Salta il menù
Dona oraSostienici

L’OCULISTA RISPONDE - DISCUSSIONE

Vai a tutte le discussioni

Rottura capillare nell’occhio

Discussione avviata da Andrea81 il 27 aprile 2022

Un saluto ai dottori dello staff e grazie come sempre di questa rubrica che mettete a disposizione, che seguo sempre con interesse e di cui ho usufruito altre volte.

Scrivo per mio padre, 75enne. E’ da almeno una decina di anni, se non piu, che, sistematicamente, piu o meno ogni 2-3 anni, gli si verifica una rottura di qualche capillare a uno dei due occhi, con la sclera che diventa rossa. Puntualmente, si reca al PS oftalmico e gli danno il collirio a base di eparina.

Vorrei capire però se questi episodi, seppur non frequentissimi, possano sottendere patologie piu serie. Lui è diabetico e iperteso, ma entrambi, con le medicine, li tiene egregiamente sotto controllo. (pressione 110/70, emoglobina glicata 6,1), ogni 2-3 anni, quando si reca a visita oculistica, gli dicono che il fondo oculare sta bene. E’ vero però che le emorragie dell’occhio possono sottendere picchi di pressione alta, pericolosi per un eventuale ictus? Dovrebbe fare dei controlli specifici? Grazie a tutti

risposta dell'oculista

Rottura capillare nell’occhio

Risposta di Oculista

Scritto il 28 aprile 2022

Gentile utente,
in caso di emorragie sottocongiuntivali ricorrenti è consigliabile eseguire uno studio della coagulazione del sangue e monitorare la pressione arteriosa. Nel caso di suo papà, mi sembra di capire che il paziente sia già seguito dal cardiologo e dal diabetologo e che faccia specifica terapia con buon controllo della glicemia e della pressione. Suppongo inoltre, che durante le varie visite eseguite, che hanno portato alla diagnosi di diabete e ipertensione, abbia fatto anche altre indagini per lo studio della coagulazione, per cui stia tranquillo. Ovviamente faccia fare a suo padre le visite di controllo annuali, per monitorare il suo stato di salute generale e oculare.

Cordiali saluti,
Iapb Italia onlus.

Rottura capillare nell’occhio

Risposta di Andrea81

Scritto il 29 aprile 2022

La ringrazio, dottore, per la Sua risposta.

Per quanto riguarda il diabete è seguito dal centro di diabetologia, per tutto ciò che concerne invece l’apparato cardiovascolare, si fa seguire dal medico di famiglia, di cui si fida. Anni fa fece un controllo cardiologico, con ecodoppler anche delle carotidi, che risultavano solo leggermente ispessite, compatibilmente all’età, ma libere da stenosi. Per controlli della coagulazione intende gli esami di D-Dimero, Fibrinogeno, Pro-trombina, ecc? Quelli son sincero, non so se li abbia mai fatti, ma gli suggerirò di parlarne col medico!

Registrati

È necessario registrarsi per scrivere su questo forum.

Per continuare a rispondere al post registrati oppure effettua il login dal box a sinistra.