Salta il menù
Vai alla pagina dona ora

Consigli utili

Occhio alla salute oculare in acqua

Proteggere gli occhi dal sole ed evitare l’uso di lenti a contatto aiuta a prevenire i disturbi oculari al mare o in piscina

L’occhio è un organo molto delicato e deve essere sempre protetto. Le palpebre e le lacrime che ricoprono la superficie oculare offrono una prima difesa nei confronti dell’ambiente esterno. Tuttavia, quando apriamo gli occhi il film lacrimale non riesce a schermare l’occhio dalle radiazioni solari e, in particolare, dall’azione dei raggi ultravioletti (UV).

Perché il sole può nuocere alla vista?

Il sole è una fonte molto potente di radiazioni luminose che provocano, specialmente se in eccesso, un danno ossidativo ai tessuti, facendoli invecchiare prima del tempo. Tutte le strutture oculari possono essere colpite; ma è la retina ad essere particolarmente vulnerabile e, una volta danneggiata, la sua funzionalità è difficilmente recuperabile. I raggi solari possono arrivare a provocare la morte di cellule retiniche (ad esempio se si fissa il sole). L’esposizione protratta ai raggi solari senza protezione può comunque favorire, soprattutto nella stagione estiva, l’insorgenza di patologie come congiuntiviti, cheratiti attiniche, cataratta e maculopatie fototraumatiche (lesioni della retina centrale).

Come proteggere gli occhi al mare?

Per precauzione, soprattutto al mare e in altre condizioni di elevata luminosità, gli occhiali da sole con filtri a norma di legge devono essere indossati da tutti, in modo da limitare l’azione dannosa dei raggi ultravioletti (UVA e UVB). Per coloro che vanno in barca a vela o praticano kitesurf/windsurf è importante difendersi dal riverbero del sole sull’acqua; quindi è opportuno utilizzare occhiali con montature grandi e resistenti agli urti, con lenti ad alto assorbimento dei raggi ultravioletti e montature avvolgenti. È, inoltre, opportuno proteggere le palpebre e il contorno occhi. Si tratta di zone delicate che vanno difese, oltre che con gli occhiali da sole, anche con una crema solare ipoallergenica e priva di profumazione. In caso di problemi di arrossamento del contorno occhi si può, in prima battuta, ricorrere, una volta all’ombra, a impacchi con acqua fredda.

Bisogna stare attenti anche all’alimentazione?

Sì, la dieta deve essere ricca di vitamine (bisogna mangiare molta frutta e verdura, in particolare carote e mirtilli) oltre che di omega-3 (acidi grassi che si trovano soprattutto nel pesce). In questo modo si aumenta la quota di sostanze antiossidanti, difendendo la macula, la zona più sensibile che si trova al centro della retina, la quale ci consente la visione centrale. Naturalmente è fondamentale idratarsi costantemente ossia bere in abbondanza (però l’acqua non deve essere ghiacciata).

Quindi è vero che è importante bere molto d’estate?

Sì, è vero: è fondamentale sia per la salute dell’intero organismo che, più in particolare, dell’occhio. Infatti, il caldo di solito provoca uno stato di disidratazione; questo comporta problemi del corpo vitreo, il liquido gelatinoso che riempie il bulbo oculare: è questa la causa dei corpi mobili vitreali, che appaiono come mosche volanti (miodesopsie). Inoltre, nei casi estremi si può avere una retrazione del corpo vitreo stesso, con un distacco di quest’ultimo dalla retina (da non confondere col cosiddetto distacco di retina). La perdita della normale “salute” del corpo vitreo aumenta, comunque, il rischio di problemi retinici, soprattutto in persone predisposte (come quelle molto miopi oppure che soffrono di degenerazioni periferiche della retina). Per difendersi bisogna reintegrare i sali minerali e garantire un adeguato apporto idrico.

Se gli occhi si arrossano cosa bisogna fare?

È bene, in prima battuta, sciacquare abbondantemente l’occhio con acqua dolce (se si indossano lenti a contatto bisogna prima toglierle) e usare le lacrime artificiali per mantenere un’adeguata stabilità del film lacrimale. Infatti, col sole si può soffrire più facilmente di occhio secco. Se si fa un bagno in mare, soprattutto se si accusano irritazioni oculari, è meglio indossare la maschera o gli occhialini; una volta usciti dall’acqua è consigliabile instillare lacrime artificiali. Tuttavia, se il disturbo persiste bisogna recarsi da un medico oculista.

Perché gli occhi si arrossano?

Per diverse ragioni: l’azione del vento e il caldo aumentano l’evaporazione del film lacrimale, rendendo l’occhio meno protetto e creando, quindi, una condizione simile a quella dell’ occhio secco. Il vento stesso può provocare dei disturbi (soprattutto in barca, in kitesurf o in windsurf ), mentre in spiaggia può sollevare sabbia o polvere negli occhi, provocando un’infiammazione. (Leggi la scheda sull’occhio rosso).
I raggi ultravioletti possono provocare la congiuntivite (che può avere anche un’origine virale) e persino una cheratite attinica. Tuttavia, quest’ultima raramente si riscontra per l’esposizione al sole, mentre è più frequente nelle persone che utilizzano fiamma ossidrica o lampade abbronzanti senza protezione. Tipico è il dolore oculare , che aumenta durante la notte, col picco massimo nelle prime ore del mattino. La terapia è a base di pomate antibiotiche e riepitelizzanti (con bendaggio oculare).

Cosa devo fare se mi è finita la sabbia negli occhi?

Risciacquare con acqua dolce in abbondanza è il primo consiglio utile. Può anche essere necessario effettuare un lavaggio oculare (con acido borico o altri prodotti disinfettanti); ma se il quadro clinico non migliora bisogna recarsi a un pronto soccorso oculistico.Applicazione di lenti a contatto

Cosa si deve fare se si usano lenti a contatto?

Al mare vanno levate: se si ha un vizio refrattivo bisogna portare gli occhiali con lenti scure. Il comfort e la sicurezza delle lenti a contatto sono dati dalla presenza di un buon film lacrimale: si crea un film pre-lente (tra la cornea e la lente stessa ) e un film post-lente: questo ‘ambiente’ fa sì che la lente a contatto non sia mai a diretto contatto con l’occhio grazie a una sorta di ‘cuscinetto’ idrico. L’alterazione del film lacrimale potrebbe portare alla scomparsa di questo ambiente ottimale; il bagno in mare, data la salinità dell’acqua, ne altera l’osmosi e tende a fare asciugare la lente a contatto, facendole perdere le sue caratteristiche peculiari.

Posso portare le lenti a contatto in piscina?

Il loro uso è sconsigliabile non solo al mare, ma anche in piscina, nei laghi e nei fiumi (comprese acque termali): nelle acque dolci potrebbe essere presente l’Acanthamoeba, un microorganismo pericoloso che causa un danno moltoIn piscina è sempre consigliabile indossare gli occhialini e non tenere le lenti a contatto grave alla cornea. Normalmente esso non penetra nella superficie dell’occhio, ma i microtraumi che la lente a contatto potrebbe creare aprono la strada all’infezione. Si deve, quindi, ricorrere sempre ad uno specialista quando si ha un sospetto di una lesione corneale o se perdura la sensazione di corpo estraneo. Spesso la vacanza è associata ad una minore attenzione o ad una minore cura nell’uso delle lenti a contatto. Se si va in posti dove è difficile effettuare una loro regolare manutenzione o dove è difficoltoso reperire i liquidi di conservazione, è bene usare le lenti a contatto giornaliere per diminuire la possibilità d’infezioni e portare comunque con sé gli occhiali da vista (per essere pronti a toglierle in caso di fastidio o occhio rosso). Comunque, se proprio non si può fare a meno delle lenti a contatto in spiaggia, è indispensabile “sigillare“ gli occhi con gli occhialini prima di immergersi e buttare le lenti a contatto subito dopo il bagno.

Cosa fare quando la crema solare va nell’occhio?

Bisognerà, in questo caso, risciacquare gli occhi con abbondante acqua dolce per eliminare la sostanza irritante. Infatti, può capitare che la crema solare vada negli occhi o che il sudore possa scioglierla, colando nell’occhio e provocando un forte bruciore.

Si può verificare una crescita anomala della congiuntiva a causa del sole?

pterigioSì, può avvenire: un’esposizione esagerata al sole può provocare negli anni la formazione di pterigio. Si tratta di una malattia oculare, del tutto benigna, che consiste in una crescita anomala della congiuntiva, che arriva a coprire la superficie esterna e trasparente dell’occhio che si trova davanti all’iride (cornea) con un ispessimento dei vasi. Si potrebbe considerare una sorta di “callo” oculare. Ha una singolare forma triangolare e normalmente parte dal punto interno dell’occhio. Questa protuberanza si sviluppa tra le palpebre e la cornea; quest’ultima, in tale condizione, diventerà biancastra e ricca di vasi, con una superficie non regolare. Lo pterigio si accresce lentamente ma progressivamente. A volte può arrivare fino al centro della cornea, provocando una riduzione della vista. Non è doloroso, ma è antiestetico; deve, quindi, essere asportato dall’oftalmologo con un piccolo intervento.


Scheda informativa a cura dell’Agenzia internazionale per la prevenzione della cecità-IAPB Italia onlus
Leggi le condizioni generali di consultazione di questo sito

Pagina pubblicata il 19 giugno 2012. Ultimo aggiornamento: 31 agosto 2016.

Ultima revisione scientifica: 26 febbraio 2016.

Contatta l'Agenzia internazionale per la prevenzione della cecità-IAPB Italia onlus

Chiama il numero verde 800-068-506

Il Numero Verde di consultazione oculistica è attivo dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 13.
Scrivi nel Forum: un medico oculista ti risponderà gratuitamente.