News:
Visualizzazione pagina intera

Le principali complicazioni del diabete non controllato secondo l'OMS: ictus, cecità, infarto, insufficienza renale, piede diabetico (amputazione)Quel diabete da non perdere di vista
Problemi retinici, cardiaci, renali e ai piedi: sono le complicazioni più frequenti dell’eccesso di zucchero nel sangue. Chi ha il diabete di tipo 2 corre un rischio cardiovascolare doppio

8 giugno 2016 - Che legame c'è tra i nostri occhi e il nostro cuore? Ad esempio in entrambi c'è il microcircolo. Proprio a causa di una sua alterazione chi è diabetico può essere colpito con maggiore frequenza da problemi retinici, cardiaci, ictus così come malattie renali e ai piedi. Non manca neanche un'eventuale riduzione della sensibilità dei nervi periferici.
Un nuovo studio – condotto in Gran Bretagna su oltre 49 mila persone per cinque anni e mezzo – giunge alla conclusione che le persone con la forma meno grave di diabete (il tipo 2, che non necessita d’insulina) corrono un rischio doppio di essere colpite da problemi cardiovascolari.

Una vita pigra con troppi zuccheri e grassi saturi
Tenendo conto che, secondo l’OMS, nel mondo ci sono 422 milioni di diabetici e che “il diabete è un’importante causa di cecità, d'insufficienza renale, infarto, ictus e amputazione del piede”, bisogna prestare la massima attenzione allo stile di vita.

I consigli dell’OMSPrick test per misurare la glicemia
“Una dieta sana, un’attività fisica regolare, il mantenimento di un peso forma ed evitare il consumo di tabacco – scrive l’OMS – sono i modi per prevenire o ritardare l’insorgenza del diabete di tipo 2” (è quello più diffuso e rappresenta il 90-95% dei casi di diabete).
Per quanto riguarda il movimento si raccomandano “almeno 30 minuti di regolare attività da moderata a intensa”. Inoltre per prevenire il diabete di tipo 2 bisogna evitare eccessi nell’assunzione di zuccheri e di grassi saturi nonché di fumare. Il tipo 1, la forma più grave, richiede inoltre la costante somministrazione d’insulina.
 
Diagnosi e trattamento
A tutti i diabetici si raccomanda non solo di tenere sotto controllo la glicemia (concentrazione di zuccheri nel sangue), ma anche di sottoporsi, d’intesa col diabetologo, ad altre visite specialistiche periodiche (oculistiche, cardiologiche, ecc.).

Dunque una diagnosi precoce di una malattie cronica quale il diabete è semplice: bisogna sottoporsi al test della glicemia (ad esempio al prick test). Nel caso del diabete di tipo 2 ci si può affidare ai farmaci ipoglicemizzanti, ma soprattutto bisogna seguire una dieta attenta. Insomma si potrebbe consigliare ai diabetici: "vita riguardata, vista salvata".

Fonti: The Lancet (Diabetes & Endocrinology), WHO, Ministero della Salute
Ultima modifica: 28 giugno 2016
 
 
 
 
 
 

 



Agenzia internazionale per la prevenzione della cecità IAPB Italia onlus.
Il Numero Verde di consultazione oculistica è attivo dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 13.
Scrivi nel Forum: un medico oculista ti risponderà gratuitamente.
07/06/2016 Trabeculectomia, il mistero della pressione

Il tono dell’occhio non operato tende a salire dopo l’intervento: è fondamentale monitorarlo per evitare danni al nervo ottico.

06/06/2016 Glaucoma, si fa il punto in Sicilia

Nuovo congresso nazionale dal 9 all’11 giugno a Catania: chirurgia in diretta e tanti esperti a confronto.
 

01/06/2016 Anziani, se la vista è trascurata

Nuovo studio condotto nelle case di riposo: quasi il 22% delle persone ha avuto bisogno di trattamenti oculistici tempestivi.

24/05/2016 Sanità digitale, Italia indietro

In generale nei servizi telematici il Belpaese si colloca nell'Ue al 25° posto. I migliori dell'Unione europea sono gli scandinavi.

2 di 262