Salta il menù
Dona oraSostienici con il 5x1000

L’OCULISTA RISPONDE - DISCUSSIONE

Vai a tutte le discussioni

Annebbiamento della visione a giorni alterni.

Discussione avviata da Daniele M. il 27 gennaio 2018

Anticipo brevemente la mia situazione.
Maschio anni 57 oggi ipovedente, anno di nascita 1960. Sono affetto dal 1999 (anni 39) da una patologia oculare non ancora chiaramente definita (di recente diagnosticata come sospetta retinite pigmentosa non sindromica). Sono in attesa del responso di un accertamento genetico per retinite pigmentosa richiesto dall’oculista. Accertamento suddiviso in due parti. Una con risposta già arrivata (indagine molecolare geni RHO e RDS/PRPH2) ESITO NEGATIVO, l’altra parte della ricerca sequenziamento massivo di nuova generazione NGS in esecuzione al Careggi di Firenze ormai da un anno e sette mesi, mi avevano indicato come tempo di risposta un anno, ma siamo ben oltre.

La mia malattia oculare inizia nel 1999. In quell’anno durante un episodio di grave forma influenzale concomitante con una stato di forte stress psico-fisico, ho subito una infiammazione bilaterale agli occhi, diagnosticata come corio-retinite/uveite e curata con iniezioni di cortisone intraoculare retrobulbari che hanno bloccato il progredire dell’infiammazione. Il risultato finale di quell’evento è stata la perdita di 5 diottrie per occhio e campo visivo ristretto. Dagli ultimi esami, conservo 2/3 diottrie scarse con forte riduzione del campo visivo. Sostituito il cristallino in entrambi gli occhi.
Sono affetto da virus HCV in cura presso Epatologia, in attesa del trattamento con i farmaci antivirali di nuova generazione.
Recente visita reumatoligica: tutto nella norma.
Esami del sangue nella norma. No allergie. No intolleranze. No uso costante di farmaci, solo al bisogno per colite, mal di testa, herpes.

Quadro clinico attuale dell’ultima visita oculistica:
FAG+ICGA 00 vasi sottili con difetto di riempimento vascolare
Cicatrici corioretiniche periferiche, rarefazione dei fotorecettori
Lakage al polo posteriore
T00:10mmhg
SAOD: IOL in CPesiti capsulotomia, blefarite con dislacrimia
SAOS: blefarite con dislacrimia
FOO:papilla pallida a bordi netti CDR 0.1 vasi assottigliati, non emmoragie non edema in atto, retina in piano con pigmento in media periferia tipo spicole ossee e atrofie corioretiniche diffuse.

Terapie consigliate impacchi iridium e collirio systane balance
Ma nessun miglioramento.

Ho qualche domanda: cosa può annebbiare la visione costantemente a GIORNI ALTERNI. Un giorno tutto ok (nei limiti della mia visione residua), il giorno dopo, a partire dal mattino, un crescendo di annebbiamento bilaterale, forte secchezza oculare, difficoltà di concentrazione, confusione mentale, parte posteriore della testa e zona cervicale doloranti. Dolorante anche la parte posteriore del collo, muscoli e nervi (?) Poi il mattino dopo, ritorno a una condizione di normalità. La visione passa da una condizione accettabile a una condizione insopportabile, alternandosi giornalmente. Questa situazione dura da un paio d’anni, in peggioramento, nel senso che il giorno in cui mi trovo in sofferenza, l’annebbiamento, il fastidio oculare e celebrale aumentano col passare degli anni. Inoltre il giorno NO, cerchi di luce frequenti.

Ho letto il vostro articolo sull’appannamento visivo
https://www.iapb.it/appannamento-visivo

Passo alle domande:
La blefarite può creare una condizione netta di disturbo a GIORNI ALTERNI, oppure è caratterizzata da disturbi continui e costanti nel tempo ?
La retinite pigtmentosa (? Nel mio caso non ancora certa) può creare i presupposti per una forma di disturbo visivo alternato simile al mio ?
La scarsa irrorazione sanguigna oculare può alternare stati di benessere e malessere visivo quotidiano ?
Una neurite ottica può alternare stati di benessere e malessere visivo quotidiano ?
La secchezza oculare può presentarsi in modo marcato a giorni alterni ?
Una patologia cervicale/cefalea posteriore può portare a disturbi della vista ?
Il collirio visublefarite può danneggiare il cristallino artificiale ?

Quello che mi lascia perplesso è l’alternanza marcata di condizione visiva unita a un malessere generale più

Grazie in anticipo per la vostra attenzione.
Daniele M.

risposta dell'oculista

Annebbiamento della visione a giorni alterni.

Risposta di Oculista

Scritto il 29 gennaio 2018

Gentile utente,
generalmente tutte le condizioni patologiche elencate possono contribuire alla comparsa dei disturbi da lei descritti con una fluttuazione della sintomatologia.
La terapia che le ha consigliato il suo oculista è assolutamente corretta, ma va continuata per periodi prolungati per riscontrarne un beneficio.
Cordiali saluti,
Iapb Italia Onlus.

Annebbiamento della visione a giorni alterni.

Risposta di Daniele M.

Scritto il 31 gennaio 2018

Grazie della risposta molto riassuntiva. Mi aspettavo un approfondimento maggiore con qualche indicazione in più.
Credevo arrivasse avviso di risposta per mail, non arrivato.

Avrei un’altra domanda da sottoporvi: Il collirio visublefarite per una terapia di giorni 15, due volte al dì, mattino sera, puo danneggiare o alterare il cristallino artificiale ?

risposta dell'oculista

Annebbiamento della visione a giorni alterni.

Risposta di Oculista

Scritto il 5 febbraio 2018

Gentile utente,
può stare tranquillo poiché il collirio prescritto non altera in alcuna maniera il cristallino artificiale.
Cordiali saluti,
IAPB Italia Onlus.

Registrati

È necessario registrarsi per scrivere su questo forum.

Per continuare a rispondere al post registrati oppure effettua il login dal box a sinistra.