Salta il menù
Vai alla pagina dona ora

Notizie

Ministro Lorenzin: i nuovi LEA sono realtà

Verso l’approvazione dei Livelli Essenziali d’Assistenza, si prevede l’inclusione della riabilitazione visiva

“L’aggiornamento di Livelli Essenziali di Assistenza è finalmente realtà dopo 15 anni, il nuovo nomenclatore delle protesi dopo 17 anni”. Ha esordito così il Ministro della Salute Beatrice Lorenzin durante un’Audizione che si è tenuta presso la Camera dei Deputati lo scorso 5 ottobre di fronte alla Commissione Affari sociali (Aula Commissione Lavoro).

Tra l’altro, ha aggiunto la titolare del Dicastero, “è stata difatti già istituita – con decreto del 16 giugno 2016 – la Commissione nazionale per l’aggiornamento dei LEA, con il compito di monitorarne continuamente il contenuto”.

L’iter seguito

Lo schema di Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri è stato già approvato dalla Conferenza stampa Stato-Regioni all’inizio di settembre e – ha annunciato la titolare del Dicastero – sta per “sbarcare” in Parlamento.

Nei LEA si parla, tra l’altro, della modalità d’erogazione delle protesi (“ausili protesici”). Non si tratta solo di malattie croniche, ma anche d’innovazione tecnologica e organizzativa. Prevenzione, diagnosi e cure restano, nel complesso, un orizzonte di riferimento. Tuttavia gli oculisti hanno manifestato più di una preoccupazione riguardo alla possibile cancellazione della visita oculistica completa (comprensiva di fondo oculare) per i diabetici.

Le promesse

Il Ministro Lorenzin ha fatto anche alcune promesse. Innanzitutto quella di “promuovere la riduzione della spesa che non si traduca nella riduzione dei servizi offerti” ricorrendo alla semplificazione e all’aggiornamento. Inoltre intende innalzare i livelli delle prestazioni e renderle uniformi. Infatti oggi esiste una notevole difformità tra singole Regioni e all’interno delle Regioni stesse.

Principali novità

Il nuovo nomenclatore della specialistica ambulatoriale dovrebbe essere aggiornato dopo circa 20 anni, rivedendo profondamente le indagini genetiche, introducendo prestazioni ad elevatissimo contenuto tecnologico (tra cui l’adroterapia, con cui si “bombardano” i tumori con protoni). Si parlerà anche di procreazione medicalmente assistita (omologa ed eterologa), ci saranno aggiornamenti del Piano nazionale cronicità nonché alcune attrezzature domotiche (telesoccorso, allarme), arti artificiali e altri sistemi tecnologici avanzati (come quelli che consentono il riconoscimento vocale). Nella bozza del testo tra le principali novità compare anche la riabilitazione visiva (che consente agli ipovedenti di sfruttare al meglio il proprio residuo visivo e, quindi, a migliorare le proprie capacità e la qualità della vita di chi vede molto poco).

Inoltre “il provvedimento prevede un consistente ampliamento delle patologie rare erogate in regime di esenzione”: saranno, ha annunciato il Ministro, oltre 110 (per l’esattezza 118, ndr).

Infine la malattia celiaca e la sindrome di down riceveranno un’attenzione specifica.

Fonti di riferimento: Camera Deputati, Ministero Salute, Regioni.it


Pagina pubblicata il 14 ottobre 2016. Ultimo aggiornamento: 3 novembre 2016


Condividi su:

Contatta l'Agenzia internazionale per la prevenzione della cecità-IAPB Italia onlus

Chiama il numero verde 800-068-506

Il Numero Verde di consultazione oculistica è attivo dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 13.
Scrivi nel Forum: un medico oculista ti risponderà gratuitamente.