Salta il menù
Vai alla pagina dona ora

Notizie

Verso la rigenerazione del nervo ottico

Verso la rigenerazione del nervo
ottico La realizzazione di un sogno si
avvicina grazie all’Università di Harvard

20 novembre 2008 - Rigenerare il nervo ottico è un sogno più vicino grazie a studi
condotti soprattutto negli Stati Uniti. Rimuovere i meccanismi che impediscono
l’autoriparazione naturale del nervo ottico e delle altre cellule nervose: è
quanto hanno fatto ricercatori dell’Università di Harvard, che hanno pubblicato sulla prestigiosa rivista Science un articolo molto promettente.

Cancellando un fattore di regolazione chiamato
PTEN, infatti, sono stati in grado di ottenere - nelle Assone: somiglia al tronco di una cellula nervosacellule adulte
della retina dette ganglionali -
“una florida rigenerazione degli assoni (parte delle cellule nervose priva di ramificazioni, ndr) in seguito a danni al
nervo ottico”.
In conclusione i ricercatori hanno sottolineato l’importanza di ricorrere a
risorse interne all’organismo, consentendogli dunque un’autorigenerazione dei
neuroni in seguito a lesioni del sistema nervoso.
Staminali embrionali

Un’altra strada foriera di prospettive
è quella che prevede l’uso di cellule staminali.
A livello oculare si
riescono a usare, almeno per ora, per
la cornea
ma non ancora per riparare la retina.
Tra l’altro
le staminali si
possono ricavare dal midollo osseo e riprodurre in coltura, per poi essere
impiegate per riparare i tessuti nervosi (tra cui, ovviamente, ci
sono la retina e il nervo ottico). Il problema è però quello di trasportarle
nei punti giusti. Anche in questo caso ci ha pensato l’università di Harvard:
il ricercatore Jeffrey Karp ha aggiunto sulla superficie delle staminali del
midollo una molecola (chiamata SLeX), che ha consentito di introdurle nella
circolazione sanguigna e di guidarle in modo “intelligente”. Infine bisogna sottolineare che il loro
impiego non è esente da rischi: in alcuni casi possono produrre tumori.

Vedi anche glaucoma cliccando qui.

Fonti: Science, Harvard University. Numero
Verde di assistenza oculistica (tutte le mattine dei giorni feriali, dalle 10
alle 13). Risponde un medico oculista se si scrive anche nel forum del sito
della IAPB Italia
onlus
.
Nota: per variare la dimensione dei caratteri
premere il tasto Ctrl assieme ai tasti +/- oppure girare la rotellina del mouse
mentre si tiene premuto il tasto Ctrl.


Condividi su:

Contatta l'Agenzia internazionale per la prevenzione della cecità-IAPB Italia onlus

Chiama il numero verde 800-068-506

Il Numero Verde di consultazione oculistica è attivo dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 13.
Scrivi nel Forum: un medico oculista ti risponderà gratuitamente.