OCSE, Italia seconda per “tempestività” della cataratta

cataratta_operazione_chirurgica_in_italia-web.jpg

Per l’intervento si attendono in media 50 giorni col Sistema sanitario nazionale. Solo l’Olanda fa meglio di noi

cataratta_operazione_chirurgica_in_italia-web.jpgListe d’attesa tutto sommato contenute per la cataratta in rapporto agli altri Paesi OCSE: l’Italia è stata “promossa”, conquistando l’argento in un Rapporto pubblicato dall’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (“Health at Glance”), rilanciato a inizio settembre 2018 dall’Osservatorio Gimbe [[“Il Servizio Sanitario Nazionale nelle classifiche internazionali” (Report)]].

Grazie al nostro Sistema Sanitario Nazionale ci siamo classificati in seconda posizione, con 50 giorni d’attesa in media, subito dopo l’Olanda (37 giorni) tra i Paesi economicamente sviluppati. Al terzo posto si è attestata invece il Canada con 58 giorni, mentre in Gran Bretagna si arriva a 72 dì. Tra i Paesi OCSE – che nel 2015 hanno tenuto una media di 128 giorni – il fanalino di coda è invece la Polonia, dove passano 464 giorni tra la diagnosi e l’intervento chirurgico. Anche in Estonia i tempi medi sono decisamente eccessivi (253 giorni).

L’intervento di cataratta è il più eseguito in Italia e in molti altri Paesi sviluppati. Solo nel nostro Paese se ne stimano almeno mezzo milione l’anno.

Partecipa alla videochat ponendo un quesito sulla cataratta: scrivi a videochat@iapb.it

Fonti: Health at Glance (OECD), Gimbe