Il 6,5% di nati prematuri in Italia

Prematuro

PrematuroIl 6,5% di nati prematuri in Italia Più elevati i rischi di problemi per la salute (anche oculare). Ieri se ne è discusso presso il Senato 21 luglio 2010 – Sono un piccolo ‘esercito’: il 6,5% dei neonati italiani nasce prima del tempo. Con conseguenze sulla loro salute: i prematuri sono più esposti al rischio di retinopatia ( ROP ) e, quindi, all’ipovisione, alla cecità e ad altre menomazioni sensoriaNeonata prematurali, disabilità motorie, patologie respiratorie, disturbi del comportamento e dell’apprendimento. Se ne è discusso ieri al Senato in una tavola rotonda. Attualmente la prematurità è la principale causa di mortalità e di malattie infantile nei Paesi industrializzati e in quelli in via di sviluppo; però secondo l’Oms esistono forti disuguaglianze tra i due gruppi di Stati a livello di possibilità di sopravvivenza dei prematuri. Quasi 11 milioni di prematuri su 13 milioni nascono in Africa e Asia, “dove molti – scrive l’Oms – non hanno accesso a cure efficaci”. A livello mondiale il 10% delle nascite avvengono prima della 37° settimana di gestazione (sono premature) e sono più a rischio se il peso alla nascita è basso. Secondo lo European Foundation for the Care of Newborn Infants (EFCNI), che ha curato un Rapporto dedicato ai prematuri, sono circa un milione e mezzo i decessi che avvengono nel mondo ogni anno.

Leggi anche: “ ROP, trattamento precoce nella forma grave ”, “ Prematuri, non perdeteli di vista

Fonti: sordionline, OMS .