Non accendere la sigaretta, accendi il cervello

Vietato fumareNon accendere la sigaretta, accendi il cervello
Proseguirà fino a settembre la campagna antifumo del Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali
3 agosto 2009 – Se in questo momento state fumando una sigaretta vi invitiamo a spegnerla e ad accendere il cervello. Ha toni perentori la seconda fase della campagna di comunicazione sul fumo del Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali, che – iniziata il primo agosto – proseguirà fino a settembre. Il motivo? Il fumo fa male alla salute, non ultima anche a quella oculare, dato che la letteratura scientifica internazionale lo considera uno dei fattori di rischio della degenerazione maculare legata I fumatori danneggiano la salute propria e quella altruiall’età (AMD): si tratta di una malattia che può colpire dopo i 50 anni la zona più delicata della retina (la macula, che consente la visione centrale). Dunque, siete invitati a non ‘affumicaré la vostra vita e quella altrui, tenendo tra l’altro conto che troppo tabacco può provocare, oltre che tumori e problemi cardio-vascolari, persino la perdita della vista.

Gli obiettivi della campagna – scrive il Ministero del Welfare in un comunicato diffuso oggi – sono “ridurre il numero dei fumatori abituali, tutelare i non fumatori sensibilizzando i fumatori sui danni provocati agli altri e prevenire l’avvicinamento dei giovanissimi al fumo”. L’iniziativa, basata soprattutto su spot radiofonici ha un testimonial d’eccezione: il celebre attore comico Renato Pozzetto; ma sugli effetti dannosi del fumo c’è… poco da ridere!

Fonte: Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali