Sicurezza stradale, una strada in salita

Sicurezza stradale, una strada in salita Nel mondo, secondo l’Oms, senza nuove misure le vittime degli incidenti aumenteranno del 65% in 20 anni 18 novembre 2009 – Lo stillicidio quotidiano delle vittime della strada finisce sotto i riflettori internazionali: il 19 e il 20 novembre si tiene in Russia la prima conferenza ministeriale globale sulla sicurezza stradale, così come richiesto dall’Assemblea Generale dell’Onu. Il nuovo Rapporto mondiale dell’Oms sulla prevenzione stradale sciorina cifre preoccupanti: 50 milioni di persone riportano ferite in seguito a incidenti mentre 1,2 milioni perdono la vita. Se non si adotteranno nuove misure questi numeri sono destinati, secondo l’Agenzia della Nazioni Unite per la salute, ad aumentare del 65% in 20 anni. Solo in Italia, secondo dati Istat e Aci, nel 2006 sono venute a mancare 5.669 persone (per il 77% uomini), mentre i feriti sono stati quasi 333mila. In questo scenario inquietante c’è però una nota positiva: in Italia le vittime della strada sono in diminuzione, tanto che nel 2000 erano oltre 7.000. A perdere la vita sulla strada nel 2006 erano, il più delle volte, persone alla guida di un’auto (32%) mentre meno frequentemente viaggiavano come passeggeri (17%); seguivanoCurva della strada.Fonte: freedigitalphotos.net”  class=”right” width=”232″ height=”159″ src=”http://moocom.it/iapb/wp-content/uploads/2008/07/Strada-curva-freedigitalphotos.jpg” /> i motociclisti (26%), i pedoni (13%) e i ciclisti (6%). Chi guida pericolosamente può aver bevuto o aver assunto droghe. Un ruolo importante è ricoperto dalle capacità visive: se si è in preda ai fumi dell’alcol si riducono sensibilmente (così come i riflessi, che rallentano).</span>    <span >Inoltre, è fondamentale che ci si sottoponga a visite oculistiche periodiche di controllo e che si portino gli occhiali se prescritto dal medico. Altro problema può essere causato anche dall’abbagliamento, particolarmente accentuato per chi soffre di </span><a
href=cataratta e nei miopi. Infine, le persone molto anziane è sconsigliabile che guidino perché più facilmente suscettibili a malori e perché i riflessi sono, comunque, più lenti in età avanzata.

Leggi anche: “ Viaggiare in sicurezza sulle strade

Link utili: Ministero delle Infrastrutture e dei trasporti , Aci , Polizia Municipale , ONU.

Fonti: Oms, Onu. Ultimo aggiornamento: 19 novembre 2009.