Salta il menù
Vai alla pagina dona ora

Notizie

Visione cristallina

Visione cristallinaLa calotta trasparente è la cornea La cornea è tornata trasparente dopo iniezioni di cellule endoteliali nei bulbi delle cavie 14 giugno 2012 - Una visione limpida richiede anche la trasparenza della nostra cornea. Tuttavia ci sono malattie che la danneggiano facendola diventare opaca. Per questo équipe di ricercatori sono alla ricerca di nuove soluzioni che potrebbero consentire di evitare il classico trapianto. Ricercatori giapponesi dell’Università di Doshisha hanno iniettato, nella parte anteriore del bulbo oculare, cellule corneali coltivate in laboratorio assieme a un speciale molecola, riuscendo a farle attecchire più facilmente: dopo 48 ore i conigli - su cui venivano sperimentate le cellule endoteliali - hanno riguadagnato una buona vista. Si tratta, tuttavia, di un procedimento sperimentale che per ora non ha applicazioni cliniche sull’uomo, ma che fa ben sperare riguardo a nuove chance di cura. Esiste, infine, una possibilità d’impiego di cellule staminali appartenenti alla persona stessa, prelevate da una zona della superficie oculare chiamata limbus e usate per rigenerare la cornea, ad esempio in caso di causticazione della superficie oculare ( clicca qui per approfondire ). Nota zona di transizione tra la cornea e la sclera (il cosiddetto bianco dell’occhio).

Riferimento bibliografico originale: Okumura N, Koizumi N, Ueno M, Sakamoto Y, Takahashi H, Tsuchiya H, Hamuro J, Kinoshita S., “ROCK Inhibitor Converts Corneal Endothelial Cells into a Phenotype Capable of Regenerating In Vivo Endothelial Tissue”, Am J Pathol. 2012 Jul;181(1):268-77. Epub 2012 Jun 14.

Fonte: Elsevier Health Sciences

Ultima modifica: 6 luglio 2012.


Condividi su:

Contatta l'Agenzia internazionale per la prevenzione della cecità-IAPB Italia onlus

Chiama il numero verde 800-068-506

Il Numero Verde di consultazione oculistica è attivo dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 13.
Scrivi nel Forum: un medico oculista ti risponderà gratuitamente.