Salta il menù
Vai alla pagina dona ora

Notizie

Meno ciechi, più prevenzione

Meno ciechi, più prevenzione Entro il 2020 l’OMS e la IAPB puntano ad avere meno di un non vedente su 100 persone in ogni Paese 1 ottobre 2010 - Meno di un cieco ogni cento persone in ogni Paese entro la fine di questo decennio. È questo l’ambizioso obiettivo di Vision2020, un programma portato avanti a livello planetario dalla IAPB e dall’OMS, che mira a ridurre la prevalenza e l’incidenza della cecità mediante la prevenzione. In vista del 14 ottobre, quando si celebrerà la Giornata mondiale della vista, l’OMS ribadisce nel suo sito ufficiale la ’missioné che potrebbe considerarsi un sogno dato che, secondo le statistiche diffuse nel 2007, sulla Terra vivono 314 milioni di disabili visivi, di cui 45 milioni non vedenti. Solo in Italia, secondo l’Istat, ci sono 362mila ciechi. L’OMS sottolinea che “la Giornata Mondiale della Vista è un giorno di consapevolezza annuale che serve a focalizzare l’attenzione globale sulla cecità, la disabilità visiva e la riabilitazione”. Se entro il 2020 si riuscirà a ridurre la prevalenza della cecità a meno del 0,5% in tutti i Paesi, significherà che gli sforzi saranno coronati dal successo. Tuttavia, i problemi da risolvere sono ancora molti perché, scrive l’OMS, “c’è un aumento delle persone cieche o disabili visive per l’aumento della longevità e l’incremento delle malattie croniche non trasmissibili”. Però c’è da dire che circa l’85% dei casi di cecità e ipovisione è evitabile a livello globale. L’87% dei disabili visivi vive nei Paesi in via di sviluppo; in questi ultimi la cataratta resta la prima causa mondiale di cecità, ma generalmente è reversibile in seguito a un’operazione chirurgica che molti Stati non si possono permettere. Dati del 2005.

Fonti: OMS, Istat

Condividi su:

Contatta l'Agenzia internazionale per la prevenzione della cecità-IAPB Italia onlus

Chiama il numero verde 800-068-506

Il Numero Verde di consultazione oculistica è attivo dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 13.
Scrivi nel Forum: un medico oculista ti risponderà gratuitamente.