Salta il menù
Vai alla pagina dona ora

Notizie

Sport... a perdita d’occhio

Sport… a perdita d’occhio Gli incidenti durante il gioco sono una delle principali cause di cecità tra i bambini in età scolare 28 agosto 2009 - Giochi… a perdita d’occhio. Tra i bambini che frequentano le scuole gli incidenti sportivi sono una delle cause principali di cecità. Per questo se si riceve un colpo sull’occhio (pallonata, gomitata, ecc.) è sempre meglio sottoporsi a un controllo oculistico, persino se non c’è sanguinamento o se non si prova dolore. Sono queste le raccomandazioni del Vision Center at Childrens Hospital di Los Angeles (Usa). Il quale consiglia vivamente di portare occhiali di protezione quando si praticano sport a rischio (dal basket al baseball, passando per il calcetto, il rugby, ecc.). Troppo spesso i bambini si rifiutano di portare occhiali di protezione; secondo una stima condotta dall’ospedale pediatrico di Los Angeles solo il 15% li indossa quando gioca (almeno in California). Il direttore del Vision Center, Mark Borchert, dà i seguenti consigli: 1) Quando siete in dubbio consultate un medico oculista, specialmente se vedete sfocato o accusate mal di Occhiali di protezionetesta: alcuni incidenti, come un graffio sulla cornea, possono essere dolorosi, ma altri non lo sono. Ad esempio, un colpo all’occhio può persino causare un distacco di retina o un sanguinamento del fondo oculare. 2) Scegliete con cura i giocattoli: non dovrebbero avere punti o spigoli; inoltre, bisogna sapere che molti incidenti oculari sono causati dall’uso improprio di armi giocattolo (in caso di rischi, comunque, fate sempre portare occhiali di protezione a vostro/a figlio/a). 3) Assicuratevi che la vostra casa sia sicura. 4) Tenete lontane e in sicurezza le sostanze chimiche (solventi, disinfettanti, ecc.). Se l’occhio entra in Occhio rossocontatto con una sostanza causticante, è fondamentale risciacquarlo abbondantemente con acqua prima di correre al pronto soccorso. Generalmente gli spray per i capelli, le creme solari protettive e l’acqua ossigenata, così come una serie di detergenti, possono provocare irritazione oculare, ma spesso è sufficiente risciacquare l’occhio con acqua di rubinetto. (Se l’arrossamento persiste è opportuno però consultare un oculista). 5) Tenete sempre in casa e in macchina un kit per il pronto soccorso, che dovrebbe anche includere una soluzione per il lavaggio oculare. Inoltre farmaci, colliri compresi, non devono essere scaduti e, talvolta, vanno conservati in frigo.

Fonte: Vision Center at Childrens Hospital Los Angeles.


Condividi su:

Contatta l'Agenzia internazionale per la prevenzione della cecità-IAPB Italia onlus

Chiama il numero verde 800-068-506

Il Numero Verde di consultazione oculistica è attivo dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 13.
Scrivi nel Forum: un medico oculista ti risponderà gratuitamente.