Salta il menù
Vai alla pagina dona ora
Dona oraSostienici con il 5x1000

Notizie

Occhio secco, rischio più alto per gli allergici

I neutrofili possono favorire l’ostruzione dei dotti delle ghiandole di Meibomio contenute nelle palpebre

L’occhio secco può colpire più facilmente coloro che soffrono di allergie e hanno un’infiammazione cronica a livello palpebrale. Questa sindrome può comunque essere favorita dall’ostruzione dei dotti escretori delle ghiandole di Meibomio associata all’abbondanza locale dei neutrofili (globuli bianchi), come risulta da una sperimentazione condotta su cavie animali. È quanto ha concluso una squadra di scienziati italiani e americani su Science Translational Medicine [1].

L’età avanzata, il fumo e l’uso prolungato degli schermi possono essere dei fattori di rischio dell’occhio secco, che d’estate tende a colpire più frequentemente (ad esempio per l’impiego dell’aria condizionata, il vento in spiaggia, il sole forte, l’alta temperatura che favorisce l’evaporazione del film lacrimale). Il più delle volte basta utilizzare lacrime artificiali, ma è comunque opportuno sottoporsi a una visita oculistica per trattare un’eventuale patologia che potrebbe essere all’origine dell’occhio secco.

Fonte principale: Science Translational Medicine

[1“L’ostruzione delle ghiandole di Meibomio o altre forme di disfunzione ghiandolare possono promuovere patologie croniche della superficie oculare”


Pagina pubblicata il 1 agosto 2018.


Condividi su:

Contatta l'Agenzia internazionale per la prevenzione della cecità-IAPB Italia onlus

Chiama il numero verde 800-068-506

Il Numero Verde di consultazione oculistica è attivo dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 13.
Scrivi nel Forum: un medico oculista ti risponderà gratuitamente.