Salta il menù
Vai alla pagina dona ora
Dona oraSostienici con il 5x1000

Notizie

Numeri tenuti d’occhio

Operazione di catarattaNumeri tenuti d’occhio L’Istat ha pubblicato oggi l’Annuario statistico italiano. La cataratta è al 29° posto tra gli interventi più frequenti; le malattie croniche sono molto diffuse 20 novembre 2009 – La cataratta è un’operazione chirurgica frequente in Italia: secondo l’Istat, che oggi ha pubblicato il nuovo Annuario statistico italiano, sono 64.890 gli interventi effettuati nel 2006 (0,8%). Si tratta di un’operazione che consiste nella rimozione del cristallino, la lente naturale flessibile contenuta nel nostro occhio, e nella sua sostituzione con una lentina artificiale. Richiedeva in media 1,7 giorni di degenza, anche se ormai viene praticata in day surgery. Tre anni fa si piazzava al 29° posto tra le operazioni più comuni in Italia; dopo il parto (in prima posizione), compaiono al secondo e al terzo posto ricoveri per malattie che interessano la circolazione, come l’aterosclerosi, e il cuore. La presenza di patologie croniche costituisce un importante indicatore per comprendere lo stato di salute della popolazione italiana, che è sempre più anziana. Nel 2009 il 38,8% dei residenti nel Belpaese dichiara di essere affetto da almeno una delle principali patologie croniche, ma tale percentuale sale all’86,9% per gli ultrasettantacinquenni. Le malattie croniche più diffuse sono l’artrosi/artrite (17,8%), l’ipertensione (15,8%; vedi retinopatia ipertensiva), le malattie allergiche (10,2%; vedi congiuntivite), l’osteoporosi (7,3%), la bronchite cronica, l’asma bronchiale (6,2%) e il diabete (4,8%; vedi retinopatia diabetica). Nel 2009 gli amanti della sigaretta in Italia rappresentano il 23% della popolazione di 14 anni e più. A fumare sono soprattutto gli uomini (29,5%) rispetto alle donne (17%). Il tabagismo è più diffuso fra coloro che hanno un’etàIl fumo nuoce gravemente alla salute (anche a quella oculare) Medicocompresa tra i 25 e i 34 anni (31,4%). Il fumo di sigaretta rappresenta uno dei principali fattori di rischio di una malattia oculare che colpisce la retina degli anziani: si tratta dell’AMD, la degenerazione maculare legata all’età, che provoca una distorsione delle immagini sino alla perdita della visione centrale. Attualmente la sua forma più comune, detta secca, è considerata incurabile; ma la prima arma è la prevenzione, che passa attraverso uno stile di vita sano caratterizzato da attività fisica costante. Secondo gli ultimi dati disponibili (2006) circa 46.000 erano i medici di base presenti sul territorio nazionale (8 ogni 10.000 abitanti). I medici pediatri erano circa 7.500. Gli ambulatori e i laboratori pubblici e privati convenzionati erano circa 17 ogni 100.000 abitanti (in lieve calo dal 2004).

Fonte: ISTAT (Annuario statistico italiano 2009).


Condividi su:

Contatta l'Agenzia internazionale per la prevenzione della cecità-IAPB Italia onlus

Chiama il numero verde 800-068-506

Il Numero Verde di consultazione oculistica è attivo dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 13.
Scrivi nel Forum: un medico oculista ti risponderà gratuitamente.