Salta il menù
Vai alla pagina dona ora
Dona oraSostienici con il 5x1000

Notizie

Occhio secco, l’importanza di una diagnosi precoce

Il suo mancato trattamento può peggiorare la qualità della vita: da un sonno peggiore e una minore tolleranza agli schermi

JPEG - 10.1 Kb

Si tratta di una sindrome spesso ancora sottovalutata: è l’occhio secco, che può insorgere a ogni età ma è più frequente dopo i 40 anni. Minore tolleranza agli schermi, peggiore qualità del sonno (risveglio improvviso), difficoltà ad aprire gli occhi al mattino, arrossamento oculare, sensazione di fastidio e di bruciore agli occhi. Questi sono alcuni dei sintomi caratteristici [1]. Esistono numerosi rimedi (lacrime artificiali, gel umettanti, ecc.), ma la sua diagnosi può giungere in ritardo. Quindi occorre consultare un oculista il prima possibile e approntare tempestivamente un’eventuale terapia [2], in modo da salvaguardare la qualità della vita. Tutto ciò viene evidenziato da un recente studio internazionale pubblicato sul British Journal of Ophthalmology.

Cosa si è studiato

Lo studio è stato condotto su 706 pazienti affetti da occhio secco che vivono in cinque Paesi europei: Italia, Germania, Francia, Spagna e Gran Bretagna. Le persone studiate avevano ricevuto una diagnosi della sindrome da un oculista professionista e non portavano lenti a contatto né instillavano sostituti Test di Shirmerlacrimali da almeno sei mesi. La ricerca, a carattere osservativo, si è basata su questionari per poter stabilire l’impatto sulla qualità della vita della secchezza oculare.

Risultati

Circa un terzo dei pazienti (218, pari al 31%) ha percepito la sindrome dell’occhio secco come una “malattia” o persino come un “handicap”, mentre il 66% l’ha classificata come un “fastidio” (discomfort). L’impatto sulla qualità della vita delle persone affette secchezza oculare è stato notevole, soprattutto quando percepito in modo negativo e in caso di diagnosi tardiva.

Leggi anche: “Occhio secco, correlazione con ansia e depressione

Fonte principale: British Journal of Ophthalmology

[1Secondo quanto scrive l’Asia Dry Eye Society su The Ocular Surface l’occhio secco è una malattia oculare multifattoriale caratterizzata da un film lacrimale instabile, che causa una serie di sintomi e/o di problemi visivi, accompagnati potenzialmente da un danno alla superficie oculare

[2bisogna considerare anche il fatto che la sindrome dell’occhio secco può essere associata ad allergie, uso d’antistaminici, depressione e impiego d’antidepressivi, sindrome del dolore cronico, malattie atopiche (vedi Ophthalmology nel 2016), così come a problemi tiroidei, menopausa o alterazioni del ciclo, affaticamento oculare per abuso di schermi, ecc.


Pagina pubblicata il 19 gennaio 2017.


Condividi su:

Contatta l'Agenzia internazionale per la prevenzione della cecità-IAPB Italia onlus

Chiama il numero verde 800-068-506

Il Numero Verde di consultazione oculistica è attivo dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 13.
Scrivi nel Forum: un medico oculista ti risponderà gratuitamente.