società Italiana Glaucoma (SIGLA). Anche il Policlinico A. Gemelli ha aderito all’iniziativa il 15 marzo con un Open Day.

Tanti specialisti per salvare i vostri occhi

Nel sito ufficiale sono ancora reperibili gli oculisti aderenti all’iniziativa per chi non fosse già stato dall’oculista (quando si telefona bisogna far riferimento ai promotori dell’iniziativa): le visite oculistiche – che sono gratuite per coloro che non si sono mai sottoposti ad una visita oculistica – proseguono anche oltre la settimana mondiale del glaucoma. Il più delle volte si tratta di specialisti iscritti alla SOI che mettono a disposizione volontariamente la loro professionalità per tutelare la salute visiva dei cittadini anche oltre la fine della settimana del glaucoma. Questa prima visita oculistica – che va prenotata contattando direttamente lo specialista – di solito comprende il controllo del visus, del fondo oculare e la misurazione della pressione intraoculare (tonometria).

Perché il glaucoma è pericoloso

Il glaucoma è un temibile “nemico della vista”: si tratta di una patologia oculare degenerativa di solito associata a una pressione oculare troppo alta. Ciò può arrivare a causare la morte di neuroni che trasportano gli impulsi dalla retina alla corteccia cerebrale, arrivando, nei casi più gravi, a interrompere la trasmissione dei segnali visivi.

Le persone più a rischio di glaucoma hanno più di 40 anni (la probabilità di esserne colpiti aumenta con quanto più si è anziani), soprattutto se ci sono altri casi in famiglia. Tra le persone a rischio glaucoma otto su dieci non vanno regolarmente dal medico oculista, mettendo in pericolo la propria vista. Tra l’altro chi ha già ricevuto una diagnosi solo in un caso su tre segue in modo accettabile le terapie e si sottopone agli esami prescritti.

Il glaucoma è la prima causa di cecità irreversibile al mondo, per cui è fondamentale arrivare tempestivamente a una diagnosi perché, nelle sue fasi iniziali, non dà alcun sintomo e può essere scovato solo da uno specialista. Questa patologia colpisce di solito entrambi gli occhi e per trattarla sono disponibili colliri specifici (detti “ipotonizzanti”), trattamenti laser o interventi chirurgici.

L’avv. Giuseppe Castronovo, Presidente della IAPB Italia onlus, ha dichiarato:
L'avv. Giuseppe Castronovo, Presidente dell'Agenzia internazionale per la prevenzione della cecità-IAPB Italia onlus

Oggi la vista ha un ruolo sempre più importante nella vita quotidiana, sebbene siano ancora troppo pochi coloro che la proteggono regolarmente. Questa campagna vuole affermare la centralità della vista, che è un senso meraviglioso, e la necessità di ricevere la giusta priorità sia a livello di sanità pubblica che di abitudini personali. Per questo abbiamo creato, assieme a SOI e SIGLA, una sorta di task force che opererà sul territorio nazionale per sensibilizzare l’opinione pubblica e gli organi competenti per la tutela della salute visiva.

Gli appuntamenti

Il 7 marzo si è tenuta una conferenza stampa dalle ore 11, presso la Sala dell’Auditorium del Ministero della Salute-Lungotevere Ripa 1, sulla settimana del glaucoma, sulla prevenzione e l’informazione. Il Ministro della Salute Giulia Grillo ha inviato un messaggio scritto, mentre hanno potuto partecipare di persona sia il dott. Giuseppe Ruocco che la dott.ssa Giuseppina Rizzo, entrambi del Dicastero della Salute.

La conferenza, moderata dalla giornalista Annalisa Manduca (Radio Uno Rai), ha toccato i nodi salienti della prevenzione di un’importante malattia oftalmica. Il dott. Il dott. Matteo Piovella, Presidente della Società Oftalmologica Italiana (SOI) Matteo Piovella, Presidente della SOI, ha affermato:

Se una persona oggi ha il cancro non sappiamo se lo supererà. Invece per il glaucoma abbiamo tutti gli strumenti... Abbiamo la consapevolezza dell’importanza della visita oculistica.

Nonostante la previsione di un aumento delle persone cieche nel mondo soprattutto a causa dell’invecchiamento demografico (potrebbero triplicare entro il 2050), oggi - ha proseguito Piovella - in oculistica "abbiamo degli strumenti straordinari e abbiamo il cento per cento di possibilità di fare diagnosi di glaucoma".

A quest’osservazione ha replicato il prof. Aldo Caporossi, Presidente della SIGLA:

Noi abbiamo il cento per cento delle possibilità di fare diagnosi di glaucoma ma non posso affermare che il glaucoma sia sconfitto: lascia dei ’morti’ sul campo e non sempre riusciamo a curarlo. Però è importante che non perda la vista chi non è stato diagnosticato.

Dal canto suo la dott.ssa Rizzo ha ricordato le principali attività del Ministero della Salute nel campo della prevenzione e l’esistenza di una legge che ha reso obbligatorio lo screening alla nascita. Inoltre ha invitato i medici di famiglia e i pediatri a inviare da un oculista anche le persone a rischio (ad esempio chi ha altri glaucomatosi in famiglia).

Dunque, ha concluso Manduca per sintetizzare il senso dell’iniziativa, "tutti faremo in modo che la settimana risulti lunghissima [gli appuntamenti gratuiti presso gli oculisti saranno disponibili anche oltre il 16 marzo]... La sofferenza di non vedere è talmente forte che dobbiamo portare con noi alcune parole, una delle quali è prevenzione".

***
In caso di difficoltà di prenotazione della prima visita oculistica gratuita si prega di segnalare il proprio caso specifico, indicando il nome dello specialista contattato e un proprio recapito telefonico, scrivendo a info@iapb.it


Pagina pubblicata il 6 marzo 2019. Ultimo aggiornamento: 18 marzo 2019


Condividi su:

Contatta l'Agenzia internazionale per la prevenzione della cecità-IAPB Italia onlus

Chiama il numero verde 800-068-506

Il Numero Verde di consultazione oculistica è attivo dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 13.
Scrivi nel Forum: un medico oculista ti risponderà gratuitamente.