La Repubblica

La Repubblica Salute, martedì 28 giugno 2011, p. 46 Occhio Le più avanzate ricerche sulle patologie che degenerano in cecità o ipovisione Neuroprotesi e geni contro le retinopatie Telefoni: linea verde di consultazione oculistica attiva dal lunedì al venerdì, 800-068506, dalle 10 alle 13, promossa dalla IAPB Italia

Collirio migliora la vista di persone con tumori alle vie ottiche

Facciata del Policlinico A. Gemelli di Roma

Facciata del Policlinico A. Gemelli di RomaCollirio migliora la vista di persone con tumori alle vie ottiche Il fattore di crescita neuronale scoperto da Rita Levi Montalcini ha giovato a otto pazienti oncologici 27 giugno 2011 – Poche gocce di un collirio sperimentale instillato ripetutamente hanno migliorato la vista di sei bambini, un adolescente e un adulto colpiti da tumori alla vie ottiche. I pazienti affetti da gliomi – che rappresentano la metà dei tumori cerebrali e in due casi su tre sono maligni – possono, infatti, subire una riduzione temporanea dell’acuità visiva che è stata contrastata grazie al Nerve Growth Factor (NGF), un fattore di crescita delle cellule nervose scoperto dal Premio Nobel Rita Levi Montalcini. È questo, in sintesi, il risultato di una sperimentazione condotta principalmente da ricercatori dell’Università Cattolica di Roma attraverso due studi pilota su persone colpite da gravi deficit visivi dovuti a tumori delle vie ottiche. I pazienti – colpiti da atrofia avanzata del nervo ottico (che comporta la morte delle cellule nervose) – hanno beneficiato di un miglioramento visivo significativo dopo 10 giorni di instillazione del collirio. Tale miglioramento si è mantenuto anche dopo la fine della cura, com’è emerso da un confronto tra le persone trattate e quelle che non avevano ricevuto il principio attivo. L’incremento della funzionalità del nervo ottico è stato, tra l’altro, riscontrato grazie a esami specifici chiamati potenziali evocati visivi . L’équipe di ricercatori è stata coordinata da Riccardo Riccardi, direttore dell’Unità Operativa di Oncologia Pediatrica del Policlinico A. Gemelli di Roma. Al lavoro – pubblicato su Neurorehabilitation and Neural Repair, rivista ufficiale della Società americana di neuroriabilitazione – hanno partecipato anche Vincenzo Parisi (ricercatore della Fondazione G. B. Bietti) e Antonello Fadda (scienziato dell’Istituto Superiore di Sanità). “Il Nerve Growth Factor (NGF) è una neurotrofina – ha spiegato Antonio Chiaretti dell’Istituto di Clinica pediatrica del Gemelli –, fondamentale per lo sviluppo e la sopravvivenza dei neuroni del Sistema Nervoso Centrale e Periferico. Per la sua azione neuroprotettiva, la somministrazione intracerebrale di NGF è stata già sperimentata per il trattamento di alcune patologie neurologiche degenerative, quali il morbo di Parkinson e la malattia di Alzheimer”. Però questo fattore di crescita neuronale sembra avere anche altre proprietà. Infatti “è stato dimostrato – ha affermato il professor Benedetto Falsini dell’Unità operativa di Oftalmologia dell’Università Cattolica di Roma – che la somministrazione congiuntivale di NGF è efficace nel trattamento di pazienti con ulcere corneali e con gravi deficit visivi secondari al glaucoma ”.

Fonti principali: Università Cattolica del Sacro Cuore , Neurorehabilitation and Neural Repair .

Premiata la prevenzione della cecità

Premiata la prevenzione della cecità Il Presidente della Repubblica Napolitano ha insignito il Presidente della IAPB Italia onlus Castronovo di un’onorificenza 24 giugno 2011 – Il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ha insignito l’avv. Giuseppe Castronovo, Presidente dell’Agenzia Internazionale per la Prevenzione della Cecità-IAPB Italia onlus, dell’onorificenza di Grande Ufficiale dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana. Il riconoscimento è stato consegnato dietro proposta della Presidenza del Consiglio dei Ministri.Il Presidente della Repun “La cecità – ha affermato l’avvocato Castronovo – è stata, nella preistoria e nella storia, la menomazione grave che ha creato più pregiudizio, mito e fantasia. Il non vedente, invece, è una persona normalissima con difficoltà in più e diverse dagli altri il quale, se sostenuto dalla società e dalle istituzioni, può vivere una vita nella normalità”. L’avv. Castronovo venne già insignito nel 2005 della Medaglia d’oro al merito della Sanità Pubblica dall’allora Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi in virtù dell’intensa e appassionata attività per la prevenzione della cecità in Italia e in alcuni dei Paesi più poveri dell’Africa. Ora, a distanza di sei anni, ha ricevuto nuovamente una particolare attenzione da parte della più alta carica dello Stato.

Ultima modifica: 28 giugno 2011.

Scoperta possibile causa di cecità ereditaria

Scoperta possibile causa di cecità ereditaria La carenza di una proteina chiamata CCDC66 potrebbe avere un ruolo nella retinite pigmentosa 24 giugno 2011 – Prosegue la ricerca delle cause genetiche della retinite pigmentosa: un’équipe di ricercatori tedeschi ha scoperto che, almeno nei modelli animali, la carenza di una proteina porta alla cecità. Il suo nome è CCDC66: anche i malati di retinite pigmentosa – la patologia oculare più comune tra quelle rare – potrebbero difettarne. Tuttavia va detto che questa patologia oculare è causata dal malfunzionamento di una ‘rete’ di almeno cento geni. I ricercatori dell’Università della Ruhr a Bochum hanno constatato che tale carenza proteica ha un ruolo nel ridurre progressivamente la vista. Inizialmente la mancata sintesi di CCDC66 provoca cecità notturna fino a privare completamente l’individuo delle sue capacità visive. Lo studio, pubblicato su Human Molecular Genetics , ha consentito di individuare, quindi, il meccanismo genetico responsabile del malfunzionamento e della degenerazione retinica. In collaborazione con équipe di ricercatori di Vienna e di Lubecca, gli scienziati tedeschi hanno modificato geneticamente dei topi in modo tale che il loro organismo non producesse più la proteina CCDC66. Mentre in queste cavie il difetto visivo che porta alla cecità si sviluppa nel giro di qualche mese sia nei cani che negli esseri umani impiega anni a manifestarsi. In particolare si è constatato che la proteina si trova nei fotorecettori e, in particolare, nei bastoncelli. Senza questa proteina, infatti, la loro sensibilità alla luce si riduce progressivamente.

Fonti: Ruhr-Universitaet-Bochum, AlphaGalileo Foundation, Human Molecular Genetics .

Confermato Ban Ki-moon alla guida dell’Onu

Il Segretario Generale Onu Ban Ki-moon

Il Segretario Generale Onu Ban Ki-moonConfermato Ban Ki-moon alla guida dell’Onu Lo ha stabilito l’Assemblea Generale: rimarrà in carica come Segretario Generale fino al 31 dicembre 2016 22 giugno 2011 – Rimarrà in carica per altri cinque anni il Segretario Generale dell’Onu Ban Ki-moon. Lo ha stabilito oggi l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, che riunisce 192 Paesi del mondo. Il secondo incarico durerà dal primo gennaio 2012 fino al 31 dicembre 2016. “Come Segretario Generale – ha dichiarato Ban Ki-moon – lavorerò come armonizzatore e creatore di ponti tra gli Stati membri”. Il Segretario non ha mancato di far riferimento alla salute globale (gestita, in particolare, dall’Oms) accanto a temi come il cambiamento climatico, il disarmo nucleare, l’istruzione e lo sviluppo sostenibile. Affrontarli ha lo scopo di “gettare solide fondamenta per il futuro”. Tra l’altro, ha proseguito il coreano Ban Ki-moon, stiamo sulla strada giusta verso l’obiettivo dell’eliminazione dei decessi dovuti alla malaria. “Con uno sprint finale – ha rassicurato ancora – possiamo sradicare la poliomelite”. Ciò implica significa anche proteggere i poveri e i vulnerabili. “Sappiamo allora – ha evidenziato Ban Ki-moon – che viviamo in un’era d’integrazione e interconnessione, una nuova era in cui nessun Paese può risolvere tutte le sfide da solo e ogni Paese dovrebbe essere parte della soluzione. Questa è la realtà del mondo moderno. Possiamo combatterci o possiamo guidarlo”.

Fonte di riferimento: Onu (sito in inglese)

Anziani, allarme check-up oculistici mancati

Anziani, allarme check-up oculistici mancati In Gran Bretagna un over 60enne su sette non si controlla da oltre due anni ed è più a rischio cadute 21 giugno 2011 – Un anziano su sette non si sottopone a controlli oculistici da almeno due anni: il sondaggio è stato effettuato su 1.700 ultrasessantenni in Gran Bretagna. I quali sono, quindi, più a rischio di cadute. L’associazione caritatevole Age Uk stima che ogni anno cada circa il 30% delle persone con più di 65 anni e la metà degli ultra 80enni. La caduta può avere anche effetti gravi, tra cui la perdita della mobilità e dell’indipendenza. Secondo quanto riferisce la Bbc si stima che, nell’ultimo biennio, in Inghilterra siano finiti a terra quasi quattro milioni di ultrasessantenni. Proprio per contrastare questo fenomeno in Gran Bretagna si celebra, fino al 24 giugno, la settimana contro le cadute. “Sottoporsi a controlli oculistici regolari e indossare gli occhiali giusti – ha ammonito Helena Herlots di Age UK – non solo migliora l’equilibrio, la coordinazione e la mobilità, ma aiuta anche a mantenere una [buona] salute oculare generale”. Secondo l’Oms ogni anno circa 424mila persone – principalmente ultra 65enni – perdono la vita in seguito a cadute; in otto casi su dieci vivono nei Paesi in via di sviluppo. Nel mondo, ogni anno, si richiede l’intervento del medico oltre 37 milioni di volte dopo essere inciampati.

Leggi anche: Cadute nemiche della Salute, Anziani meno a rischio cadute senza multifocali.

Fonti: Age Uk , Bbc-on-line , Oms .

Nuova riunione della Commissione per la prevenzione

Nuova riunione della Commissione per la prevenzione Presso il Ministero della Salute si è riunito l’organo per combattere la cecità evitabile 20 giugno 2011 – Prevenire la perdita della vista: la battaglia viene portata avanti anche a livello ministeriale. Oggi si è riunita nuovamente la Commissione nazionale per la prevenzione della cecità istituita lo scorso anno presso il Dicastero della Salute. Nell’organo si stanno portando avanti i lavori che preludono a una pubblicazione finale sullo stato delle campagne e della cecità sia in Italia che nel resto del mondo. A quest’ultimo riguardo sono circa 140 le campagne in corso, anche grazie all’Agenzia internazionale per la prevenzione della cecità-IAPB Italia onlus (attiva, ad esempio, in Etiopia): lo ha attestato un rapporto della Cbm Italia onlus. Già nella prima riunione di metà dicembre erano state create cinque sottocommissioni per decidere di affrontare meglio le patologie che causano cecità e ipovisione: (1) degenerazione maculare senile (AMD), (2) patologie oculari genetiche (come la Stargardt ), (3) retinopatia diabetica , (4) glaucoma e (5) patologie oculari pediatriche (come l’ ambliopia ). A seconda delle malattie prese in considerazione si punterà a ridurre i fattori di rischio che provocano la riduzione o la perdita della vista. Ad esempio, l’AMD ha cause genetiche su cui non si può intervenire, ma ad esempio non fumare è fondamentale per ridurne l’incidenza. Un documento ufficiale del Ministero della Salute stabilisce che i compiti ufficiale della Commissione sono i seguenti: a) la raccolta e la pubblicazione dei dati sulle menomazioni della vista (cecità e ipovisione), con particolare attenzione rivolta alle patologie curabili e prevenibili; b) lo sviluppo di linee guida per la prevenzione delle menomazioni visive; c) il monitoraggio delle attività dei vari enti e soggetti attivi in questo ambito; d) il monitoraggio delle iniziative di cooperazione internazionale svolte dagli enti e dalle associazioni italiane nei Paesi in via di sviluppo e nelle aree povere, in armonia con le linee guida dell’Oms per la prevenzione della cecità.

Link utile: Ministero della Salute .

Giornata mondiale della vista 2011

Visita oculistica su anziano

Occhio alla Giornata mondiale della vista Un mondo di check-up gratuiti a ottobre contattando un numero verde della IAPB Italia onlus L’Agenzia internazionale per la prevenzione della cecità-IAPB Italia onlus combatte l’ipovisione e la cecità evitabili assieme all’Organizzazione mondiale della sanità (Oms). Proprio per sensibilizzare gli Stati e i cittadini ogni anno celebra la Giornata mondiale della vista il secondo giovedì di ottobre. La Sezione italiana della IAPB ha voluto dedicare la Giornata mondiale della vista (13 ottobre 2011) agli anziani, una fascia d’età particolarmente vulnerabile. Troppo spesso la terza età rinuncia a check-up oculistici periodici che, invece, sono fondamentali per preservare la qualità visiva. Per il mese di ottobre si sono potuti prenotare check-up oculistici gratuiti contattando un numero verde attivato appositamente. I controlli sono stati aperti a tutte le età, ma solo se non ci si controlla da almeno un anno. In alternativa nella seconda settimana di ottobre si è potuto usufruire di un controllo gratuito recandosi direttamente presso una delle Unità mobili oftalmiche disponibili sul territorio nazionale. Per approfondire clicca qui .

Pagina pubblicata il 20 giugno 2011.

Ultima modifica: 9 gennaio 2015