Salta il menù
Vai alla pagina dona ora

Dona oraSostienici

Notizie

Lenti a contatto per trattare le allergie oculari

Testate speciali lenti arricchite di un antistaminico: potrebbero aiutare a controllare i sintomi della congiuntivite allergica

La congiuntivite allergica potrebbe essere contrastata in modo nuovo grazie a lenti a contatto speciali testate negli Stati Uniti. Infatti ne sono state sperimentate di arricchite con un antistaminico – il ketotifene –, riducendo i fastidi oculari in maniera comparabile a quella dell’impiego di un classico collirio, ma con un rilascio più costante nel tempo.

Come si è svolta la sperimentazione

Le persone che hanno partecipato alla sperimentazione (244 in tutto) [1] sono state divise in tre gruppi: al primo è stata applicata la lente a un solo occhio e una lente a contatto di controllo all’altro occhio (non contenente il principio attivo). Il secondo gruppo ha portato le lenti sperimentali a entrambi gli occhi (rilasciando antistaminico) e il terzo gruppo ha messo due lenti normali per lo stesso periodo.

I primi controlli oculistici sull’allergia sono stati effettuati in due momenti: a un quarto d’ora dall’applicazione delle lenti e a distanza di 12 ore. Il prurito oculare è stato valutato su una scala da 1 a 4. Rispetto alla somministrazione del collirio ci sarebbe il vantaggio che l’antistaminico verrebbe rilasciato nell’occhio in modo più diretto e costante.

Possibili effetti avversi

Tra gli aspetti negativi c’è il fatto che anche le lenti a contatto ordinarie, se portate troppo a lungo, essendo sempre un corpo estraneo possono causare esse stesse irritazione oculare, ragion per cui in una serie di casi gli oculisti tendono a consigliare gli occhiali (soprattutto in caso di congiuntivite allergica).

In questo caso "esiti secondari hanno incluso iperemia ciliare, congiuntivale ed episclerale": ciò significa che, durante la sperimentazione, alcuni occhi si sono arrossati. [2]

Conclusioni

Si tratterebbe della prima dimostrazione dell’efficacia della somministrazione locale attraverso lenti a contatto terapeutiche per trattare l’allergia oculare.

"I risultati – scrivono online i ricercatori sulla rivista Cornea – sono comparabili con la somministrazione diretta topica del farmaco [ossia del collirio] e una combinazione lenti/ketotifene può offrire uno strumento simultaneo di correzione della vista e di trattamento per portatori di lenti a contatto affetti da allergie oculari".

Fonte: Cornea

[1promossa da una multinazionale che non a caso produce lenti a contatto

[2Per prevenire eventuali irritazioni/infezioni è quindi essenziale seguire le corrette norme igieniche d’impiego: le lenti a contatto ordinarie non andrebbero tenute più di 6-8 ore, non devono entrare in contatto con l’acqua corrente, se sono usa e getta non devono essere riutilizzate e se danno fastidio devono essere tolte. Leggi anche: 12 consigli per l’uso delle lenti a contatto


Pagina pubblicata il 3 aprile 2019.


Condividi su:

Contatta l'Agenzia internazionale per la prevenzione della cecità-IAPB Italia onlus

Chiama il numero verde 800-068-506

Il Numero Verde di consultazione oculistica è attivo dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 13.
Scrivi nel Forum: un medico oculista ti risponderà gratuitamente.