Salta il menù
Vai alla pagina dona ora
Dona oraSostienici con il 5x1000

Notizie

Diritto alla salute, passo avanti dell’OMS

Con la nuova Dichiarazione di Astana s’intende rafforzare l’assistenza primaria mirando a una copertura sanitaria universale


Rafforzare l’assistenza primaria per ottenere, in futuro, una copertura sanitaria universale. Questo è l’intento di fondo della Dichiarazione di Astana approvata durante i lavori dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) che si sono tenuti – nella stessa capitale del Kazakistan – il 25 e il 26 ottobre 2018.

La nuova Dichiarazione riafferma quella del 1978 di Alma-Ata, dove per la prima volta i leader mondiali s’impegnarono a ottenere l’assistenza sanitaria di base. “Oggi, invece della salute per tutti, abbiamo la salute [solo] per alcuni”, ha affermato Tedros Adhanom Ghebreyesus, Direttore generale dell’OMS e “abbiamo tutti la solenne responsabilità di assicurare che […] l’assistenza sanitaria di base consenta ad ogni persona, ovunque, di esercitare il proprio diritto fondamentale alla salute”.

Nel testo della Dichiarazione di Astana si legge [1]:

Riconosciamo che, nonostante i notevoli progressi compiuti negli ultimi 40 anni, persone in tutte le parti del mondo hanno ancora bisogni di salute irrisolti. Rimanere sani è una sfida per molte persone, in particolare per i poveri e coloro che vivono situazioni di vulnerabilità. Troviamo eticamente, politicamente, socialmente ed economicamente inaccettabile che persistano ineguaglianze nella salute e disparità nei risultati sanitari.

Continueremo ad affrontare il crescente peso delle malattie non trasmissibili, che portano a cattive condizioni di salute e a morti premature dovute all’uso del tabacco, all’uso dannoso dell’alcol, stili di vita e comportamenti non salutari nonché all’insufficiente attività fisica e a diete malsane. […]

I servizi di promozione [sanitaria], di prevenzione, cura, riabilitazione e le cure palliative devono essere accessibili a tutti. Dobbiamo salvare milioni di persone dalla povertà, in particolare da quella estrema, causata da spese per la salute personali e sproporzionate. Non possiamo più sottovalutare l’importanza cruciale della promozione della salute e della prevenzione delle malattie, né tollerare cure frammentarie, non sicure o di scarsa qualità. Dobbiamo affrontare la carenza e l’irregolare distribuzione degli operatori sanitari. Dobbiamo agire sui costi crescenti dell’assistenza sanitaria […].

Più in generale i sottoscrittori del nuovo documento auspicano che:

  • i governi e le società diano priorità, promuovano e proteggano la salute delle persone e il loro benessere, a livello sia di popolazione che individuale, attraverso sistemi sanitari forti;
  • l’assistenza sanitaria di base e i servizi sanitari di alta qualità siano sicuri, completi, integrati, accessibili, disponibili e alla portata di tutti e ovunque, offerti con compassione, rispetto e dignità da professionisti della salute che sono ben formati, qualificati, motivato e impegnati;
  • gli ambienti siano salutari e accoglienti (enabling), in cui individui e comunità siano responsabilizzati e impegnati a mantenere e migliorare la loro salute e il loro benessere;
  • i partner e gli stakeholders siano allineati nell’offrire un supporto efficace a politiche, strategie e piani per [migliorare] la salute nazionale.

Fonti: WHO, Panorama della Sanità, ONU

[1grassetti nostri


Pagina pubblicata il 26 ottobre 2018.


Condividi su:

Contatta l'Agenzia internazionale per la prevenzione della cecità-IAPB Italia onlus

Chiama il numero verde 800-068-506

Il Numero Verde di consultazione oculistica è attivo dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 13.
Scrivi nel Forum: un medico oculista ti risponderà gratuitamente.