Salta il menù
Vai alla pagina dona ora

Notizie

Un gene per prevenire la cecità

DNAUn gene per prevenire la cecità Si potrebbe effettuare un test genetico per capire chi ha la vitreoretinopatia essudativa 15 febbraio 2010 - Un test genetico per difendere la vista. I familiari di chi è affetto da vitreoretinopatia essudativa potrebbero sottoporsi, in futuro, a un esame per individuare un gene (chiamato TSPAN12) che, se difettoso, può compromettere la salute oculare. Mentre molti pazienti colpiti da vitreoretinopatia essudativa (una malattia rara) sono diventati ciechi o ipovedenti, i loro parentiGene (unità ereditaria da cui è composto il DNA): si stima che negli esseri umani ne siano presenti 20-25.000 potrebbero essere portatori del gene senza avere ancora manifestato i sintomi della malattia. Dunque, secondo ricercatori dell’Università di Leeds un semplice test potrebbe consentire di effettuare una diagnosi precoce e di ricorrere ad eventuali trattamenti. La vitreoretinopatia essudativa familiare è un disordine vitreoretinico clinicamente simile alla retinopatia del prematuro, con la differenza che di solito vi è una storia familiare. La malattia è spesso priva di sintomi negli stadi precoci e la progressione è molto lenta.

Fonti: University of Leeds, Regione Veneto (malattie rare).

Condividi su:

Contatta l'Agenzia internazionale per la prevenzione della cecità-IAPB Italia onlus

Chiama il numero verde 800-068-506

Il Numero Verde di consultazione oculistica è attivo dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 13.
Scrivi nel Forum: un medico oculista ti risponderà gratuitamente.