Salta il menù
Vai alla pagina dona ora
Dona oraSostienici con il 5x1000

Notizie

Partita la campagna “Estate sicura”

I consigli contro le ondate di calore e i bollettini del Ministero della Salute

No ai ventilatori quando fa troppo caldo [1], sì ai condizionatori ma non regolati troppo freddi [2]. C’è anche questo nel vademecum del Ministero della Salute pubblicato in occasione del lancio della campagna “Estate sicura 2018", accompagnato dai consueti bollettini estivi sulle ondate di calore in Italia.

I consigli ministeriali - che rientrano nel Piano nazionale di prevenzione degli effetti del caldo sulla salute - sono improntati al buon senso, ma sullo sfondo ci sono una serie di studi scientifici rigorosi. Ricordiamo, in particolare, le seguenti raccomandazioni:

  • Non uscire nelle ore più calde [3].
  • Migliorare l’ambiente domestico e di lavoro: la misura più semplice è la schermatura delle finestre esposte a sud e a sud-ovest con tende e oscuranti regolabili che blocchino il passaggio della luce, ma non quello dell’aria. Efficace è naturalmente l’impiego dell’aria condizionata che tuttavia va impiegata con attenzione, evitando di regolare la temperatura a livelli troppo bassi rispetto alla temperatura esterna.
  • Bere molti liquidi: assumere molta acqua e mangiare frutta fresca è una misura essenziale per contrastare gli effetti del caldo.
  • Non bere bevande alcoliche o bevande contenenti caffeina.
  • Fare pasti leggeri.
  • Vestire comodi e leggeri, con indumenti di cotone, lino o fibre naturali. All’aperto è utile indossare cappelli leggeri e di colore chiaro per proteggere la testa dal sole diretto. [Aggiungiamo che è importante mettere anche occhiali scuri dotati di filtri a norma di legge]
  • In auto ventilare l’abitacolo prima di iniziare un viaggio. In questo caso, regolare la temperatura su valori di circa 5 gradi inferiori alla temperatura esterna, evitando di orientare le bocchette della climatizzazione direttamente sul corpo. Se ci si deve mettere in viaggio, evitare le ore più calde della giornata e tenere sempre in macchina una scorta d’acqua. Non lasciare mai neonati, bambini o animali in macchina, neanche per brevi periodi.
  • Evitare l’esercizio fisico nelle ore più calde della giornata. In ogni caso, se si fa attività fisica, bisogna bere molti liquidi. Per gli sportivi può essere necessario compensare la perdita di elettroliti con gli integratori.
  • Occuparsi delle persone a rischio, facendo visita almeno due volte al giorno e controllando che non mostrino sintomi di disturbi dovuti al caldo. Controllare neonati e bambini piccoli più spesso.

Leggi anche: “Proteggere gli occhi dal sole”, le FAQ ministeriali

Fonte principale: Ministero della Salute

[1ossia sopra i 32°

[2tra i 25° e i 27°, mentre in precedenza si consigliava l’intervallo 24°-26°

[3durante le giornate in cui viene previsto un rischio elevato, deve essere ridotta l’esposizione all’aria aperta nella fascia oraria compresa tra le 11 e le 18


Pagina pubblicata il 4 luglio 2018.


Condividi su:

Contatta l'Agenzia internazionale per la prevenzione della cecità-IAPB Italia onlus

Chiama il numero verde 800-068-506

Il Numero Verde di consultazione oculistica è attivo dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 13.
Scrivi nel Forum: un medico oculista ti risponderà gratuitamente.