Salta il menù
Vai alla pagina dona ora

Notizie

Usa: rischio abuso farmaci per ciechi e ipovedenti

Usa: rischio abuso farmaci per ciechi e ipovedenti

Nuovo studio denuncia: scritte troppo piccole sulle confezioni

28 gennaio 2009 - Posologia sbagliata a causa della disabilità visiva. A lanciare l’allarme è la Fondazione americana ciechi (AFB), che ha commissionato uno studio sull’uso e l’abuso di farmaci. Infatti, se non si possono leggere etichette o i bugiardini è a rischio la salute: solo negli Stati Uniti sono oltre venti milioni le persone colpite da ipovisione e cecità.
Secondo la ricerca - condotta su un centinaio di persone - i disabili visivi sono andati incontro ai seguenti Cieco con accompagnatoreproblemi: assunzione errata del farmaco; malore da abuso di medicinali; pronto soccorso o ricovero in seguito a intossicazione (da farmaci); ‘dipendenza’ da conoscenti o estranei per avere informazioni corrette sui dosaggi.
“Occorre che i politici, i farmacisti e gli altri soggetti lavorino assieme - ha dichiarato Mark Richert della AFB - per assicurare che le prescrizioni sulle etichette siano accessibili e che tutti possano assumere farmaci efficacemente, indipendentemente e - cosa più importante - senza danni per la salute”.
Un ventenne è dovuto correre al pronto soccorso perché essendo diabetico - ma non riuscendo a leggere l’etichetta - ha assunto per errore una dose doppia d’insulina, causando un calo eccessivo di zuccheri nel sangue (ipoglicemia). Una nonna sessantacinquenne, invece, ha confuso un farmaco contro l’ipertensione e un antidepressivo perché le etichette erano state stampate con caratteri troppo piccoli. Infatti, attualmente negli Stati Uniti non ci sono regole che stabiliscano la leggibilità delle confezioni anche per gli ipovedenti o il Braille per i Alfabeto Brailleciechi. Il problema è che, sebbene esistano tecnologie che consentono la lettura, non sono ampiamente accessibili.
La situazione è migliore nel nostro Paese: l’Italia ha recepito una direttiva comunitaria del 2001 con un decreto legislativo pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il 21 giugno 2006: sulle confezioni di tutti i farmaci deve essere riportato il loro nome in alfabeto Braille, mentre gli ipovedenti possono richiedere fogli illustrativi in caratteri più grandi (si veda l’art. 75 del Dlgs 219/2006 ). Mentre il Braille è ormai largamente diffuso, la facilità di accesso ai bugiardini leggibili per gli ipovedenti non è altrettanto immediata; però oggi, grazie ad internet, generalmente si possono consultare i fogli illustrativi direttamente nei siti internet delle diverse case farmaceutiche.

Fonti: American Foundation for the Blind , Parlamento.it.
Numero Verde di assistenza oculistica (tutte le mattine dei giorni feriali, dalle 10 alle 13). Risponde un medico oculista se si scrive anche nel forum del sito della IAPB Italia onlus .Nota: per variare la dimensione dei caratteri premere il tasto Ctrl assieme ai tasti +/- oppure girare la rotellina del mouse tenendo premuto sempre il tasto Ctrl.


Condividi su:

Contatta l'Agenzia internazionale per la prevenzione della cecità-IAPB Italia onlus

Chiama il numero verde 800-068-506

Il Numero Verde di consultazione oculistica è attivo dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 13.
Scrivi nel Forum: un medico oculista ti risponderà gratuitamente.