Salta il menù
Vai alla pagina dona ora

Eventi

Salva la vista a Terlizzi (Puglia)

Salva la vista in Puglia La degenerazione maculare legata all’età è la principale causa di cecità nei Paesi benestanti Un nuovo incontro gratuito sulla patologia si è tenuto il 12 novembre a Terlizzi (Bari). In Italia soffrono della malattia oculare che colpisce il centro della retina circa un milione di persone Accendiamo i riflettori sulla degenerazione maculare legata all’età : se diagnosticata per tempo si può ancora salvare la vista, almeno nella sua forma più grave, o almeno rallentare la progressione del peggioramento della visione centrale. La campagna informativa sulla principale causa di cecità nei Paesi benestanti è proseguita in Puglia: venerdì 12 novembre si è tenuto un incontro gratuito aperto al pubblico a Terlizzi (Bari). Tra i sintomi della malattia – che può colpire il centro della retina dopo i 55 anni – c’è la distorsione delle immagini e il calo del visus: ciò che si fissa prima si deforma, poi si offusca e, infine, si manifesta una macchia di non visione (scotoma) che rende impossibile le attività quotidiane, come leggere, guardare la tv o riconoscere i volti. Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) la Degenerazione Maculare Legata all’Età è la prima causa di cecità legale e ipovisione negli ultrasessantenni nei Paesi industrializzati; ma la sua diffusione è destinata a crescere nei prossimi anni a causa del progressivo invecchiamento demografico. Solo in Italia ne soffrono circa un milione di persone, dei quali indicativamente un quarto sono colpiti dalla forma più grave, quella neovascolare (umida), che può condurre alla perdita della vista: colpisce l’1% degli ultra 50enni, il 14% degli ultra 75enni e oltre il 30% degli ultra 85enni. Eppure la Degenerazione Maculare Legata all’Età (DMLE) è conosciuta da meno di un terzo degli italiani. “La DMLE è una malattia di grande rilievo sociale, per le conseguenze sulla qualità della vita del singolo paziente e per la crescente diffusione legata al progressivo invecchiamento della popolazione – ha dichiarato l’Avv. Giuseppe Castronovo, Presidente Nazionale dell’Agenzia Internazionale per la Prevenzione della Cecità-IAPB Italia onlus –. Crediamo molto in questa iniziativa a sostegno della prevenzione che, grazie alla preziosa collaborazione delle nostre sezioni presenti su tutto il territorio nazionale, consente di informare sulla DMLE in modo corretto e capillare”. L’iniziativa, promossa dalla IAPB Italia onlus, è stata organizzata in collaborazione con l’Ospedale “M. Sarcone” di Terlizzi ed è realizzata con il sostegno di Novartis e il patrocinio del Comune di Terlizzi. Prevenzione, diagnosi precoce e opportunità terapeutiche: sono questi gli argomenti che sono stati affrontati nell’incontro aperto al pubblico che si è tenuto a Terlizzi venerdì 12 novembre alle ore 17.00, presso la Biblioteca Comunale “Luigi Marinelli Giovene” – Salone Mons. Felice de Paù, Via Marconi, 37/39. Ultimo aggiornamento di questa pagina: 15 novembre 2010.


Condividi su:

Contatta l'Agenzia internazionale per la prevenzione della cecità-IAPB Italia onlus

Chiama il numero verde 800-068-506

Il Numero Verde di consultazione oculistica è attivo dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 13.
Scrivi nel Forum: un medico oculista ti risponderà gratuitamente.