I traumi da pallone riducono la risposta al K-D test

Uno studio prospettico americano suggerisce che le funzioni oculomotorie possono riflettere un danno sensoriale sottile causato da impatti sub-concussivi alla testa.

I traumi sub-concussivi da pallone riducono temporaneamente la risposta al King-Devick test. È questa la scoperta della sperimentazione clinica randomizzata condotta dalla Indiana University School of Public Health di Bloomington[1]. Lo studio ha valutato la velocità e l’errore del King-Devick test scoprendo che 10 colpi di pallone alla testa sono in grado di smussare la capacità neuro-oftalmologica di apprendere e adattarsi al K-D test.

In questo studio clinico sono stati messi a confronto due gruppi composti da 67 giocatori di calcio con un’età media di 20,6 anni: un gruppo di “testa” e un gruppo di “calcio” (gruppo di controllo). Il gruppo di testa ha eseguito 10 testate con palloni da calcio proiettati a una velocità di 25 mph. Il gruppo di controllo ha seguito lo stesso protocollo ma con 10 calci. L’errore del K-D test e il punto di convergenza vicino (NPC)[2] sono stati valutati a 0, 2 e 24 ore dopo la direzione o il calcio.

Differenze di gruppo si sono verificate in tutti i punti post-intervento. In particolare, il gruppo di controllo dei calci ha eseguito il K-D test più velocemente a 0, 2 e 24 ore dopo l’intervento rispetto al gruppo di testa. Dai dati è inoltre emerso che 10 testate da pallone di calcio hanno significativamente alterato l’NPC immediatamente dopo l’impatto e la compromissione è persistita per più di 24 ore. L’NPC era cronicamente compromesso nei giocatori di football americano delle scuole superiori che sostenevano alte frequenze e magnitudini di impatti alla testa.

L’impatto sub-concussivo della testa, definito come un impatto sulla testa che non induce sintomi clinici di commozione cerebrale, è emerso dunque come problema diffuso. Questi risultati supportano l’ipotesi che la funzione neuro-oftalmologica è influenzata, almeno a breve termine, da impatti sub-concussivi alla testa causando la vulnerabilità temporale della funzione oculomotoria e dell’efficienza cognitiva.

I circuiti neurali, che collegano le funzioni cognitive e oculomotorie, possono essere così temporaneamente vulnerabili e questo potrebbe interessare diverse persone impegnate in sport di contatto. Ulteriori studi potranno poi aiutare a determinare se queste misure potranno essere uno strumento clinico utile per rilevare lesioni sub-concussive acute della testa che possono compromettere l’integrità neuro-oftalmologica.


King-Devick Test

Il King-Devick Test è uno strumento di screening creato da King-Devick Technologies per valutare i deficit cognitivi visivi post-concussione attraverso l’analisi delle componenti saccadiche dei movimenti oculari. È una valutazione rapida di due minuti della denominazione numerica, in cui un individuo legge rapidamente ad alta voce numeri a una cifra e si valutano le alterazioni dei movimenti oculari, dell’attenzione e della funzione del linguaggio.

Per un approfondimento visita il sito: https://kingdevicktest.com/


[1] Madeleine K. Nowak et al., Neuro-Ophthalmologic Response to Repetitive Subconcussive Head Impacts. A Randomized Clinical Trial, in “JAMA Ophthalmology”, February 2020. 

[2] Il punto di convergenza vicino (NPC) misura il punto di messa a fuoco più vicino prima dell’impatto.