Salta il menù
Vai alla pagina dona ora
Dona oraSostienici con il 5x1000

Notizie

Metà degli adulti americani soffre di vizi refrattivi

OcchialiMetà degli adulti
americani soffre di vizi refrattivi Astigmatismo, miopia e ipermetropia i
difetti più diffusi

18 agosto 2008 - Un americano su due con più di
vent’anni soffre di un vizio di refrazione. A colpire sono soprattutto l’astigmatismo, la miopia e la presbiopia (quest’ultima molto
comune dopo i 40 anni). Lo studio è stato condotto negli Usa su oltre
quattordicimila persone tra il
1999 e il 2004.

Grazie all’uso di un apparecchio diagnostico computerizzato,
chiamato autorefrattometro, si è scoperto che l’astigmatismo è al primo posto
(col 36,2%), segue la miopia (33,1%) e, a distanza, l’ipermetropia (3,6%). Sopra i 60
anni a metà delle persone visitate è stata riscontrata una presbiopia: non
riuscivano a vedere bene da vicino senza l’uso di lenti.

Secondo la ricerca - condotta principalmente dai National Institutes of Health
statunitensi - la miopia affligge
Ottotipo maggiormente le donne (quasi il 40%) rispetto
agli uomini (32,6%) di età compresa tra i 20 e i 39 anni. Al contrario le
persone over 60 è più difficile che manifestino una miopia mentre è più facile
che soffrano di presbiopia e di astigmatismo. Comunque la probabilità che venga
diagnosticato un errore refrattivo cresce con l’età.

“poiché l’effetto del difetto refrattivo sull’acuità visiva -
scrivono sul numero di agosto di Archives
of Ophthalmology
i
ricercatori diretti da Susan Vitale - può essere mitigato
in modo relativamente semplice (grazie a occhiali, lenti a contatto o laser, ndr), spesso è stato trascurato come causa importante di disabilità
visiva. Tuttavia le ricerche più recenti hanno riservato attenzione ai benefici
che si ottengono con la correzione
dell’errore refrattivo”.

Quindi il problema è rappresentato soprattutto dall’assenza
di una correzione adeguata: secondo l’Organizzazione
mondiale della sanità
(Oms) soffre di questo fattore il 19% dei ciechi dei Paesi in via di sviluppo e
il 14% di quelli che abitano nei Paesi benestanti.

Fonti: Archives of Ophthalmology, Medpage.Referenza: Vitale
S. et al., "Prevalence of refractive error in the United States,
1999-2004" Arch. Ophthalmol.
2008; 126: 1111-1119.


Condividi su:

Contatta l'Agenzia internazionale per la prevenzione della cecità-IAPB Italia onlus

Chiama il numero verde 800-068-506

Il Numero Verde di consultazione oculistica è attivo dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 13.
Scrivi nel Forum: un medico oculista ti risponderà gratuitamente.