Teniamo d’occhio l’arginasi


Vasi sanguigni della retinaTeniamo d'occhio l'arginasi Si tratta di un enzima che, in quantità eccessive, può essere un segno della retinopatia diabetica 26 agosto 2009 - Teniamo d'occhio l'arginasi: questo enzima, se presente in quantità eccessive nell'organismo, può contribuire a danneggiare i vasi sanguigni dell'occhio. Dunque, secondo ricercatori del Medical College of Georgia (Usa), è essenziale monitorarlo perché - approntando eventuali terapie per ridurne i livelli nel sangue - si potrebbe fermare la progressione di malattie che possono provocare la cecità come, ad esempio, Occhio al diabete, se non curato può provocare gravi danni alla vistala retinopatia diabetica. Questa ricerca - pubblicata sul numero di agosto di The American Journal of Pathology - è interessante perché i livelli di arginasi potrebbero essere considerati una spia per eventuali malattie oculari silenti. Più in generale, il modo in cui l'enzima regola le infiammazioni potrebbe portare in futuro a terapie per curare malattie che colpiscono non solo gli occhi, ma anche altri organi. “Sappiamo che nei diabetici - ha concluso R. William Caldwell - c'è una maggiore incidenza di attacchi cardiaci e sappiamo che la vista è un senso che soffre molto col diabete. Abbiamo scoperto che l'arginasi è un minimo comun denominatore”. Fonte: Medical College of Georgia (T. Baker)