Traumi cranici: l’OTC retinico può rivelarli!

In uno studio inglese pubblicato su “Eye and Brain” i Boxer olimpici mostrano forti variazioni di macula e fibre nervose retiniche rispetto al gruppo di controllo. Un risultato inaspettato.

Uno studio di studio di Childs, Barker, Gage e Loosemore ha rilevato casi di modifiche alla retina nei pugili olimpici esposti a frequenti colpi alla testa che hanno frequentato due programmi obbligatori di screening oculare a distanza di 18 mesi.

Nello studio pubblicato “Eye and Brain” nel 2018, sono stati reclutati 16 pugili olimpici di età compresa tra 20 e 33 anni che sono stati confrontati con 20 sedentari sani tra 24 e 45 anni all’interno di due sessioni di screening. Sebbene il gruppo di controllo fosse più vecchio dei pugili olimpici, il resto rientrava nella fascia compresa tra i 24 ei 33 anni. Nel gruppo di controllo, inoltre, sono state reclutate più donne rispetto al gruppo olimpico (12 rispetto a 4).

Nell’arco temporale di 18 mesi, lo spessore dello strato di macula e di fibre nervose retiniche (RNFL) è stato misurato utilizzando la tomografia a coerenza ottica (OCT). È stato osservato un significativo ispessimento della macula nel 75% dei settori dell’occhio destro e del 50% dell’occhio sinistro. Le due proiezioni oculari hanno così fornito dati longitudinali sul cambiamento della retina nel tempo, mostrando nelle sezioni trasversali ispessimento e assottigliamento dei settori di macula nei pugili olimpici rispetto al gruppo di controllo.

Alla luce di questi risultati, l’OCT può rivelarsi clinicamente utile per lo studio del cambiamento neuropatologico dopo lievi lesioni cerebrali traumatiche o ripetuti colpi alla testa.La diagnostica della retina è una tecnica consolidata e non invasiva per l’osservazione dell’occhio e delle malattie sistemiche e, grazie a questa, la retina oculare e neurosensoriale può essere visualizzata in modo relativamente semplice. GliOCT offrono così un potenziale come biomarcatore non invasivo della neuropatologia: un cambiamento significativo nelle densità di macula e RNFL, che si verificano in un intervallo di 18 mesi, è infatti una scoperta inaspettata in soggetti altrimenti sani e in perfetta forma.

È partita la campagna di prevenzione delle malattie della vista di IAPB Italia

Un tir hi-tech attraverserà le principali città italiane per consentire controlli oculistici gratuiti. Il via a Varese; oggi – e fino a giovedì visite –  a Milano per prevenire il rischio cecità.  

È partita la campagna di visite gratuite nelle piazze delle italiane promossa dall’Agenzia Internazionale per la prevenzione della Cecità-IAPB Italia Onlus. Un ambulatorio mobile su ruote offrirà la possibilità di effettuare diagnosi precoci e controlli ad alta tecnologia per prevenire il rischio cecità.

La campagna, avviata il 21 e 23 settembre a Varese, si concluderà nel 2021 raggiungendo le principali città di tutte le Regioni.

Il Vicepresidente di IAPB Italia, Michele Corcio, inaugura la tappa di Varese

La grandestruttura ambulatoriale su ruote è un tir hi-tech dotato di 4 postazioni diagnostiche con oltre 100 metri quadrati di spazio nei quali sarà possibile effettuare gratuitamente diagnosi precoci e controlli ad alta tecnologia per prevenire il rischio di cecità. Gli esami previsti sono finalizzati all’individuazione precoce delle principali malattie della retina e del nervo ottico e sono riservati a chi ha più di 40 anni.

La Campagna di IAPB Italia sarà presente a Milano da oggi 24 settembre a Giovedì 26 in Piazza Melchiorre Gioia. Dal 27 al 29 settembre sarà, invece, a Lodi in Piazza Castello. A seguire raggiungerà l’Abruzzo e, in particolare, L’Aquila, Pescara e Teramo per poi giungere a Napoli, Salerno e Nola in Campania.

Il taglio del nastro da parte dell’Assessore Giulio Gallera

In ogni Regione, inoltre, il tour sarà preceduto da un forum informativo-divulgativo aperto al pubblico, al quale prenderanno parte esponenti della comunità medico-scientifica, i responsabili della gestione dei servizi sanitari regionali e la società civile.

L’inaugurazione è avvenuta a Varese il 21 settembre alla presenza del Presidente della Commissione permanente Sanità e politiche sociali Emanuele Monti. “Si tratta –  ha detto in quell’occasione Michele Corcio, Vicepresidente IAPB Italia – di un’iniziativa ‘manifesto’ che aiuta le persone e stimola le istituzioni ad investire nella prevenzione”.

Tiziano Melchiorre, segretario generale di IAPB Italia e Francesco Boccia, Ministro alle Autonomie Regionali

E le istituzioni erano presenti anche oggi a Milano con il Ministro alle Autonomie Regionali Francesco Boccia e l’Assessore alla sanità della Regione Lombardia, Giulio Gallera accompagnati, nella foto, dal segretario generale IAPB Italia, Tiziano Melchiorre.

Scopri quando effettuare le visite nella tua città su: https://iapb.it/vistainsalute/

PERCHÉ FARSI VISITARE
Glaucoma, retinopatia diabetica e maculopatie rappresentano un insieme di patologie che, complessivamente, riguardano oltre 3 milioni di italiani. Si tratta di malattie che possono provocare cecità e che sono destinate ad aumentare in incidenza man mano che la popolazione invecchia.  Le malattie della retina e del nervo ottico, inoltre, sono spesso asintomatiche negli stadi iniziali, mentre diventano molto difficili da curare una volta manifestatesi pienamente. Si tratta, infatti, di malattie che danneggiano i tessuti nervosi. Per questo i danni, una volta fatti, non possono essere riparati. Ecco perché diventeranno sempre più importanti le diagnosi precoci. Ecco cosa ha spinto l’Agenzia Internazionale per la prevenzione della Cecità-IAPB Italia Onlus a lanciare una grande iniziativa di prevenzione.

La carovana della salute sbarca in Sardegna

Sassari 14 settembre – Cagliari 15 settembre: visite mediche gratuite in piazza previa prenotazione. Tra i controlli anche quelli oculistici, grazia alla collaborazione dellAgenzia Internazionale per la Prevenzione della Cecità – IAPB Italia onlus.

Prevenzione a tutto campo con visite gratuite che spaziano dalla vista all’udito, dal controllo del diabete agli esami neurologici. Tutte visite gratuite su prenotazione, fino a esaurimento posti, offerte nelle piazze delle principali città italiane dalla “Carovana della Salute”.

L’iniziativa, che ha già raggiunto importanti centri come Roma, Bolzano e Bologna, sbarcherà in Sardegna il 13 settembre.

Ecco gli appuntamenti:

Sassari:

  • 13 settembre ore 9 Tavola rotonda di presentazione dell’iniziativa in Sala Angioy, Palazzo della Provincia, Piazza d’Italia
  • 14 settembre Carovana in Piazza D’Italia, Sassari. Visite dalle 10 alle 13 e dalle 14 alle 19

Cagliari:

  • 14 settembre ore 10 Tavola rotonda di presentazione dell’iniziativa in Salone Sechi Sede CISL, via Ancona 11
  • 15 settembre Carovana in Piazza dei Centomila. Visite dalle 10 alle 13 e dalle 14 alle 19

A bordo dell’Unità mobile oftalmica IAPB, in particolare, verranno effettuati controlli oculistici gratuiti.

La Carovana della Salute è organizzata da FNP CISL nazionale per promuovere stili di vita sani e sensibilizzare la popolazione sull’importanza della prevenzione. Nonostante l’aspettativa di vita sia migliorata, infatti, non sempre la longevità equivale a vivere in salute. Con il progredire dell’età, al contrario, molte malattie tendono ad insorgere – dai tumori alle degenerazioni della retina – e a cronicizzarsi, andando ad incidere in modo determinante sulla qualità di vita delle persone, soprattutto anziane.

Per questo è importante diffondere una cultura di vita sana e una prassi di controlli periodici. La Carovana della Salute risponde a questa esigenza e viene organizzata in collaborazione con l’Agenzia Internazionale per la Prevenzione della Cecità – IAPB Italia onlus e si svolge in partnership con molte importanti realtà italiane legate al mondo della salute oltre che con il patrocinio degli Enti locali interessati.

Visite gratuite per prevenire la cecità in tutta italia

Parte la campagna IAPB che si concluderà nel 2021 dopo aver toccato le principali città italiane in tutte le Regioni. Un ambulatorio mobile su ruote con 4 laboratori offrirà la possibilità di effettuare  diagnosi precoci e controlli ad alta tecnologia per prevenire il rischio cecità.

Glaucoma, retinopatia diabetica e maculopatie rappresentano un insieme di patologie che, complessivamente, riguardano oltre 3 milioni di italiani e 400 milioni di persone nel mondo. Si tratta di malattie che possono provocare cecità e che sono destinate ad aumentare in incidenza man mano che la popolazione invecchia. Le malattie della retina e del nervo ottico, inoltre, sono non di rado asintomatiche negli stadi iniziali, mentre diventano molto difficili da curare una volta manifestatesi pienamente.

Ecco perché il rischio di cecità crescerà nei prossimi anni rendendo sempre più importanti le diagnosi precoci in oftalmologia. Un quadro epidemiologico che ha spinto l’Agenzia Internazionale per la prevenzione della Cecità-IAPB Italia Onlus a lanciare una grande iniziativa di prevenzione.

Si tratta della Campagna Nazionale di Prevenzione delle malattie della retina e del nervo ottico con controlli oculistici gratuiti. Iniziando dalla Lombardia a settembre 2019, una grande struttura ambulatoriale su ruote – un tir hi-tech – dotata di 4 laboratori e più postazioni – raggiungerà le principali città di tutte le regioni italiane entro il 2021. Presso il tir sarà possibile effettuare gratuitamente controlli oculistici ad alta tecnologia su retina e nervo ottico. In ogni Regione, inoltre, il tour sarà preceduto da un forum informativo-divulgativo aperto al pubblico, al quale prenderanno parte esponenti della comunità medico-scientifica, i responsabili della gestione dei servizi sanitari regionali e la società civile.

La campagna è stata promossa dall’Agenzia Internazionale per la prevenzione della Cecità-IAPB Italia Onlus, grazie al sostegno del Parlamento italiano che, con la legge di bilancio 2019, ha voluto dare una risposta incisiva al grande bisogno di prevenzione visiva presente nella popolazione.

L’iniziativa ha ricevuto il patrocinio del Ministero della Salute, dell’Istituto Superiore di Sanità, della Società Oftalmologica Italiana, dell’Associazione Nazionale Comuni Italiani (ANCI), oltre che dell’Intergruppo Parlamentare per la Tutela della Vista.