Salta il menù
Vai alla pagina dona ora

Notizie

Quando la dieta protegge la vista

Quando la dieta protegge la vista Gli acidi grassi contenuti nel pesce hanno un effetto protettivo sul centro della retina: lo conferma uno studio condotto negli Usa su oltre 38mila donne Che rapporto c’è tra il consumo di pesce e una buona vista? Il legame c’è... e si vede in quattro casi su dieci. Con un nuovo studio condotto negli Stati Uniti dall’Università di Harvard (Boston) e da una struttura ospedaliera ad essa affiliata è ora più chiaro che chi mangia molti acidi grassi (contenuti, ad esempio, nel tonno o nel salmone) protegge maggiormente il centro della retina da eventuali danni degenerativi. Riducendo, quindi, il rischio di essere colpito da AMD (degenerazione maculare legata all’età), malattia oculare che può provocare la perdita della visione centrale soprattutto negli anziani.Il pesce fa bene alla vista (specialmente quello grasso) Analizzando i dati relativi a oltre 38mila donne i ricercatori – finanziati tra l’altro dai National Institutes of Health statunitensi – hanno constatato che, sulla base di questionari fatti compilare a distanza di 10 anni, il rischio di essere colpiti da AMD è del 42% inferiore in chi mangia pesce una o più volte la settimana in confronto a chi decide di mangiarlo al massimo una volta al mese. Secondo gli ultimi dati dell’Oms (2010) i ciechi e gli ipovedenti che hanno perduto la vista a causa dell’AMD sono circa il 6% su 285 milioni, ma questa percentuale diventa circa sette volte più elevata nei Paesi di maggior benessere. Attualmente la malattia oculare è considerata incurabile nella sua forma secca (la più diffusa), mentre per la forma umida esistono dei trattamenti che possono rallentarne l’evoluzione. Referenza originale: “Dietary -3 Fatty Acid and Fish Intake and Incident Age-Related Macular Degeneration in Women“, William G. Christen, ScD; Debra A. Schaumberg, ScD; Robert J. Glynn, ScD; Julie E. Buring, ScD, Arch Ophthalmol. Published online March 14, 2011. doi:10.1001/archophthalmol.2011.34 Nota Brigham and Women’s Hospital.

Fonti principali: JAMA and Archives Journals/ Archives of Ophthalmology , Oms

Pagina pubblicata il 15 marzo 2011.

Ultima modifica: 28 marzo.


Condividi su:

Contatta l'Agenzia internazionale per la prevenzione della cecità-IAPB Italia onlus

Chiama il numero verde 800-068-506

Il Numero Verde di consultazione oculistica è attivo dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 13.
Scrivi nel Forum: un medico oculista ti risponderà gratuitamente.