Salta il menù
Dona oraSostienici

L’OCULISTA RISPONDE - DISCUSSIONE

Vai a tutte le discussioni

Rottura capillare occhio: c’è da preoccuparsi?

Discussione avviata da Andrea81 il 6 novembre 2019

Un saluto ai medici dello staff, e grazie come sempre per questo servizio che offrite.Mio padre, 72enne, circa 15 giorni fa si è svegliato con l’occhio sinistro completamente rosso, ma asintomatico (nn ricorda starnuti violenti o altro). Si è recato al PS oftalmico, dove gli è stato detto che si era rotto qualche capillare, gli hanno dato collirio Heparyn per 2 settimane, e ora, dopo il trattamento, l’occhio è ritornato pressochè normale. Non è la prima volta che gli succede, almeno la terza o la quarta, a distanza di anni l’una dall’altra, e non sempre allo stesso occhio. Vorrei giusto capire se questi fenomeni possano essere la spia di qualcosa piu grave che vada indagato, ovvero nella mia ignoranza mi chiedo, se, cosi come è successo che si siano rotti capillari dell’occhio, non possa succedere al cervello, con un ictus, ecc, insomma la mia paura è quella. Lui prende la pillola per il diabete e quella per la pressione, ma entrambi i valori, sempre monitorati,sono normali da anni.
risposta dell'oculista

Rottura capillare occhio: c’è da preoccuparsi?

Risposta di Oculista

Scritto il 7 novembre 2019

Gentile utente, visto che gli episodi si sono ripetuti nel tempo (anche se a dire il vero con una bassa frequenza), le consiglierei di consultarsi con il medico di base di suo papà sull’eventuale necessità di eseguire alcune indagini di approfondimento (esami del sangue specifici per lo studio della coagulazione, monitoraggio frequente della pressione arteriosa, consulenza cardiologica ecc.). Cordiali saluti, Iapb Italia onlus.

Rottura capillare occhio: c’è da preoccuparsi?

Risposta di Andrea81

Scritto il 7 novembre 2019

La ringrazio, dottore, per il consiglio: a dire il vero, la pressione papà se la misura almeno una volta a settimana, e i controlli cardiologici li fa anche una volta l’anno, perché da parte di suo padre, ovvero di mio nonno paterno, ha familiarità con patologie coronariche, nell’ultimo controllo ha fatto anche un ecodoppler delle carotidi, che sono risultate leggermente ispessite (il medico ha deto che in parte dipende dall’età in parte al fatto che è stato fumatore, anche se trent’anni fa), ma comunque libere, prive di placche. Gli suggerirò magari di farsi questi esami del sangue relativi alla capacità di coagulazione.
risposta dell'oculista

Rottura capillare occhio: c’è da preoccuparsi?

Risposta di Oculista

Scritto il 8 novembre 2019

Gentile utente, tutto giusto, ma sinceramente anche se non è il mio campo credo che un controllo cardiologico, dati i fattori di rischio (diabete, ipertensione, familiarità, fumo, arterosclerosi), vada fatto con un minimo di frequenza in più (almeno ogni 6 mesi). Le consiglio inoltre anche una visita oculistica completa con fondo oculare. Cordiali saluti, IAPB ITALIA ONLUS
Registrati

È necessario registrarsi per scrivere su questo forum.

Per continuare a rispondere al post registrati oppure effettua il login dal box a sinistra.