Il futuro dell’assistenza visto dal Ministero della Salute

ministero_della__salute-sede_rm_eur-prsn-500pixels.jpg

L’Atto d’indirizzo del 2019: prevenzione, universalismo delle cure, più collaborazione Stato-Regioni

ministero_della__salute-sede_rm_eur-prsn-500pixels.jpgUn sistema sanitario di ottimo livello che presenta alcuni aspetti critici. È questo il quadro italiano che emerge dal nuovo Atto d’indirizzo del Ministero della Salute 2019, in cui si spiega l’importanza della prevenzione, di un accesso universale alle cure e di una maggiore collaborazione tra Stato e Regioni del Belpaese.

Il Dicastero della Salute scrive:

Il sistema sanitario presenta un buon rapporto costi/efficacia, tant’è che la speranza di vita in Italia è rimasta costantemente al di sopra della media dell’Unione Europea e i tassi di mortalità evitabile sono tra i più bassi […]. Malgrado questo risultato lusinghiero si registra un elevato fabbisogno di cure mediche insoddisfatto, atteso che emergono realtà inerenti a fasce di popolazione, in evidente stato di disagio economico, che guardano, con maggior speranza, ad un reale e concreto universalismo, al fine di evitare il rinvio o l’abbandono delle cure.

Bisogna sempre promuovere la salute: l’interesse preminente da tutelare – sottolinea il documento ufficiale – deve essere quello dei cittadini, ai quali dovrà essere assicurata, nella massima trasparenza, ogni notizia e informazione utile.

Fonte principale: Ministero della Salute