Salta il menù
Vai alla pagina dona ora
Dona oraSostienici con il 5x1000

Notizie

UK, testata la riabilitazione visiva domiciliare

Dà buoni risultati: nuovo studio condotto dalla Cardiff University su 67 persone

Gli ipovedenti apprezzano la riabilitazione visiva a domicilio e ottengono buoni risultati. Lo attesta un nuovo studio condotto in Inghilterra dalla Cardiff University.

Le persone che vedono pochissimo sono più a rischio di depressione, soffrono di riduzione della qualità della vita e possono cadere più facilmente per terra. Dunque il loro percorso riabilitativo è particolarmente delicato: l’ipovisione è molto difficile da gestire da soli. Per questo è fondamentale essere seguiti da specialisti che possono insegnare ad usare la parte ancora sana della retina (nel caso di una sua degenerazione), a orientarsi più facilmente e a rendersi più indipendenti.

Come si è svolta la ricerca

Durante la ricerca – pubblicata sulla rivista Trials – 67 partecipanti sono stati separati in due gruppi per sei mesi: metà di essi si sono recati a intervalli regolari in un centro d’ipovisione, mentre l’altra metà è stata regolarmente visitata a casa. Durante questi ultimi controlli è stata verificata la funzionalità visiva, l’illuminazione utilizzata, sono stati seguiti eventuali problemi emotivi, la capacità d’orientamento, di comunicazione, ecc. Il numero esatto di visite è stato stabilito dagli specialisti in riabilitazione.

Il professore Tom Margrain (Cardiff University) afferma:

Dato che l’ipovisione colpisce circa due milioni di persone in Gran Bretagna, è importante identificare i servizi di riabilitazione visiva che possono migliorare l’indipendenza e la qualità della vista di coloro che hanno subito una perdita visiva. Già sappiamo che la riabilitazione visiva è di beneficio per le persone ipovedenti [...].

Circa il 70 per cento delle persone nel gruppo assistito a domicilio ha riferito di considerare le visite “di grande aiuto”.

Riabilitazione visiva teleassistita

Ci sono anche soluzioni ancora più innovative e avveniristiche: praticare una riabilitazione visiva a distanza mediante computer. Ad esempio il Polo Nazionale per la Riabilitazione Visiva di Roma sta studiando un protocollo che consentirà – una volta ricevuta una diagnosi e l’assistenza presso il Policlinico A. Gemelli (dove si trova il citato Centro per gli ipovedenti – di proseguire il programma riabilitativo da remoto (in teleassistenza di fronte al proprio pc, facendo esercizi specifici per la lettura e altro).

Link utile: Polo Nazionale

Fonti principali: Cardiff University, Trials


Pagina pubblicata il 12 dicembre 2016.


Condividi su:

Contatta l'Agenzia internazionale per la prevenzione della cecità-IAPB Italia onlus

Chiama il numero verde 800-068-506

Il Numero Verde di consultazione oculistica è attivo dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 13.
Scrivi nel Forum: un medico oculista ti risponderà gratuitamente.