5 maggio: giornata mondiale per il lavaggio delle mani

5 maggio

Come un gesto semplice può salvare la vita

Dal 2005 ogni anno l’Organizzazione Mondiale della sanità promuove la Giornata mondiale per il lavaggio delle mani ricordando l’importanza di un gesto quotidiano ma fondamentale.

Il messaggio di quest’anno è “SAVE LIVES: Clean Your Hands” che letteralmente riporta l’importanza dell’igiene delle mani alla salvaguardia della salute nella propria vita.

La pandemia da Covid-19 ha dato grande risalto e visibilità una buona pratica che era già riconosciuta come un baluardo contro le Infezioni correlate all’assistenza e l’antibiotico resistenza.

Lavarsi le mani, infatti, riduce la diffusione delle malattie infettive, COVID in testa.

Ma lavarsi le mani protegge anche la salute dei nostri occhi, infatti, attraverso una corretta igiene, è possibile prevenire le infezioni oculari quali congiuntivite, cheratite, blefarite e blefarocongiuntivite.

Una corretta igiene delle mani è fondamentale per i portatori di lenti a contatto, che per indossare o togliere i presidi si trovano costretti ad usare le dita, e per i bambini, che più facilmente vengono a contatto con oggetti sporchi.

Il Ministero della Salute riporta alcuni step fondamentali per una corretta igiene delle mani:

  • Frizionare le mani per almeno 40-60 secondi quando si usa il sapone
  • In assenza di sapone, usare una soluzione idroalcolica per almeno 20-30 secondi
  • I prodotti per la disinfezione delle mani reperibili in commercio vanno usati esclusivamente sulle mani asciutte per non alterare la loro efficacia
  • Lavarsi le mani prima di toccarsi occhi/naso /bocca, prima di mangiare o assumere medicinali
  • Lavarsi le mani dopo aver frequentato luoghi pubblici, utilizzato soldi o aver toccato le persone