Salta il menù
Dona oraSostienici

L’OCULISTA RISPONDE - DISCUSSIONE

Vai a tutte le discussioni

laser miopia

Discussione avviata da Guest il 6 marzo 2006

Avrei deciso di sottopormi all’intervento per la correzione della miopia. Ci sono dei rischi legati a questa operazione? Il decorso post operatorio come si svolge?
Ringrazio!

risposta dell'oculista

Re: laser miopia

Risposta di Oculista

Scritto il 7 marzo 2006

Il tipo di intervento ed il post-operatorio dipendono molto dall’entità del difetto che si dovrà correggere; di conseguenza a seconda della tecnica utilizzata varieranno il tipo di accorgimenti e le sensazioni soggettive del postoperatorio.
I rischi oggi sono legeti all’imprevisto che dipende dalla risposta individuale di ogni singolo soggetto.
Si tratta ormai di interventi ben codificati e con anni di follow-up. Se le indicazioni all’intervento sono presenti e si studia accuratamente la cornea tutto si dovrebbe svolgere in tempi celeri. Ci possono essere nell’immediato dei fastidi superabili, e la definitiva riuscita si ha dopo qualche settimana.
Comunque chiunque voglia sottoporsi a questo tipo di trattamento dovrà richiedere ogni spiegazione al chirurgo chiarendosi tutti i dubbi leggittimi.

Re: laser miopia

Risposta di Guest

Scritto il 17 marzo 2006

Anch’io sto pensando di sottopormi all’operazione.
Ho già parlato con un medico, che mi ha consigliato la PRK, e presto ne consulterò un altro.
Ho contattato anche diversi medici via e-mail e ho ricevuto alcune risposte che hanno sollevato altri dubbi:
- mi hanno detto che la PRK è ormai superata, e mi hanno consigliato la LASIK
- ho sentito diverse esperienze personali, nelle quali dopo l’operazione hanno dovuto sottoporsi ad un trapianto di cornea!
- alcune persone dicono che dopo l’operazione la qualità visiva non eguaglierà mai quella che si ha con le lenti a contatto
- ho sentito del fenomeno dell’opacamento della cornea (haze), questo si può prevedere?

Informo che sono solamente miope, e mi mancano 4.25 e 4.50 diottrie. La retina è sana.
Ero quasi convinta, fino a poco tempo fa, ma mi sto documentando sempre più e la mia certezza sta cominciando a vacillare.
Cosa mi consiglia?
Grazie.
Michela

risposta dell'oculista

Re: laser miopia

Risposta di Oculista

Scritto il 20 marzo 2006

Cara Michela,
è sempre consigliato avere pareri ed opinioni di esperti che parlano con cognizione e cioè dopo aver valuato la sua specifica situazione documentata tra l’altro da esami specifici!!!!
Attualmente vengono utilizzate, a discrezione del chirurgo, due tecniche di intervento: la cheratectomia refrattiva (PRK) e lacheratectornia intrastromale (LASIK) con laser ad eccimeri. Quale che sia la tecnica adoperata, si rivolge alla risoluzione dei soli difetti di refrazione, ma non modifica quelle patologie che possono essere associate al difetto di vista. In altre parole, ad esempio, un miope con alterazioni retiniche non può sperare di vedere risolto questo problema da un intervento chirurgico a scopo refrattivo, ne questo può costituire una assicurazione verso eventuali, possibili, successive complicanze retiniche.
L’intervento mira invece ad una riduzione del potere dell’occhiale o, nei casi più favorevoli, alla sua completa eliminazione con diminuzione dei fastidi e delle distorsioni che ad esso si accompagnano.
IL mio consiglio è quello di sottoporsi alla visita oculistica corredata dagli esami strumentali per capire qual’è la sua situazione

Re: laser miopia

Risposta di Guest

Scritto il 25 marzo 2006

Grazie per la risposta,
ho già parlato di questa operazione con il mio medico che mi seguiva anni fa, che mi aveva consigliato di farla quando il difetto si fosse stabilizzato, e con un altro medico che mi ha visitato poco tempo fa, anche quest’ultimo a favore dell’operazione, viste anche le mie retine in condizioni perfette.
La mia miopia è stabile da quasi 7 anni.
Volevo sapere se è vero che la PRK è ormai superata, e che la LASIK la sta soppiantando, e, se vero, per quali motivi.
Sa dirmi se nel mio caso sarebbe consigliabile la PRK o la LASIK?

Re: laser miopia

Risposta di lusianae

Scritto il 26 marzo 2006

Il mio specialista con una miopia di 2,75-3,50 me l’ha sconsigliata. :-/
Anch’io ho letto che solo la metà di chi è stato operato non riporta conseguenze.

risposta dell'oculista

Re: laser miopia

Risposta di Oculista

Scritto il 27 marzo 2006

La LASIK è l’intervento più usato a livello internazionale per correggere difetti refrattivi di grado medio-elevato, e le pubblicazioni scientifiche a riguardo ne parlano dal 1990!!
Con la PRK (pubblicazioni risalenti al 1987) o fotoablazione corneale di superficie mediante laser ad eccimeri si ottengono risultati sufficientemente precisi, sicuri e stabili nel tempo, specialmente con i laser di terza generazione cioè con quelli di più recente produzione.
Il trattamento di superficie con laser ad eccimeri riesce a correggere con buona esattezza la miopia lieve fino a circa 8-10 diottrie, è invece soggetto ad imprecisioni oltre tale valore.
Forse è il caso che chiarisca bene la sua situazione per capire se vi sono altre controindicazioni all’una o all’altra soluxione.

Re: laser miopia

Risposta di Guest

Scritto il 1 aprile 2006

Grazie, giovedì farò una nuova visita oculistica da un altro medico, poi probabilmente comincerò le visite specifiche.
E a lusiana cosa risponde?!
Grazie!

risposta dell'oculista

Re: laser miopia

Risposta di Oculista

Scritto il 3 aprile 2006

Prima di rispondere a Luisiana dovrei chiederle per quale motivo le è stato sconsigliato l’intevento!
Ricordi che ogni individuo è un caso a se stante, non si può e non si deve generalizzare ma semplicemente valutare la scelta più appropriata nello specifico; ed è per questo che sottolineo l’importanza di farsi controllare dallo specialista.
E’ inutile fantasticare su opinioni ed ipotesi, è importante ragionare e sviluppare un risultato su dati obbiettivi.

re: laser miopia

Risposta di LunaCat

Scritto il 25 luglio 2006

io per esempio sono stato operato con la prk 3 mesi fà per una miopia di 2.25 anche se vedevo peggio di uno che aveva -4 e questo non l’ho mai capito , con la prk mi è andato tutto bene , ho un visus di 13/10 , occhio destro 12/10 e sinistro 11/10 , la mia vita è cambiata !!! l’unica cosa veramente stressante è il post operatorio ce è veramente lento , pensate che ho visto perfettamente dopo 2 mesi e 15 giorni esatti , fino all’ora sdoppiamenti ecc.. ecc. ma che il mio grandissimo oculista mi aveva gia avvertito , risultato è che sono contentissimoo e lo rifarei 30000 volte

re: laser miopia

Risposta di giodelfi

Scritto il 26 luglio 2006

Volevo alcune rassicurazioni da Lei e da Lunacat...

Sono terrorizzato e in preda ad una forte ansia!

Ho subito l’intervento di prk, contemporaneamente ai due occhi, il 04/07 u.s. per una miopia di 2.50 e 2.75 e un pò di astigmatismo e ora ho problemi alla vista che non riesco a razionalizzare. il medico è stato scrupoloso e il macchinario so che è di ultima generazione (si blocca se sposti l’occhio).

Ma vedo male ho distorsioni e mi stò deprimendo...

i problemi grossi li ho più da vicino e negli ambienti chiusi.

tralasciamo, vedendo da vicino (computer /libro), l’alone che raddoppia le lettere e che la qualità visiva è infastidita da uno strano sfarfallio che fa "ballare" le lettere delle righe sopra e sotto a dove sto leggendo.

Ma quello che mi preoccupa è che "A medio raggio" (Nella stanza di ufficio, a casa e, comunque, in ambienti piccoli): ho una patina opaca fissa che "sgrana" tutto, una visione satinata che sembra quasi che la cicatrizazione sia stata "porosa" perchè non è un problema di messa a fuoco, è fissa. Ho come delle stelline/formichine davanti agli occhi.
Problemi di quando guardo cose o persone che dietro hanno profondità e prospettive. a questo punto mi "balla" l’occhio ed ho un effetto luce/ombra sul viso delle persone stesse (forse vedo in maniera diversa nei due occhi.
A lungo raggio: il problema più grosso fuori ce l’ho di giorno guardando, per esempio, palazzi illuminati dal sole o alberi, a questo punto è come se spostando l’occhio mi si sposta "l’impronta" dell’immagini precedente, insomma delle specie di lampi, un "ronzio" luminoso continuo, che mi fa un bruttissimo effetto, con gli occhiali da sole lo noto molto meno. Perchè?
- Insomma, una "tendina"opaca davanti nelle stanze e negli ambienti chiusi e "tremolante" davanti alle cose illuminate dla sole, come quando l’estate uno guarda attraverso l’asfalto arroventato che da quell’effetto mosso.

Sono veramente preoccupato e ho strani presagi che qualcosa nn vada e voglio avere certezze che questi effetti regrediscano, soprattuto per questi "contorni che si spostano".
Il medico dice che ho un’astigmatismo da ipermetropia post-operatoria, che mi causa la visione doppia, ma il resto???
vi sarei grato se mi rispondeste...

Luna cat parlava di "sdoppiamenti ecc. ecc." per due mesi e 15 giorni a me quell’ecc. ecc. interessa moltissimo!!

vorrei capire se corrispondono gli effetti..

saluti e grazie per quanto potrete dirmi
guido

>re: laser miopia
>2006-07-25 13:24:33
>io per esempio sono stato operato con la prk 3 mesi fà per una miopia di 2.25 anche se vedevo peggio di uno che aveva -4 e questo non l’ho mai capito , con la prk mi è andato tutto bene , ho un visus di 13/10 , occhio destro 12/10 e sinistro 11/10 , la mia vita è cambiata !!! l’unica cosa veramente stressante è il post operatorio ce è veramente lento , pensate che ho visto perfettamente dopo 2 mesi e 15 giorni esatti , fino all’ora sdoppiamenti ecc.. ecc. ma che il mio grandissimo oculista mi aveva gia avvertito , risultato è che sono contentissimoo e lo rifarei 30000 volte


<"giodelfi" riporta il post di "LunaCat" il 2006-07-26 16:20:22>


re: laser miopia

Risposta di LunaCat

Scritto il 26 luglio 2006

ma dai tranquillooo!!! non è nemmeno un mese che ti sei operato, io al secondo occhio vedevo da cani anche dopo un mese e mezzo quasi due , immagini sdoppiate , controrni strani , aloni ecc. ecc. se l’oculista ti ha rivisto e ha detto che l’operazione è andata bene devi solo aspettare , metti il cortisone vero? la cicatrice (haze) và via piano piano , il tempo di recupero cambia da soggetto a soggetto , comunque ripeto stai tranquillo ci vuole tempo per l’assestamento

re: laser miopia

Risposta di giodelfi

Scritto il 27 luglio 2006

si metto il cortisone (etacortilen) per tre volte al giorno una goccia.

l’oculista dice che è tutto perfetto, addirittura che non sembra che sono operatoe me l’ha confermato anche un altro dal quale mi sono rivolto. dunque è tutto cicatrizzato, allora perche stò così? preferivo dover cicatrizzare almeno era giustificato..

a me quello che mi preoccupa sono questi effetti con la luce: da vicino formicolio e da lontano "fantasmi" dovuti alla luce. vermanete non so che pensare....vorrei sapere se altri hanno avuto quuesti effetti e se sono passati.

>re: laser miopia
>2006-07-26 21:15:14
>ma dai tranquillooo!!! non è nemmeno un mese che ti sei operato, io al secondo occhio vedevo da cani anche dopo un mese e mezzo quasi due , immagini sdoppiate , controrni strani , aloni ecc. ecc. se l’oculista ti ha rivisto e ha detto che l’operazione è andata bene devi solo aspettare , metti il cortisone vero? la cicatrice (haze) và via piano piano , il tempo di recupero cambia da soggetto a soggetto , comunque ripeto stai tranquillo ci vuole tempo per l’assestamento


<"giodelfi" riporta il post di "LunaCat" il 2006-07-27 09:52:38>


re: laser miopia

Risposta di LunaCat

Scritto il 27 luglio 2006

hai mai sentito parlare di stabilizzazione della vista? che vuol dire se sei cicatrizzato? l’occhio si deve abituare alla sua nuova forma e poi fuoei è cicatrizzato ma dentro si deve stabilizzare il tutto , vai tranquillo e non farti paranoie inutili

Re: laser miopia

Risposta di giodelfi

Scritto il 27 luglio 2006

Volevo alcune rassicurazioni da Lei.

Lunacat mi ha già dato info rassicuranti basati sulla sua lunga attesa di recupero, che spero lei mi confermi.

le ripeto di sotto quanto già scritto a lunacat, nn mi intendo di forum e dunque non so se ha avuto modo di leggere:

Ho subito l’intervento di prk, contemporaneamente ai due occhi, il 04/07 u.s. per una miopia di 2.50 e 2.75 e un pò di astigmatismo e ora ho problemi alla vista che non riesco a razionalizzare. il medico è stato scrupoloso e il macchinario so che è di ultima generazione (si blocca se sposti l’occhio).

Ma vedo male ho distorsioni e mi stò deprimendo...

i problemi grossi li ho più da vicino e negli ambienti chiusi.

tralasciamo, vedendo da vicino (computer /libro), l’alone che raddoppia le lettere e che la qualità visiva è infastidita da uno strano sfarfallio che fa "ballare" le lettere delle righe sopra e sotto a dove sto leggendo.

Ma quello che mi preoccupa è che "A medio raggio" (Nella stanza di ufficio, a casa e, comunque, in ambienti piccoli): ho una patina opaca fissa che "sgrana" tutto, una visione satinata che sembra quasi che la cicatrizazione sia stata "porosa" perchè non è un problema di messa a fuoco, è fissa. Ho come delle stelline/formichine davanti agli occhi.
Problemi di quando guardo cose o persone che dietro hanno profondità e prospettive. a questo punto mi "balla" l’occhio ed ho un effetto luce/ombra sul viso delle persone stesse (forse vedo in maniera diversa nei due occhi.
A lungo raggio: il problema più grosso fuori ce l’ho di giorno guardando, per esempio, palazzi illuminati dal sole o alberi, a questo punto è come se spostando l’occhio mi si sposta "l’impronta" dell’immagini precedente, insomma delle specie di lampi, un "ronzio" luminoso continuo, che mi fa un bruttissimo effetto, con gli occhiali da sole lo noto molto meno. Perchè?
- Insomma, una "tendina"opaca davanti nelle stanze e negli ambienti chiusi e "tremolante" davanti alle cose illuminate dla sole, come quando l’estate uno guarda attraverso l’asfalto arroventato che da quell’effetto mosso.

Sono veramente preoccupato e ho strani presagi che qualcosa nn vada e voglio avere certezze che questi effetti regrediscano, soprattuto per questi "contorni che si spostano".
Il medico dice che ho un’astigmatismo da ipermetropia post-operatoria, che mi causa la visione doppia, ma il resto???
vi sarei grato se mi rispondeste...
l’oculista dice che è tutto perfetto, addirittura che non sembra che sono operato e me l’ha confermato anche un altro dal quale mi sono rivolto. dunque è tutto cicatrizzato, allora perche stò così? preferivo dover cicatrizzare almeno era giustificato..

a me quello che preoccupa sono questi effetti con la luce: da vicino formicolio e da lontano "fantasmi" dovuti alla luce. vermanete non so che pensare....vorrei sapere se altri hanno avuto quuesti effetti e se sono passati.

saluti e grazie per quanto potrete dirmi
guido

risposta dell'oculista

re: laser miopia

Risposta di Oculista

Scritto il 28 luglio 2006

E’ vero che ogni individuo risponde diversamente, anche se i tempi di convalescenza sono ormai piuttosto codificati per interventi che hanno avuto un normale iter di esecuzione.
Se il suo oculista la tranquillizza che tutto procede regolarmente cerchi di pazientare ancora qualche settimana: il pieno recupero dovrebbe ottenersi entro i 2 mesi dall’intervento; segua scrupolosamente le indicazioni terapeutiche dell’oculista ed esponga anche a lui quello che ha scritto nel forum. Comunque non ci sono i presupposti per pensare che si tratti di una situazione irreversibile.

re: laser miopia

Risposta di LunaCat

Scritto il 19 agosto 2006

Buongiorno.
Vorrei avere qualche informazione per quanto riguarda la possibilita di interventi per il recupero della vista in pazienti con miopia elevata(mia madre 66enne ha una mancanza di circa 21 diottrie).
Volevo sapere se gentilmente poteva indicarmi qualche professore da cui poterla far visitare,qualcuno veramente bravo da cui poter affidare un parere.
la ringrazio anticipatamente per il suo aiuto.

re: laser miopia

Risposta di giodelfi

Scritto il 23 agosto 2006

dottore,

le avevo già scritto i miei sintomi ma era passato poco tempo dall’operazione.

ora a circa 50 gg. dall’operazione ho ancora sdoppiamenti nel senso che se guardo la luna è come se vedessi una eclisse o se leggo da vicino o a due tre metri c’è sempre sopra le lettere che leggo, diciamo la loro "ombra" (sempre verso l’alto) per capirsi.

nelle stanze (ufficio, casa) vedo sempre un pò satinato.

soprattutto dal sinistro che dovrebbe essere quello più ipermetrope.

l’oculista giusto ieri sera mi ha detto che permane l’astigmatsimo miopico da un lato e ipermetrope dall’altro (0,50) e che non sà spiegarmi gli sdoppiamenti.

che ne pensa?

grazie e saluti

>re: laser miopia
>2006-07-28 10:26:27
>E’ vero che ogni individuo risponde diversamente, anche se i tempi di convalescenza sono ormai piuttosto codificati per interventi che hanno avuto un normale iter di esecuzione.
Se il suo oculista la tranquillizza che tutto procede regolarmente cerchi di pazientare ancora qualche settimana: il pieno recupero dovrebbe ottenersi entro i 2 mesi dall’intervento; segua scrupolosamente le indicazioni terapeutiche dell’oculista ed esponga anche a lui quello che ha scritto nel forum. Comunque non ci sono i presupposti per pensare che si tratti di una situazione irreversibile.


<"giodelfi" riporta il post di "Oculista" il 2006-08-23 12:45:05>


risposta dell'oculista

re: laser miopia

Risposta di Oculista

Scritto il 19 settembre 2006

Se è rimasto un piccolo residuo refrattivo non corretto è chiaro che questo le provoca la sensazione di sdoppiamento che avverte.
Io credo che il suo problema sia legato ad un normale decorso post operatorio in cui si verifica lo shift miopico o ipermetropico legato all’assestamento.
Consideri infine che l’intervento seppur "riuscito" potrebbe richiedere di un ritocco per eliminare i piccoli residui refrattivi sintomatologicamente fastidiosi come nel suo caso.

risposta dell'oculista

re: laser miopia

Risposta di Oculista

Scritto il 19 settembre 2006

>
Purtroppo non sono in grado di fornirle molte soluzioni, in quanto ho bisogno di più dati anamnestici:
in particolare quanto vede la sua mamma con la correzione totale.
Consideri che la visione e quindi un eventuale recupero visivo dipende da un buon funzionamento retinico, sia strutturalmente che anatomicamente.
In attesa di ulteriori informazioni le consiglio di fare un controllo per inquadrare e/o aggiornare la situazione attuale

re: laser miopia
>2006-08-19 12:06:33
>Buongiorno.
Vorrei avere qualche informazione per quanto riguarda la possibilita di interventi per il recupero della vista in pazienti con miopia elevata(mia madre 66enne ha una mancanza di circa 21 diottrie).
Volevo sapere se gentilmente poteva indicarmi qualche professore da cui poterla far visitare,qualcuno veramente bravo da cui poter affidare un parere.
la ringrazio anticipatamente per il suo aiuto.


<"Oculista" riporta il post di "LunaCat" il 2006-09-19 10:58:21>


re: laser miopia

Risposta di Veronica20

Scritto il 27 settembre 2006

Salve,
innanzitutto mi scuso se faccio questa richiesta qui invece di aprire una nuova discussione come avrei dovuto fare, ma purtroppo non ci sono riuscita (scusate l’ignoranza), visto che si parlava di laser ho voluto scrivere qui,
comunque vorrei chiedere un’informazione se possibile:
sono stata operata di cheratoplastica lamellare per cheratocono nell’aprile 2002 all’occhio destro, e nel maggio 2004 all’occhio sinistro, l’intervento è andato bene e ora vedo 8/10 con occhiali da 3 diottrie, io però vorrei cercare di eliminarli, o almeno di ridurne l’uso in modo da non doverne avere una completa dipendenza, cosa che per me è davvero alquanto spiacevole, anche perchè sono davvero antiestetici! Perciò vorrei chiedere se posso sottopormi a un intervento di chirurgia refrattiva laser (di PRK, Lasik, Lasek, o anche a più di uno se necessario, o magari ricorrendo anche a un trattamento laser personalizzato/customizzato che, mi pare di aver capito, sono gli interventi di elezione in caso di difetti complessi e/o astigmatismi irregolari) per poter appunto cercare di togliere gli occhiali, o almeno ridurne l’uso in modo da usarli più da riposo invece che come una "protesi immancabile" (i costi naturalmente non mi interessano, mi interessa solo poter realizzare questo mio sogno per il quale posso affrontare senza problemi qualunque rischio chirurgico).
Spero in qualche risposta e ringrazio molto chi mi risponderà.
Chiedo ancora scusa se ho fatto questa domanda qui.

risposta dell'oculista

re: laser miopia

Risposta di Oculista

Scritto il 31 ottobre 2006

>re: laser miopia
>2006-09-27 00:42:17
>Salve,
innanzitutto mi scuso se faccio questa richiesta qui invece di aprire una nuova discussione come avrei dovuto fare, ma purtroppo non ci sono riuscita (scusate l’ignoranza), visto che si parlava di laser ho voluto scrivere qui,
comunque vorrei chiedere un’informazione se possibile:
sono stata operata di cheratoplastica lamellare per cheratocono nell’aprile 2002 all’occhio destro, e nel maggio 2004 all’occhio sinistro, l’intervento è andato bene e ora vedo 8/10 con occhiali da 3 diottrie, io però vorrei cercare di eliminarli, o almeno di ridurne l’uso in modo da non doverne avere una completa dipendenza, cosa che per me è davvero alquanto spiacevole, anche perchè sono davvero antiestetici! Perciò vorrei chiedere se posso sottopormi a un intervento di chirurgia refrattiva laser (di PRK, Lasik, Lasek, o anche a più di uno se necessario, o magari ricorrendo anche a un trattamento laser personalizzato/customizzato che, mi pare di aver capito, sono gli interventi di elezione in caso di difetti complessi e/o astigmatismi irregolari) per poter appunto cercare di togliere gli occhiali, o almeno ridurne l’uso in modo da usarli più da riposo invece che come una "protesi immancabile" (i costi naturalmente non mi interessano, mi interessa solo poter realizzare questo mio sogno per il quale posso affrontare senza problemi qualunque rischio chirurgico).
Spero in qualche risposta e ringrazio molto chi mi risponderà.
Chiedo ancora scusa se ho fatto questa domanda qui.


<"Oculista" riporta il post di "Veronica20" il 2006-10-31 12:25:43>


Molti autori hanno pubblicato risultati positivi ottenuti con il il trattamento laser, nella correzione delle ametropie post trapianto di cornea e con le metodiche LASIK, PRK, PRK transepiteliale customizzata.
Quest’ultima ovviamente è indicata negli astigmatismi irregolari e con un range più elevato.
Possono sicuramente esserci delle complicanze che vanno dalla perdita di trasparenza del lembo ad episodi di rigetto che vengono trattate con terapie farmacologiche; mentre per quelle strutturali post lasik la situazione può essere più complicata.
Pertanto è necessario un attento ed accurato esame oculistico per stabilire se il suo è un caso elegibile a queste soluzioni, ed il suo oculista può consigliarle in base alla situazione obiettiva quale è il trattamento più adatto.

re: laser miopia

Risposta di cuomoludovico

Scritto il 11 novembre 2006

Buongiorno, non so se ho errato forum ma vorrei un semplice consiglio medico...in sintesi il 27 settembre ho fatto un intervento lasik per correggere la miopia ma sin dalle prime installazioni delle lacrime artiificiali ho avuto problemi di arrossamento agli occhi con scarsi risultati di lubrificazione....ho utilizzato prima l’hiluprotect u.d. in monodose dopo 3 giorni sono passato al systane per poi provare diversi colliri quali l’hilocomod ecc.tutti a base di ialuronato di sodio,il problema è che alle prime insillazioni tutto procede bene come inizio ad utilizzare lo stesso prodotto per 4 o 5 giorni ho problemi di arrossamento e scarsi risultati di lubrificazione,l’unico prodotto che sembra darmi sollievo è il gentelagel che il mio oculista che mi ha operato mi ha consigliato di mettere la notte.....cosa mi consigliate?
ora utilizzo solo lacrimalfa perchè tutti gli altri colliro a base di ialunorato di sodio mi arrossano gli occhi....Grazie mille e buon lavoro sperando di aver scritto al forum giusto i miei più cordiali saluti Cuomo Ludovico

risposta dell'oculista

re: laser miopia

Risposta di Oculista

Scritto il 22 novembre 2006

Il collirio genteal è una soluzione oftalmica senza conservanti che contiene idrossipropil metilcellulosa e può essere utilizzato più volte al giorno senza controindicazioni, anche in aggiunta al lacrimalfa.

re: laser miopia

Risposta di enzodeber

Scritto il 24 novembre 2006

sono circa tre anni che ho fatto la lasik ad entrambi gli occhi ma l’emozione dell avisione perfetta(sempre rispetto agli occhiali) è durata poco. Dopo 6 mesi OS una membrana neovascolare (cosa molto grave perchè).il mese successivo distacco posteriore di vitreo all’OD. quindi totale imagini deformate ( e dicono che mi è andata bene perchè dalle menbrane neovascolari retiniche purtroppo non si guarisce) e un pezzo di vitreo opaco che balla davanti con annesii una miriade indescrivibile di corpuscoli mobili che impediscono una concentrazione di più di 5 o sei secondi su un oggetto ( libro / computer etc) Aggiungendo una regressione della miopia che mi evidenzia ancora di più la visione sdoppiata, valutate voi.

Consiglio a tutti di aumentare i controlli dall’oculista in modo da prevenire possibili problemi piuttosto di sperare in miracoli che purtroppo non avvengono.
PS intervento fatto da uno dei migliori....

risposta dell'oculista

re: laser miopia

Risposta di Oculista

Scritto il 27 novembre 2006

Il consiglio è validissimo, ma il suo caso è estremo.
Intanto bisogna chiarire che l’intervento di refrattiva con il laser non guarisce dalla miopia ma elimina l’uso della protesi oculare (occhiali). Se si tratta di miopia degenerativa purtroppo la progressione sarà indipendente dall’intervento e i rischi della miopia classicamente degenerativa: distacco di vitreo, di retina ,degenerazione con neovascolarizzazione saranno comunque presenti.
Allora risulta fondamentale fare una selezione di coloro che possono effettuare l’intervento con la garanzia che non ci sia una forma degenerativa di miopia alla base.

re: laser miopia

Risposta di andrew

Scritto il 7 dicembre 2006

Egregio Dottore, il 29/11/2006 ho fatto il laser (PRK) per la correzione della miopia (occhio destro 6.5 gradi - occhio sinistro 7) presso la clinica La MAdonnina di Bari, con il mio oculista che mi segue da quando ero bambino (oggi ho 26 anni) e che ha effettuato lo stesso tipo di intervento prima a mio cugino e poi a mio fratello 6 anni fa con ottimi risultati in entrambi i casi.
oggi 7/12/2006 ho tolto la lente di protezione dall’occhio destro, quella del sinistro non l’ho tolta poichè il dottore mi ha detto che non si è ancora riepitelizzato bene. volevo sapere due cose:
1. dall’occhio destro, vedo ma non benissimo: le luci soprattutto di notte appaiono sfocate e con l’alone intorno e ho alterazioni della vista durante il giorno. il dottore (idem mio fratello) mi ha rassicurato dicendomi che è normale e che devo attendere ancora un po. vorrei sapere quanto dovrei aspettare per vedere i risultati e se l’operazione è riuscita bene?
2. come è possibile che dopo una settimana l’occhio sinistro non si è ancora riepitelizzato del tutto? è normale?
grazie mille

risposta dell'oculista

re: laser miopia

Risposta di Oculista

Scritto il 12 dicembre 2006

Il decorso di questo tipo di intervento seppur abbastanza standardizzato non è calendarizzabile ma dipende dal processo riparativo individuale, in genere si ottiene entro i 2 mesi. È per lo stesso motivo che porta la lente a contatto nell’altro occhio; se il suo oculista la tranquillizza che tutto procede regolarmente non le resta che seguire scrupolosamente le sue indicazioni terapeutiche.

re: laser miopia

Risposta di trizia

Scritto il 19 dicembre 2006

Sto pensando di sottopormi al PRK per la correzione della miopia. Vorrei sapere come ci si prepara all’intervento? Una mia amica non ha potuto mettere le lenti a contatto per 6 mesi prima di sottoporsi al PRK. Non è un pò troppo? E’ proprio indispensabile?
Inoltre, un ottico mi ha suggerito di farmi mandare in positivo (da -4.75 a +0.25), così anche se dopo l’intervento mi torna un pò di miopia sono a posto lo stesso. Cosa ne pensate?
grazie!

risposta dell'oculista

re: laser miopia

Risposta di Oculista

Scritto il 20 dicembre 2006

Prima di tutto è necessario sapere dal medico specialistico se sono presenti le indicazioni all’intervento, dopodichè si studia accuratamente la cornea mediante esami strumentali specifici.
Gli interventi di chirurgia refrattiva sono interventi ben codificati e con anni di follow-up. E poi le consiglio di chiedere spiegazione al chirurgo per chiarire gli eventuali dubbi.

re: laser miopia

Risposta di trizia

Scritto il 20 dicembre 2006

Ho già fatto la visita specialistica e sono risultata idonea. Il mio oculista mi ha detto di non mettere le lenti per 15 giorni prima dell’intervento. Mi è sembrata elevata la differenza tra i 15 giorni suggeriti a me e i 6 mesi consigliati alla mia amica!!! Non dovrebbe essere più o meno uguale per tutti??
grazie

>re: laser miopia
>2006-12-20 12:25:29
>Prima di tutto è necessario sapere dal medico specialistico se sono presenti le indicazioni all’intervento, dopodichè si studia accuratamente la cornea mediante esami strumentali specifici.
Gli interventi di chirurgia refrattiva sono interventi ben codificati e con anni di follow-up. E poi le consiglio di chiedere spiegazione al chirurgo per chiarire gli eventuali dubbi.


<"trizia" riporta il post di "Oculista" il 2006-12-20 18:06:30>


risposta dell'oculista

re: laser miopia

Risposta di Oculista

Scritto il 21 dicembre 2006

In realtà i 6 mesi consigliati alla sua amica in condizioni corneali normali mi sembrano eccessivi; i 15 giorni consigliati a lei sono invece nella norma.
Ripeto: con condizioni della cornea buone.

re: laser miopia

Risposta di pixie

Scritto il 1 gennaio 2007

>re: laser miopia
>2006-09-27 00:42:17
>Salve,
innanzitutto mi scuso se faccio questa richiesta qui invece di aprire una nuova discussione come avrei dovuto fare, ma purtroppo non ci sono riuscita (scusate l’ignoranza), visto che si parlava di laser ho voluto scrivere qui,
comunque vorrei chiedere un’informazione se possibile:
sono stata operata di cheratoplastica lamellare per cheratocono nell’aprile 2002 all’occhio destro, e nel maggio 2004 all’occhio sinistro, l’intervento è andato bene e ora vedo 8/10 con occhiali da 3 diottrie, io però vorrei cercare di eliminarli, o almeno di ridurne l’uso in modo da non doverne avere una completa dipendenza, cosa che per me è davvero alquanto spiacevole, anche perchè sono davvero antiestetici! Perciò vorrei chiedere se posso sottopormi a un intervento di chirurgia refrattiva laser (di PRK, Lasik, Lasek, o anche a più di uno se necessario, o magari ricorrendo anche a un trattamento laser personalizzato/customizzato che, mi pare di aver capito, sono gli interventi di elezione in caso di difetti complessi e/o astigmatismi irregolari) per poter appunto cercare di togliere gli occhiali, o almeno ridurne l’uso in modo da usarli più da riposo invece che come una "protesi immancabile" (i costi naturalmente non mi interessano, mi interessa solo poter realizzare questo mio sogno per il quale posso affrontare senza problemi qualunque rischio chirurgico).
Spero in qualche risposta e ringrazio molto chi mi risponderà.
Chiedo ancora scusa se ho fatto questa domanda qui.


<"pixie" riporta il post di "Veronica20" il 2007-01-01 12:39:24>


re: laser miopia

Risposta di pixie

Scritto il 1 gennaio 2007

buon giorno è la prima volta che posto in questo forum
io sono stato sottoposto alla prk nel 1993 con pessimi risultati non li stò ad elencarli tutti.mi è stato detto che a quei tempi i dottori non conoscevano gli effetti indesiderati e i macchinari non erano come quelli di oggi
ora mi è stato proposto di rifare un ritocco con la prk personalizzata,ho la pressione oculare sui 22 hg per occhio
sapendo che dopo la prk si deve adoperare il cortisone chiedo se cè il rischio che la pressione oculare aumenti creando un altro genere di problemi

risposta dell'oculista

re: laser miopia

Risposta di Oculista

Scritto il 11 gennaio 2007

Nella seconda fase post intervento, il Controllo dell’infiammazione avviene attraverso dei colliri cortisonici che vanno diminuiti con il passare dei giorni e che hanno il ruolo di stabilizzare il risultato chirurgico. Vi sono alcuni preparati cortisonici che hanno la caratteristica di far innalzare in misura minore rispetto ad altri la pressione oculare.
In realtà un valore pressorio intorno a 22 non è proprio da sottovalutare anzi le consiglio di chiedere al suo medico di eseguire gli esami obiettivi e strumentali che escludano una situazione di ipertensione oculare vera e propria anche in considerazione di un precedente intervento di Prk.

re: laser miopia

Risposta di pixie

Scritto il 12 gennaio 2007

>re: laser miopia
>2007-01-11 12:14:05
>Nella seconda fase post intervento, il Controllo dell’infiammazione avviene attraverso dei colliri cortisonici che vanno diminuiti con il passare dei giorni e che hanno il ruolo di stabilizzare il risultato chirurgico. Vi sono alcuni preparati cortisonici che hanno la caratteristica di far innalzare in misura minore rispetto ad altri la pressione oculare.
In realtà un valore pressorio intorno a 22 non è proprio da sottovalutare anzi le consiglio di chiedere al suo medico di eseguire gli esami obiettivi e strumentali che escludano una situazione di ipertensione oculare vera e propria anche in considerazione di un precedente intervento di Prk.


<"pixie" riporta il post di "Oculista" il 2007-01-12 18:47:14>


re: laser miopia

Risposta di pixie

Scritto il 12 gennaio 2007

>re: laser miopia
>2007-01-12 18:47:46
>>re: laser miopia
>2007-01-11 12:14:05
>Nella seconda fase post intervento, il Controllo dell’infiammazione avviene attraverso dei colliri cortisonici che vanno diminuiti con il passare dei giorni e che hanno il ruolo di stabilizzare il risultato chirurgico. Vi sono alcuni preparati cortisonici che hanno la caratteristica di far innalzare in misura minore rispetto ad altri la pressione oculare.
In realtà un valore pressorio intorno a 22 non è proprio da sottovalutare anzi le consiglio di chiedere al suo medico di eseguire gli esami obiettivi e strumentali che escludano una situazione di ipertensione oculare vera e propria anche in considerazione di un precedente intervento di Prk.


<"pixie" riporta il post di "Oculista" il 2007-01-12 18:47:14>



<"pixie" riporta il post di "pixie" il 2007-01-12 18:48:09>


re: laser miopia

Risposta di pixie

Scritto il 14 gennaio 2007

b uon giorno la ringrazio per la risposta, volevo inoltre chiedere facendo un eventuale ritocco con prk personalizzata sono sicuro di migliorarte la mia attuale situazione?perche’ io ho chiesto il parere a diversi oculisti e non tutti sono d’accordo .perchè non si sa bene come il tessuto cicattrizzato possa rispondere ad un eventuale ritocco.vorrei sapere se questo è vero o no? a me è venuto dell’astigmatismo irregolare post prk e la zona trattata,questo me lo hanno confermato tutti è troppo piccola - di 5 mm diametro ,con il problema che quando la pupilla si dilata appena appena aloni a tutto andare.inoltre credo che non abbiano ben centrato la zona da traTTARE MA QUESTO forse è stato colpa del laser di 1° generazione e non del medico anno 1993.quello che piu’ mi interessa sapere c’è abbastanza eperienza di casi rittrattati o conviene aspettare ancora o nuove tecnologie, purttroppo ho perso un po di fiducia, grazie

re: laser miopia

Risposta di pixie

Scritto il 14 gennaio 2007

>re: laser miopia
>2007-01-14 14:51:36
> b uon giorno la ringrazio per la risposta, volevo inoltre chiedere facendo un eventuale ritocco con prk personalizzata sono sicuro di migliorarte la mia attuale situazione?perche’ io ho chiesto il parere a diversi oculisti e non tutti sono d’accordo .perchè non si sa bene come il tessuto cicattrizzato possa rispondere ad un eventuale ritocco.vorrei sapere se questo è vero o no? a me è venuto dell’astigmatismo irregolare post prk e la zona trattata,questo me lo hanno confermato tutti è troppo piccola - di 5 mm diametro ,con il problema che quando la pupilla si dilata appena appena aloni a tutto andare.inoltre credo che non abbiano ben centrato la zona da traTTARE MA QUESTO forse è stato colpa del laser di 1° generazione e non del medico anno 1993.quello che piu’ mi interessa sapere c’è abbastanza eperienza di casi rittrattati o conviene aspettare ancora o nuove tecnologie, purtroppo ho perso un pò la fiducia---
<"pixie" riporta il post di "pixie" il 2007-01-14 19:06:11>


re: laser miopia

Risposta di pixie

Scritto il 14 gennaio 2007

>re: laser miopia
>2007-01-14 19:08:08
>>re: laser miopia
>2007-01-14 14:51:36
> b uon giorno la ringrazio per la risposta, volevo inoltre chiedere facendo un eventuale ritocco con prk personalizzata sono sicuro di migliorarte la mia attuale situazione?perche’ io ho chiesto il parere a diversi oculisti e non tutti sono d’accordo .perchè non si sa bene come il tessuto cicattrizzato possa rispondere ad un eventuale ritocco.vorrei sapere se questo è vero o no? a me è venuto dell’astigmatismo irregolare post prk e la zona trattata,questo me lo hanno confermato tutti è troppo piccola - di 5 mm diametro ,con il problema che quando la pupilla si dilata appena appena aloni a tutto andare.inoltre credo che non abbiano ben centrato la zona da traTTARE MA QUESTO forse è stato colpa del laser di 1° generazione e non del medico anno 1993.quello che piu’ mi interessa sapere c’è abbastanza eperienza di casi rittrattati o conviene aspettare ancora o nuove tecnologie, purtroppo ho perso un pò la fiducia---
<"pixie" riporta il post di "pixie" il 2007-01-14 19:06:11>
vorrei anche chiedere se è vero che esistono lenti correttive speciali per gli asigmatismi irregolari e se funzionano veramente e comunque se vale la pena di provarle prima di fare un’altra prk,grazie


<"pixie" riporta il post di "pixie" il 2007-01-14 19:08:56>


risposta dell'oculista

re: laser miopia

Risposta di Oculista

Scritto il 18 gennaio 2007

Sicuramente nel caso di una astigmatismo irregolare è preferibile l’esecuzione del trattamento fotoablativo “personalizzato” o customizzato ma è necessario avere il valore della topografia ottica che permette di produrre una ricostruzione tridimensionale della superficie corneale, dal centro all’estrema periferia, e capire a quale tipo di trattamento si può sottoporre.

re: laser miopia

Risposta di pixie

Scritto il 18 gennaio 2007

grazie,per la risposta io chiaramente ho effettuato la pachimetria e lo spessore dicono che è buono per un altra ablazione,ho effettuato l’aberrometria e la topografia corneale, quello che più mi interessa sapere è se il tessuto già trattato in precedenza possa reagire in modo anomalo e se i ritrattamenti personalizzati danno una buona percentuake di successi la ringraziop in anticipo

risposta dell'oculista

re: laser miopia

Risposta di Oculista

Scritto il 22 gennaio 2007

La certezza di una risposta che non sia anomala non si può avere.Il rischio c’era nel primo intervento e ci sarà anche nel secondo. Comunque se gli esami strumentali cui si è sottoposto non evidenziano controindicazioni e l’oculista che la segue le ha proposto l’intervento ci dovrebbero essere degli ottimi margini di sicurezza. La decisione finale spetta sempre a lei comunque.

re: laser miopia

Risposta di andrew

Scritto il 5 febbraio 2007

Domanda per Andrew di Bari..posso chiederti qual’è il tempo d’attesa per l’operazione e il costo? I tempi d’attesa per il policlinico credo siano altissimi,(6 mesi circa), inoltre non avendo capito quali siano le diottrie che rientrano nella convenzione..c’è differenza a questo punto? Io ho -3,75 e -4,75, non credo di rientrare nell’attuale convenzione o sbaglio? Quindi la spesa risulta simile al privato? E poi..
domanda al dottore, lei pensa che una pregressa cheratite da adenovirus(diagnosi giusta o errata che fosse) avuta lo scorso anno (guarita tra ottobre e novembre in modo accertato da più oculisti ..seppure con infiammazioni conseguenti durate nei mesi successivi con cure anche cortisoniche)possa rappresentare un problema per l’eventuale prk al giorno d’oggi? grazie.

...

Risposta di andrew

Scritto il 5 febbraio 2007

risposta dell'oculista

re: laser miopia

Risposta di Oculista

Scritto il 6 febbraio 2007

Per quanto riguarda gli interventi per la riduzione della miopia (PRK, LASIK, LASEK) è necessario che nell’occhio da operare non siano presenti stati infiammatori che potrebbero portare a complicanze post operatorie. Prima di un intervento di chirurgia refrattiva si deve essere CERTI che non si vada incontro a recidive della pregressa infezione.

re: laser miopia

Risposta di Michelle

Scritto il 6 febbraio 2007

>re: laser miopia
>2007-02-06 10:42:24
>Per quanto riguarda gli interventi per la riduzione della miopia (PRK, LASIK, LASEK) è necessario che nell’occhio da operare non siano presenti stati infiammatori che potrebbero portare a complicanze post operatorie. Prima di un intervento di chirurgia refrattiva si deve essere CERTI che non si vada incontro a recidive della pregressa infezione.


<"Michelle" riporta il post di "Oculista" il 2007-02-06 12:01:28>


Mi scusi la precisazione. Lei ritiene che questa CERTEZZA sia acquisibile in seguito ad una visita accurata? Io noto comunque che i miei occhi dall’episodio sono rimasti più sensibili, a tratti alle allergie (nei giorni di vento, di impollinazione..ecc ecc) o d’estate nei giorni più caldi, risultano secchi, io non saprei dirlo se ci sono stadi infiammatori seppur lievissimi in atto.Un oculista può?? E queste ragioni appena citate che mi inducono a temere per le lenti a contatto..dal momento che io associo a loro la causa per l’infezione precedentemente presa..seppur ora usi le usa e getta hydrogel..Grazie. Arrivederci.

risposta dell'oculista

re: laser miopia

Risposta di Oculista

Scritto il 6 febbraio 2007

Sta al suo oculista, dopo averla visitata, stabilire se la cheratite sia effettivamente passata e e quindi non vi sia rischio ad eseguire l’intervento. I sintomi che lamenta potrebbero non avere importanza ai fini della buona riuscita dell’intervento ed essere riconducibili a fenomeni allergici o intolleranza alle lenti a contatto. Anche in questo caso spetta al suo oculista valutare lo stato di salute dei suoi occhi

re: laser miopia

Risposta di Michelle

Scritto il 6 febbraio 2007

>re: laser miopia
>2007-02-06 12:22:45
>Sta al suo oculista, dopo averla visitata, stabilire se la cheratite sia effettivamente passata e e quindi non vi sia rischio ad eseguire l’intervento. I sintomi che lamenta potrebbero non avere importanza ai fini della buona riuscita dell’intervento ed essere riconducibili a fenomeni allergici o intolleranza alle lenti a contatto. Anche in questo caso spetta al suo oculista valutare lo stato di salute dei suoi occhi


<"Michelle" riporta il post di "Oculista" il 2007-02-06 17:18:05>


La disturbo per l’ultima volta per avere un ultimo suo chiarimento "disinteressato"..per intenderci..Chiaramente solo un oculista COSCIENZIOSO può valutare la mia situazione a seguito di una visita, questo è certo.Ma l’oculista che mi ha diagnosticato la cheratite lo scorso anno fu molto rigido nel dirmi che non avrei più potuto subire un laser a causa del virus che rimane comunque latente ormai nel corpo, e potrebbe riapparire, e qualora lo avessi fatto anche a distanza di due anni, avrei messo a rischio il mio occhio,nel peggiore dei casi la mia cornea sarebbe potuta diventare bianca, e sarei dovuta ricorrere al trapianto! Capisce bene..che queste parole mi hanno traumatizzata.Anche se gli oculisti che mi hanno visitato in seguito hanno smentito clamorosamente la cosa.E’ stato + realistico e coscienzioso degli altri medici o semplicemente esagerato e nefasto??! Sono più a rischio degli altri? Mi chiedo quanti medici avranno in effetti operato pazienti con pregressa cheratite da adenovirus per poter fare pronostici più o meno validi..Ringrazio e alla prossima.

risposta dell'oculista

re: laser miopia

Risposta di Oculista

Scritto il 8 febbraio 2007

Il rischio di un intervento con laser ad eccimeri dopo cheratite da adenovirus guarita non è significamente aumentato sempre che la cheratite sia effettivamente guarita. Di solito un anno è un tempo sufficiente. Tenga in considerazione che spesso chi sceglie di eliminare le lenti a acontatto a favore della chirurgia refrattiva ha avuto problemi di cheratite dovuta proprio all’uso delle lenti. Più a rischio sono pazienti affetti da cheratite herpetica

re: laser miopia

Risposta di Rikkit

Scritto il 8 febbraio 2007

>re: laser miopia
>2007-02-08 11:05:26
>Il rischio di un intervento con laser ad eccimeri dopo cheratite da adenovirus guarita non è significamente aumentato sempre che la cheratite sia effettivamente guarita. Di solito un anno è un tempo sufficiente. Tenga in considerazione che spesso chi sceglie di eliminare le lenti a acontatto a favore della chirurgia refrattiva ha avuto problemi di cheratite dovuta proprio all’uso delle lenti. Più a rischio sono pazienti affetti da cheratite herpetica


<"Rikkit" riporta il post di "Oculista" il 2007-02-08 21:23:40>


Mi intrometto nel forum per porre anche io lo stesso interrogativo.Non ho ben cpaito cosa si intenda per cheratite guarita. Io ho subito lo stesso problema circa due anni fa, l’assenza di virus nell’occhio in seguito alla cura, da quel che ho capito, non significa che l’occhio sia guarito, ma che il virus può ancora dare recidive, giusto? ovvero. Ripresentarsi.Quindi per guarigione si intende l’assenza di stato infiammatorio, che come ben sappiamo, può dipendere da vari fattori, arrossamento da allergie a giorni appunto, o nel mio caso, credo, da ultilizzo continuo del pc. Come si ottiene una diagnosi certa?Suggerimenti? Per verificare l’attendibilità dell’oculista che effettua il laser..Insomma, ci sono esami particolari?Grazie.

risposta dell'oculista

re: laser miopia

Risposta di Oculista

Scritto il 9 febbraio 2007

La cheratite da adenovirus è caratterizzata dalla presenza di "infiltrati" , cioè delle opacità sulla cornea che rappresentano la reazione infiammatoria corneale che tenta di combattere il virus. Quindi la diagnosi di cheratite viene effettuata dall’oculista che vede gli infiltrati alla lampada a fessura. Nella maggior parte dei casi, con una terapia adeguata, queste opacità scompaiono e la cornea torna ad essere perfettamente trasparente; in alcuni casi si possono ripresentare e quindi si parla di recidiva. Le recidive compaiono generalmente a breve distanza dall’episodio primario. Più tempo passa e più è alta la probabilità che il virus è stato "sconfitto". Nel suo caso due anni in assenza di recidive sono un tempo più che sufficiente. La presenza di allergie o la sensazione di occhio secco o affaticato sono indipendenti dalla pregressa infezione.Il suo oculista di fiducia valuterà quindi lo stato di salute del suo occhio e la possibilità che possa sottoporsi a chirurgia refrattiva.

Registrati

È necessario registrarsi per scrivere su questo forum.

Per continuare a rispondere al post registrati oppure effettua il login dal box a sinistra.