Salta il menù
Vai alla pagina dona ora

Notizie

Una cura per la longevità

Anziano (volto)Una cura per la longevità

La rapamicina allunga la vita delle
cavie e potrebbe aiutare a prevenire le malattie della terza età; ma abbatte le
difese immunitarie

9 luglio 2009 - Più longevi e con meno
‘acciacchi’. ù questo il sogno di molti anziani, che viene ora alimentato da
una sostanza: la rapamicina. Scoperta sull’isola di Pasqua già negli anni
Settanta, oggi è usata in medicina soprattutto per impedire il rigetto che
segue a un trapianto.

Ebbene, oltre ad essere un immunosoppressore un’_quipe americana
ha scoperto che potrebbe contribuire a prevenire le malattie della terza età o,
addirittura, ad allungare la vita degli esseri umani. Almeno se i risultati incoraggianti
già ottenuti sulle cavie - pubblicati ieri on-line dalla rivista Nature - saranno estesi a noi;
a un’età in cui si riscontra nei topi una mortalità del 90%, le femmine sono vissute il
14% del tempo in più e Cavia da laboratorioi maschi il 9%.

Come funziona il supposto elisir di lunga vita? Il suo
effetto si deve soprattutto all’inibizione di un enzima (chiamato mTOR): regola
la crescita delle cellule, la loro proliferazione, la motilità, la loro
sopravvivenza nonché la sintesi proteica; secondo diversi studi entra anche in
gioco nello sviluppo di diversi tumori. La rapimicina è prodotta naturalmente
da batteri e può bloccare il mTOR. Comunque, era già noto che facesse vivere
più a lungo gli invertebrati, tra cui i lieviti, i vermi cilindrici e i
moscerini della frutta.

“Il suo effetto - scrivono i ricercatori - è stato
riscontrato in tre esperimenti differenti condotti su topi geneticamente
eterogenei... La rapimicina può allungare la vita ritardando una morte per
cancro, rallentando i meccanismi dell’invecchiamento o facendo entrambe le cose”.

Referenza
originale: "Rapamycin fed late in life extends lifespan in genetically
heterogeneous mice", di David E. Harrison, Randy Strong, Zelton Dave
Sharp, James F. Nelson, Clinton M. Astle, Kevin Flurkey, Nancy L. Nadon, J.
Erby Wilkinson, Krystyna Frenkel, Christy S. Carter, Marco Pahor, Martin A.
Javors, Elizabeth Fernandez & Richard A. Miller.
Nature
advance online publication 8 July 2009 | doi:10.1038/nature08221 Acronimo che sta per mammalian target of rapamycin (=bersaglio della rapamicina
nei mammiferi)

Fonte principale: Nature


Condividi su:

Contatta l'Agenzia internazionale per la prevenzione della cecità-IAPB Italia onlus

Chiama il numero verde 800-068-506

Il Numero Verde di consultazione oculistica è attivo dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 13.
Scrivi nel Forum: un medico oculista ti risponderà gratuitamente.