Salta il menù
Dona oraSostienici

L’OCULISTA RISPONDE - DISCUSSIONE

Vai a tutte le discussioni

Laser SMILE / peggioramento PRESBIOPIA

Discussione avviata da Davide il 25 novembre 2021

Buongiorno,
ho 50 anni, 3 settimane fa ho effettuato intervento SMILE per una miopia di -3,5 diottrie + leggero astig. bilaterale. Post intervento subito 10/10 da lontano!

Prima di operarmi con l’uso delle lenti a contatto (-3,5) avvertivo una leggera presbiopia che mi impediva di mettere a fuoco da vicino (40-50cm) i caratteri più piccoli, ma riuscivo benissimo a leggere l’orologio ad usare tablet/smartphone e pc senza l’uso di occhiali, e tutto quello che vedevo oltre i 50 cm era perfettamente nitido.(Alla visita di idoneità due mesi prima dell’intervento la presbiopia era pari a +1d).

Post intervento tale difetto è notevolmente peggiorato tanto da non permettermi più di svolgere nessuna delle precedenti attività senza l’uso di occhiali "da vicino da +1,5/2 d", adesso tutto quello che vedo entro i 2 m risulta sfuocato.

L’intervento laser può aver accentuato la leggera presbiopia preesistente?

risposta dell'oculista

Laser SMILE / peggioramento PRESBIOPIA

Risposta di Oculista

Scritto il 26 novembre 2021

Gentile utente,
certamente è del tutto normale, dato che la sua miopia lieve pre-intervento la aiutava a "compensare" la presbiopia (i miopi vedono male da lontano ma bene da vicino). Ora che la miopia è stata tolta del tutto, è dunque normale che lei avverta maggiormente i "sintomi" della presbiopia, dato che ha 50 anni.
Cordiali saluti,
IAPB ITALIA ONLUS

Laser SMILE / peggioramento PRESBIOPIA

Risposta di Davide

Scritto il 26 novembre 2021

La ringrazio per la celere risposta,
un’altra cosa che mi preoccupa è che al mattino con l’uso degli occhiali prima di riuscire a vedere nitido "da vicino" devono passare almeno 2 ore dal risveglio.
E’ anche questo un "sintomo" legato alla presbiopia, oppure dipende dal fatto che l’occhio deve ancora recuperare lo stress dell’intervento?

Sull’occhio dx inoltre sia da lontano che da vicino avverto un leggero alone sdoppiato verso dx su immagini bianche su sfondo nero (es. caratteri bianchi su sfondo nero pc, lampioni, luna, ecc...)

Sono insegnante di Elettronica ed Informatica e per lavoro utilizzo per 5/6h al giorno diversi computer e strumenti elettronici "da vicino", tutto questo mi crea parecchio disagio.

Grazie mille

risposta dell'oculista

Laser SMILE / peggioramento PRESBIOPIA

Risposta di Oculista

Scritto il 29 novembre 2021

Gentile utente,
suppongo che i suoi attuali disturbi di messa a fuoco al mattino o di aloni attorno alle luci, siano maggiormente legati alla cicatrizzazione post intervento. È passato ancora poco tempo, con il passare del tempo il visus divrebbe stabilizzarsi. Le invio di seguito un link informativo sull’argomento che la riguarda:

https://www.sedesoi.com/pdf/01_CHIRURGIA%20RIFRATTIVA%20CORNEALE%20CON%20LASER_febraio%202013%20.pdf

Cordiali saluti,
Iapb Italia onlus.

Laser SMILE / peggioramento PRESBIOPIA

Risposta di Davide

Scritto il 4 dicembre 2021

[...nel caso di pazienti con miopia ed età superiore a 45 anni l’eliminazione completa della miopia comporterà l’immediata necessità di occhiali per vicino.]

Personalmente ritengo che quanto riportato sopra (pag.2 del consenso informato) sia alquanto riduttivo, troverei più corretto specificare che dopo i 45 anni, passare da un difetto visivo ad un altro nel giro di poche ore NON E’ UN SEMPLICE CAMBIO DI OCCHIALI, ma può comportare le seguenti problematiche nelle attività svolte da "vicino":

- Affaticamento, stanchezza e dolore agli occhi;
- Mal di testa e difficoltà di concentrazione;
- Visione annebbiata/offuscata da rende faticoso l’uso di Pc, tablet, Smartphone, ecc..;
- Peggioramento definitivo della visione da vicino e a distanza intermedia anche con l’uso degli occhiali;
- Senso di insicurezza e frustrazione causato dalle difficoltà riscontrate nello svolgere con disinvoltura le normali attività quotidiane e lavorative da vicino;

risposta dell'oculista

Laser SMILE / peggioramento PRESBIOPIA

Risposta di Oculista

Scritto il 6 dicembre 2021

Gentile utente,
concordo con lei, in tante situazioni non si tratta semplicemente di un cambio di occhiali. Ognuno di noi ha una propria “sensibilità” visiva (per così dire) e le posso confermare che a volte, alcuni soggetti incontrano difficoltà anche semplicemente se devono rinforzare gli occhiali da lontano a cui erano abituati da molto tempo. Detto ciò, è chiaro che il consenso deve essere sintetico, è importante però una corretta comunicazione con il proprio oculista. Non si faccia demoralizzare dai suoi attuali disturbi, con il passare del tempo il visus tornerà ad essere ottimale (sia perché si abituerà alla nuova condizione visiva e quindi agli occhiali da vicino, sia perché gli occhi avranno superato il periodo di “convalescenza” post laser).

Cordiali saluti,
Iapb Italia onlus.

Laser SMILE / peggioramento PRESBIOPIA

Risposta di Davide

Scritto il 6 dicembre 2021

Purtroppo l’oculista al quale mi sono rivolto mi ha spiegato solo quali erano le varie procedure di intervento con i relativi tempi di recupero. Non mi ha chiesto che lavoro facessi, il perchè mi volessi operare e quanto fosse importante per me avere una buona visione da vicino. Non mi ha nemmeno illustrato le eventuali difficoltà di adattamento ai nuovo "difetto" visivo. Ha solamente detto che "dopo l’operazione avrei avuto bisogno di un paio di occhiali da vicino per leggere e per usare il PC",
Se ci fosse stato allegato al consenso informato un documento, dove fosse stato spiegato in maniera dettagliata quali sono i pro e i contro di tale intervento per chi ha più di 45 anni, magari anche con tabella diottrie presbiopia rapportate all’età . Probabilmente non avrei fatto l’errore più grave della mia vita, purtroppo da "miope" ho sottovalutato l’entità della mia presunta presbiopia.
A 50 anni sottoporsi al laser è una pazzia.

Grazie ancora per il supporto e la disponibilità!

risposta dell'oculista

Laser SMILE / peggioramento PRESBIOPIA

Risposta di Oculista

Scritto il 7 dicembre 2021

Gentile utente,
sulla base dell’esperienza vissuta, ovviamente non nell’immediato ma tra qualche anno, potrebbe “risistemare” le cose con l’intervento di cataratta (in molte situazioni oggi, si può decidere, dopo consultazione con il proprio chirurgo, di eseguire l’intervento un po’ in anticipo, anche se il cristallino non è ancora completamente opacizzato: si parla in questi casi di un’ operazione di cataratta a scopo refrattivo). Potrebbero esserci per lei varie opzioni: impianto di IOL monofocale, con miopia ipocorretta per compensare la presbiopia (un po’ come era abituato fino ad ora), oppure utilizzo di IOL multifocali, per messa a fuoco a tutte le distanze, ma le ripeto è ancora prematuro parlarne (volevo solo darle qualche informazione in più e infonderle un po’ di ottimismo).

Cordiali saluti,
Iapb Italia onlus.

Laser SMILE / peggioramento PRESBIOPIA

Risposta di Davide

Scritto il 7 dicembre 2021

La ringrazio per l’informazione, la terrò presente per un domani, quando mi si presenterà il problema relativo alla cataratta. Nel frattempo spero di riuscire ad adattarmi a questa nuova condizione. Di sicuro la "delusione" per quanto mi è accaduto sarà dura da superare. Con l’intervento pensavo di risolvere un problema, invece mi ritrovo con due disagi, uno legato alla visione da vicino, l’altro legato all’ansia che mi provoca questa situazione.
Per esperienza personale, posso dire, che dopo una certa età avere un "occhio leggermente miope" è una gran fortuna!!

Io purtroppo ho scoperto troppo tardi questo forum, spero solo che, la mia esperienza possa servire a qualche altro utente.

Laser SMILE / peggioramento PRESBIOPIA

Risposta di Nico

Scritto il 29 dicembre 2021

Ciao Davide,

mi trovo nella tua stessa identica condizione dopo intervento FemtoLasik e SOTTOSCRIVO ogni singola parola che hai detto! Una cosa è mettere in guardia il paziente che dopo l’intervento avrei avuto bisogno dell’occhialino da lettura per la presbiopia e leggere le scritte piccole a 30 cm di distanza, altra cosa è non riuscire a mettere a fuoco anche nella media distanza, non vedere più PC, tablet, piatto in cui mangi, visi delle persone, prezzi al supermercato etc. E purtroppo l’oculista si ostina a dirmi che sono presbite e che mi aveva messo in guardia. Anche io vorrei non essermi pentito amaramente di questa scelta, perchè il disagio e notevole.

Laser SMILE / peggioramento PRESBIOPIA

Risposta di Davide

Scritto il 11 gennaio 2022

Certo Nico,
dopo i 45 anni il miope ha la fortuna di avere una percezione leggera e parziale di cosa sia la presbiopia, di conseguenza si aspetta che dopo l’intervento la presbiopia sia come quella percepita da miope. Il non vedere più a fuoco tutto quello che il giorno prima dell’operazione era perfettamente chiaro e nitido (a media distanza - 2 metri) crea un forte disagio.
Un oculista corretto dovrebbe informare il paziente (che ha + di 45 anni) che la presbiopia post intervento sarà maggiore di quella percepita in precedenza e che questa comporterà anche gravi disagi (lenta stabilizzazione del visus al mattino, lo sforzo accomodativo provoca dolore e affaticamento agli occhi, la presbiopia varia al variare della luce, ecc.).
Non è ammissibile che si crei ambiguità e si giochi sull’equivoco
quando si parla di interventi irreversibili sugli occhi di una persona, è grave che alcuni oculisti comunichino solo lo stretto indispensabile parlando di necessità di "occhialino per vicino".

Registrati

È necessario registrarsi per scrivere su questo forum.

Per continuare a rispondere al post registrati oppure effettua il login dal box a sinistra.