Gli occhi vanno protetti (anche) in vacanza

Gli occhi vanno protetti

“Tutte le attività sono passate dal dorso all’occhio dell’uomo. Per questo vogliamo dare alcuni consigli pratici per proteggere i nostri occhi, che oggi sono continuamente esposti alla luce, specie quella artificiale”. Il Prof. Filippo Cruciani, referente scientifico di IAPB Italia Onlus, è intervenuto a Radio Cusano Campus per parlare di prevenzione e salute degli occhi.

La prevenzione non va in vacanza, soprattutto nel periodo estivo. D’estate il nostro organismo ha bisogno di molta acqua e lo stesso vale per gli occhi. Per questo è necessario mantenere una buona idratazione e mettere in pratica alcuni accorgimenti che possono fare la differenza per la salute.

Quanto è importante l’idratazione per i nostri occhi?

Garantire l’idratazione a tutto il fisico è una norma da perseguire, soprattutto per gli occhi. Due sono i distretti che hanno bisogno di una buona idratazione durante il caldo estivo: uno è il film lacrimale, che protegge la cornea ed è fondamentale per il benessere visivo. Con il caldo può verificarsi un assottigliamento di questo film e assumere liquidi significa, quindi, mantenerlo in una buona condizione. L’altro distretto è il vitreo, una gelatina che riempie il bulbo oculare ed ha bisogno di essere idratato costantemente. In caso contrario, si può andare incontro al distacco e alla formazione di una ragnatela davanti agli occhi che dà molto fastidio alla vista.

D’estate, dunque, è necessario mantenere una buona idratazione assumendo liquidi a piccoli sorsi.

Ragnatele, punti e mosche volanti: cosa sono?

Vengono chiamate “mosche volante” i puntini, le virgole, talvolta le “ragnatele” che percepiamo in alcuni momenti, soprattutto quando c’è una buona illuminazione e si osservano, ad esempio, pareti luminose e chiare, come il cielo azzurro al mare. Questo succede perché il vitreo, la struttura gelatinosa che riempie l’occhio, non è perfettamente trasparente. Qualche volta questa struttura può assumere una valenza più grande, più fastidiosa e questa massa, disidratandosi, si stacca formando una sorta di ragnatela che ci passa davanti. Anche per questo, una buona idratazione risulta fondamentale durante l’estate.

Tenere gli occhi aperti al mare o in piscina fa male?

Se il mare è pulito e la piscina non ha una grossa componente di iodio, tenere gli occhi aperti nell’acqua non dà nessun problema. Il problema, invece, sussiste nelle condizioni di mare molto sporco o di una piscina non perfettamente adeguata, con un eccesso di cloro. Allora, è opportuno usare gli occhialini e proteggere gli occhi.  

È sconsigliato utilizzare in spiaggia i cellulari o altri dispositivi elettronici?

Usare il cellulare in spiaggia non fa male agli occhi. L’accortezza da seguire è stare attenti alla luminosità esterna, che è molto forte e violenta e al mare può raggiungere 60mila lux, e a quella che è la luminanza dello smartphone. Ci deve essere un certo contrasto perché l’occhio potrebbe affaticarsi ed iniziare a bruciare. Per questo è consigliabile utilizzare lo smartphone sotto l’ombrellone.

Si può fare il bagno con le lenti a contatto?

È preferibile non utilizzare le lenti a contatto durante il bagno, oppure toglierle immediatamente dopo.

La prevenzione, quindi, non va in vacanza e per questo è bene seguire tutti gli altri consigli per prendersi cura del corpo e della salute degli occhi qui.