Salta il menù
Vai alla pagina dona ora

Notizie

Quella tiroide che influenza la percezione dei colori

Esame micrografico a fluorescenza della retina di topo sano (in alto evidenziati i coni) in confronto a retina di topo ipotiroideo (in basso). Foto: Martin Glossmann, Max Plack GesellshaftQuella tiroide che influenza la percezione dei colori Esperimenti condotti sulla cavie di laboratorio attestano che gli ormoni tiroidei controllano i pigmenti visivi 30 marzo 2011 - Un mondo meno a colori per chi soffre di seri problemi alla tiroide? Dai risultati di un nuovo studio sembrerebbe di sì, almeno potenzialmente. Infatti l’ormone prodotto dalla ghiandola ricopre un ruolo fondamentale nel controllare i pigmenti visivi prodotti nei coni, i fotorecettori retinici che consentono la visione cromatica: lo sostengono studiosi dell’Istituto di ricerca tedesco Max Planck, dell’università di Francoforte e di Vienna. Sebbene le conclusioni siano basate su studi condotti con cavie di laboratorio, i ricercatori ipotizzano che i risultati possano essere estesi anche agli esseri umani: una deficienza dell’ormone prodotto dalla tiroide inficerebbe la ricchezza della percezione cromatica del mondo.tiroide “Fino ad oggi – scrive l’Istituto di ricerca Max Planck – il controllo della produzione dell’opsina (proteina fotosensibile contenuta nei coni retinici, ndr) era considerato un fenomeno legato allo sviluppo. […] Questo studio dimostra come la produzione di opsina nei coni maturi continui a dipendere dai livelli di ormone tiroidei”. Insomma, regolando i livelli degli ormoni prodotti dalla tiroide è possibile, come se fosse una centralina di controllo, controllare “dinamicamente e reversibilmente” per tutta la vita i livelli di opsina contenuti nei coni. Una carenza degli ormoni tiroidei si può avere a causa di una carenza di iodio nella dieta, per fattori genetici oppure per l’asportazione chirurgica della tiroide. In questo caso potrebbe esserci un’alterazione dei livelli di opsina e, dunque, della visione dei colori. Il motivo per cui però quest’ipotesi non è stata ancora riscontrata negli esseri umani è – puntualizzano i ricercatori tedeschi –, presumibilmente, che “i sintomi generali delle deficienza dell’ormone tiroideo sono tanto gravi che la terapia viene instaurata prima che le alterazioni dei livelli di opsina nei coni si manifestino”.

Fonte: Max-Planck-Gesellschaft


Condividi su:

Contatta l'Agenzia internazionale per la prevenzione della cecità-IAPB Italia onlus

Chiama il numero verde 800-068-506

Il Numero Verde di consultazione oculistica è attivo dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 13.
Scrivi nel Forum: un medico oculista ti risponderà gratuitamente.