Salta il menù
Vai alla pagina dona ora

Notizie

Sette nuovi geni per l’AMD

Codice genetico: una malattia come l'AMD è scritta nel DNA Sette nuovi geni per l’AMD La degenerazione maculare legata all’età ha una causa genetica, ma lo stile di vita può aiutare a prevenirla 7 marzo 2013 - Sono stati individuati sette nuovi geni che contribuiscono a causare l’AMD, la degenerazione maculare legata all’età. Si tratta di una malattia retinica degenerativa che può colpire il centro della retina a partire dai 50-55 anni: è la principale causa di cecità e ipovisione nei Paesi di maggior benessere, in particolare tra gli anziani. L’università di Miami (Usa) ha appena pubblicato uno studio firmato su Nature Genetics assieme a una sessantina di istituti di ricerca di tutto il mondo: si tratta di un consorzio creato nel 2010 dall’Istituto Oftalmologico Nazionale americano (NIH) proprio per individuare le cause genetiche della malattia oculare. Lo studio è stato condotto su oltre 17.100 casi di degenerazione maculare avanzata. I ricercatori sperano che, avendo individuato nuovi geni responsabili della malattia, si possa infine giungere a nuovi trattamenti farmacologici. Attualmente, infatti, esiste solo la possibilità di trattare la forma umida dell’AMD, mentre quella secca (più diffusa) è ritenuta sostanzialmente incurabile. Eppure qualcosa si può fare a livello di prevenzione: precedenti ricerche hanno dimostrato che la degenerazione maculare legata all’età si manifesta più difficilmente o, comunque, evolve più lentamente se non si fuma, si pratica l’esercizio fisico regolare e si segue una dieta ricca di vitamine e antiossidanti.

Leggi anche: “ Tre volte meno malati di AMD

Fonti principali: Università di Miami, Nature Genetics, Ophthalmology


Condividi su:

Contatta l'Agenzia internazionale per la prevenzione della cecità-IAPB Italia onlus

Chiama il numero verde 800-068-506

Il Numero Verde di consultazione oculistica è attivo dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 13.
Scrivi nel Forum: un medico oculista ti risponderà gratuitamente.