Salta il menù
Vai alla pagina dona ora

Notizie

Sicurezza stradale, una strada in salita

Sicurezza stradale, una strada in salita Nel mondo, secondo l’Oms, senza nuove misure le vittime degli incidenti aumenteranno del 65% in 20 anni 18 novembre 2009 - Lo stillicidio quotidiano delle vittime della strada finisce sotto i riflettori internazionali: il 19 e il 20 novembre si tiene in Russia la prima conferenza ministeriale globale sulla sicurezza stradale, così come richiesto dall’Assemblea Generale dell’Onu. Il nuovo Rapporto mondiale dell’Oms sulla prevenzione stradale sciorina cifre preoccupanti: 50 milioni di persone riportano ferite in seguito a incidenti mentre 1,2 milioni perdono la vita. Se non si adotteranno nuove misure questi numeri sono destinati, secondo l’Agenzia della Nazioni Unite per la salute, ad aumentare del 65% in 20 anni. Solo in Italia, secondo dati Istat e Aci, nel 2006 sono venute a mancare 5.669 persone (per il 77% uomini), mentre i feriti sono stati quasi 333mila. In questo scenario inquietante c’è però una nota positiva: in Italia le vittime della strada sono in diminuzione, tanto che nel 2000 erano oltre 7.000. A perdere la vita sulla strada nel 2006 erano, il più delle volte, persone alla guida di un’auto (32%) mentre meno frequentemente viaggiavano come passeggeri (17%); seguivanoCurva della strada.</p>
<p>Fonte: freedigitalphotos.nethttp://www.iapb.it/images/Strada-curva-freedigitalphotos.jpg" /> i motociclisti (26%), i pedoni (13%) e i ciclisti (6%). Chi guida pericolosamente può aver bevuto o aver assunto droghe. Un ruolo importante è ricoperto dalle capacità visive: se si è in preda ai fumi dell’alcol si riducono sensibilmente (così come i riflessi, che rallentano). Inoltre, è fondamentale che ci si sottoponga a visite oculistiche periodiche di controllo e che si portino gli occhiali se prescritto dal medico. Altro problema può essere causato anche dall’abbagliamento, particolarmente accentuato per chi soffre di cataratta e nei miopi. Infine, le persone molto anziane è sconsigliabile che guidino perché più facilmente suscettibili a malori e perché i riflessi sono, comunque, più lenti in età avanzata.

Leggi anche: “ Viaggiare in sicurezza sulle strade

Link utili: Ministero delle Infrastrutture e dei trasporti , Aci , Polizia Municipale , ONU.

Fonti: Oms, Onu. Ultimo aggiornamento: 19 novembre 2009.

Condividi su:

Contatta l'Agenzia internazionale per la prevenzione della cecità-IAPB Italia onlus

Chiama il numero verde 800-068-506

Il Numero Verde di consultazione oculistica è attivo dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 13.
Scrivi nel Forum: un medico oculista ti risponderà gratuitamente.