Il diabete in agguato

Il diabete in agguato Presentato presso il Ministero della Salute un nuovo Rapporto su una malattia sempre più diffusa. Tra i rischi principali c’è la retinopatia diabetica 11 febbraio 2015 – Troppi zuccheri nel sangue possono tendere una “trappola” alla nostra salute, compresa quella visiva. Il diabete è sempre più diffuso: oggi in Italia sono 3,6 milioni le persone che ne sono affette. Inoltre ci sono individui che, pur soffrendo della malattia, non ne sono a conoscenza: ogni tre diabetici ce n’è un quarto che ancora non sa di esserlo. Provocando gravi danni, oltre che alla vista, anche al sistema cardiovascolare, ai reni e agli arti inferiori. Mercoledì 11 febbraio è stato presentato a Roma, presso il Ministero della Salute, l’Italian Barometer Diabetes Report 2014: si tratta di un rapporto periodico sul diabete nel nostro Paese. Questa pubblicazione è curata dall’Italian Barometer Diabetes Observatory Foundation (IBDO), col patrocino del Dicastero della Salute e dello European Public Health AssociationEUPHA. Alla presentazione sono intervenuti, tra gli altri, il Sottosegretario alla Salute Vito De Filippo e il Prof. Renato Lauro, Presidente dell’IBDO Foundation.Retinopatia diabetica “La retinopatia diabetica – si legge nel Rapporto – costituisce la principale causa di cecità legale fra i soggetti in età lavorativa ed è inoltre responsabile del 13% dei casi di handicap visivo. Circa un terzo dei soggetti con diabete è affetto da retinopatia e ogni anno l’1% viene colpito dalle forme più severe di questa patologia”. Il diabete è una malattia subdola: si può presentare persino senza causare particolari sintomi e per questo è fondamentale misurare periodicamente la glicemia (=concentrazione di zuccheri nel sangue). Per prevenirla, compresi i danni associati, è fondamentale un corretto stile di vita: mangiare sano, praticare attività fisica e… recarsi periodicamente dal medico. Le numerose complicazioni del diabete influiscono in modo drammatico sullo stato dell’individuo a livello psicologico, fisico e sociale, mettendone a repentaglio il proprio benessere. Il 15% dei malati soffre di malattie coronariche, il 22% di retinopatia diabetica ed è a rischio di cecità, il 38% presenta alterazioni a livello renale ed è a rischio di dialisi, il 3% soffre problemi ai piedi ed è a rischio di amputazione. Le cause principali dell’aumento del numero di diabetici (secondo l’Oms sono 347 milioni) sono l’invecchiamento della popolazione e il progressivo aumento dell’obesità nonché il peggioramento dello status socio-economico. Insomma, il diabete è una malattia complessa, che va sempre sorvegliata a vista.

Leggi anche “ Quel diabete da tenere d’occhio

Fonti principali: IBDO , Oms