Mascherina e occhiali: 4 tips per ridurre i disagi

occhio secco

Secchezza oculare in crescita per chi indossa gli occhiali assieme ai dispositivi di protezione: ne parla uno studio dell’Ophthalmology Times.

L’uso di mascherine protettive, nell’ultimo anno, è diventato necessario per la sicurezza dell’intera popolazione. Ma cosa succede a chi indossa gli occhiali?

I portatori di occhiali hanno spesso lamentato il fastidio dovuto all’appannamento delle lenti quando si indossa la mascherina: l’aria che viene respirata, infatti, circola continuamente tra la mascherina e le lenti stesse posandosi sulla superfice oculare in modo anomalo.

Ciò, oltre a creare disagi nella messa a fuoco, ha aggravato la condizione di secchezza oculare, lo dice un articolo intitolato “ Mask up … and dry out?” pubblicato su Ophthalmology Times.

Il flusso d’aria proveniente dalla respirazione contribuisce alla secchezza degli occhi nello stesso modo in cui lo fanno le prese d’aria del riscaldamento o l’aria condizionata. Questo porta ad un’alterazione delle condizioni preesistenti della superficie oculare e causa sintomi anche in coloro che non hanno mai presentato disturbi di questo tipo.

I medici oculisti che hanno partecipato allo studio dell’Ophthalmology Times hanno infatti segnalato un aumento dei pazienti che si presentano con sintomi legati all’occhio secco come appunto secchezza e irritazione.

Nonostante l’utilizzo dei dispositivi medici di protezione per il Covid-19 sia ancora necessario per la salvaguardia della salute, si possono mettere in atto alcuni step per evitare che la condizione di secchezza oculare si presenti, come ad esempio:

  • Indossare una mascherina ben aderente al viso con un ponte nasale in metallo che possa essere adeguato alla forma del proprio naso
  • Usare del nastro medico per fissare il bordo superiore della mascherina al viso di modo che si possa ridurre il flusso dell’aria verso l’alto
  • Se l’ambiente esterno permette condizioni di sicurezza, prendere delle “pause” da mascherina, come ad esempio respirare all’aria aperta
  • Evitare flussi d’aria diretti provenienti da riscaldamento o aria condizionata