Salta il menù
Vai alla pagina dona ora
Dona oraSostienici con il 5x1000

Eventi

Retinopatia diabetica, orizzonte prevenzione

Il 30 per cento dei diabetici è colpito da complicanze visive, ma pochi si controllano. Il 6 luglio forum a Roma

Il diabete è una delle “pandemie” del nostro tempo: secondo l’OMS circa 422 milioni di persone ne sono affette, oltre 3,2 milioni in Italia secondo l’Istat. Si stima che circa un terzo di queste persone siano colpite da retinopatia diabetica, la prima causa di cecità e ipovisione in età lavorativa; ma i danni retinici sono spesso evitabili grazie a controlli medico-oculistici periodici. Eppure nel Belpaese solo l’11 per cento dei diabetici si sottopone annualmente a una visita oculistica con controllo del fondo oculare. Quindi ancora oggi non c’è una risposta sanitaria adeguata al problema.

Il forum del 6 luglio

Nel nostro Paese l’Agenzia internazionale per la prevenzione della cecità-IAPB Italia onlus punta a sensibilizzare persone e istituzioni riguardo ai possibili danni del diabete a livello visivo. Per questo il 6 luglio 2017 ha promosso a Roma [1] il 2° Forum nazionale intitolato “La Retinopatia Diabetica: una lotta possibile” [2]. In quest’occasione si è tenuta una lettura magistrale di Walter Ricciardi (Presidente dell’Istituto Superiore di Sanità), oltre a un intervento di Matteo Piovella (Presidente della Società Oftalmologica Italiana), una relazione di Francesco Bandello (docente di Oftalmologia presso il S. Raffaele di Milano), un intervento di Simona Turco e un altro di Filippo Cruciani (entrambi del Polo Nazionale per la Riabilitazione Visiva).

Solo il 25% dei diabetici fa screening annuali del fondo

Occorre trovare soluzioni sanitarie più adeguate. Per questo è stata presentata una mozione parlamentare con cui si mira a un nuovo modello di gestione delle persone anche ricorrendo alla telemedicina, in modo da prevenire problemi oculari che altrimenti rischiano di diventare irreversibili.

C’è la necessità di adottare scelte di politica sanitaria responsabili e innovative, che consentano la messa a punto di nuovi modelli di gestione, in grado di rispondere adeguatamente ai bisogni di chi è colpito dal diabete e, in particolar modo, dalla retinopatia. [3]. Quindi si punta al coinvolgimento di tutti soggetti di alto profilo, compresi il Ministero della Salute e l’Istituto Superiore di Sanità.

L’avv. Giuseppe Castronovo, Presidente della IAPB Italia onlus, ha fatto il punto:

Se non presa in tempo la patologia diabetica porta alla cecità o all’ipovisione (un’importante riduzione della vista)… La nostra attività [della Sezione italiana dell’Agenzia internazionale per la prevenzione della cecità] si propone di sensibilizzare il paziente e la famiglia, col coinvolgimento di diverse figure professionali. Un passo concreto è stato la creazione del Polo Nazionale per la Riabilitazione Visiva presso il Policlinico Agostino Gemelli di Roma, importante Centro di collaborazione OMS. Solo con interventi di questo tipo si può concretamente migliorare la qualità di vita del malato, riducendo contemporaneamente l’impatto economico e sociale di un’invalidità così importante.

Link utile: Social Manifesto sulla retinopatia diabetica

Programma della giornata
Leggi il Comunicato stampa
Leggi l’intervista all’avv. Giuseppe Castronovo

Fonti principali: WHO, IAPB, Altis

[1col patrocinio del Senato, dell’Istituto Superiore di Sanità, il Ministero della Salute, Diabete Italia, Società Italiana di Diabetologia, Società Italiana di Medicina Generale, Associazione Medici Diabetologi, Società Oftalmologica Italiana, Italian Barometer Diabetes Observatory (IBDO) e l’Associazione d’Iniziativa Parlamentare e Legislativa per la Salute e la Prevenzione

[2in Piazza Capranica 72

[3Naturalmente un modello sanitario innovativo a livello nazionale deve poi tradursi in politiche sanitarie regionali efficaci


Pagina pubblicata il 6 luglio 2017. Ultimo aggiornamento: 21 settembre 2017


Condividi su:

Contatta l'Agenzia internazionale per la prevenzione della cecità-IAPB Italia onlus

Chiama il numero verde 800-068-506

Il Numero Verde di consultazione oculistica è attivo dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 13.
Scrivi nel Forum: un medico oculista ti risponderà gratuitamente.