Salta il menù
Vai alla pagina dona ora

Notizie

Poca vitamina D, più rischio di AMD

Retina colpita da AMD umidaPoca vitamina D, più rischio di AMD Un nuovo studio americano fa luce sui rischi di sviluppare la degenerazione maculare legata all’età in relazione alla predisposizione genetica nelle donne 11 settembre 2015 - Una carenza di vitamina D potrebbe aumentare fino a sette volte il rischio di sviluppare la degenerazione maculare legata all’età ( AMD ), una malattia retinica degenerativa che può compromettere la visione centrale. Secondo un nuovo studio pubblicato su JAMA Ophthalmology nel caso in cui ci sia una specifica predisposizione genetica tale nesso è decisamente evidente. Alla ricerca americana hanno partecipato oltre 900 donne in menopausa. Un rischio sette volte superiore senza vitamina D Con poca vitamina D si corrono seri rischi di essere colpiti da degenerazione maculare legata all’età. Se 550 donne su 913 avevano livelli adeguati nel sangue, in 275 erano invece insufficienti mentre in 88 persone si è registrata una vera e propria carenza . In quest’ultimo caso nelle persone predisposte si è osservato, scrivono i ricercatori americani, “un rischio 6,7 volte maggiore di contrarre l’AMD”. Miglior vista con... vita all’aria aperta Dunque se è vero che bisogna proteggere la retina dal sole troppo forte (mettendosi occhiali scuri a norma), non bisogna però trascurare l’importanza della vita all’aria aperta e, in particolare, dell’esposizione alla luce solare (evitando però le ore centrali della giornata, soprattutto nel periodo estivo). I raggi ultravioletti, infatti, consentono di sintetizzare la vitamina D (fenomeno che negli anziani avviene in misura ridotta). Tra l’altro questa vitamina è fondamentale per la salute ossea, poiché favorisce l’assorbimento del calcio a livello renale. Note Ne esistono due forme: l’ergocalciferolo, assunto con il cibo, e il colecalciferolo, sintetizzato dall’organismo. La vitamina D è un regolatore del metabolismo del calcio e favorisce dunque anche una corretta mineralizzazione dello scheletro. La maggior parte della vitamina viene sintetizzata dall’organismo, per azione dei raggi del sole, a partire da derivati del colesterolo presenti nella pelle. (Fonte Epicentro)

Riferimento bibliografico: Millen AE, Meyers KJ, Liu Z et al., “Association Between Vitamin D Status and Age-Related Macular Degeneration by Genetic Risk”, JAMA Ophthalmol, published online 27 August 2015, doi:10.1001/jamaophthalmol.2015.2715

Fonte principale: JAMA Ophthalmology

Ultima modifica: 15 settembre 2015

Condividi su:

Contatta l'Agenzia internazionale per la prevenzione della cecità-IAPB Italia onlus

Chiama il numero verde 800-068-506

Il Numero Verde di consultazione oculistica è attivo dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 13.
Scrivi nel Forum: un medico oculista ti risponderà gratuitamente.