Salta il menù
Vai alla pagina dona ora
Dona oraSostienici con il 5x1000

Notizie

Meno spese mediche, sacrificata la prevenzione

Presentato a Roma il Rapporto Italia dell’Eurispes: curarsi è un problema di spesa per oltre un quarto degli italiani

Quasi la metà dei cittadini (48,5%) ha visto ridurre la capacità di spesa nel 2016. Tanto che gli italiani hanno tagliato, in quasi quattro casi su dieci, anche sulle spese mediche [1]. Nell’ultimo anno il 22,6% dei connazionali ha sacrificato la prevenzione a causa dei costi eccessivi. Sono questi i dati contenuti nel nuovo Rapporto Eurispes presentato il 26 gennaio 2017 presso la Biblioteca Nazionale Centrale di Roma.

Più povertà percepita soprattutto al Sud

Affrontare le spese per curarsi è diventato un problema nel 25,6% dei casi. Il 48,3% delle famiglie non riesce ad arrivare alla fine del mese. Solo una famiglia su quattro riesce a risparmiare.

Circa una persona su quattro afferma di sentirsi “abbastanza” (21,2%) o “molto” (3%) povera. L’identikit di chi lo denuncia è il seguente: single (27,1%) o monogenitore (26,8%), vive al Sud (33,6%) ed è cassaintegrato (60%) o in cerca di nuova occupazione (58,8%).

Nella maggioranza dei casi (il 38,1%) gli italiani esprimono un giudizio di stabilità economica per l’Italia in relazione alle prospettive per il 2017, anche se coloro che ipotizzano un peggioramento sono il 36,4% mentre solo una minoranza (il 13,8%) è convinto che l’economia migliorerà. A causa della crisi alcuni sono tornati a vivere dai genitori (13,8%), ai quali hanno chiesto aiuto economico (32,6%) o il sostegno nella cura dei figli (23%).

Fonte: Eurispes

[138,1% degli intervistati, con una riduzione media dei costi per curarsi del 3,9%


Pagina pubblicata il 26 gennaio 2017.


Condividi su:

Contatta l'Agenzia internazionale per la prevenzione della cecità-IAPB Italia onlus

Chiama il numero verde 800-068-506

Il Numero Verde di consultazione oculistica è attivo dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 13.
Scrivi nel Forum: un medico oculista ti risponderà gratuitamente.