Salta il menù
Vai alla pagina dona ora

Notizie

L’inquinamento ’restringé i vasi retinici

L’inquinamento ‘restringe’ i vasi retinici Secondo ricercatori americani i mutamenti microvascolari osservabili sul fondo oculare sono associati a un maggior rischio cardiovascolare 2 dicembre 2010 - L’inquinamento fa ‘restringere’ i vasi sanguigni della retina: lo hanno concluso ricercatori americani dell’Università del Michigan e dell’Università di Washington. Misurando il diametro delle arteriole della retina di 4.607 persone – di cui è stata scattata una foto del fondo oculare – si sono resi conto che a lungo andare esso si riduce e, tra l’altro, aumentano anche i rischi cardiovascolari. La ricerca è stata condotta su persone di età compresa tra i 46 e gli 87 anni inizialmente prive di malattie cardiache (anni 2000-2). Dopodiché si sono valutate le concentrazioni di polveri sottilissime (PM2,5), capaci di penetrare a fondo nei polmoni, e si è trovata una correlazione tra la riduzione del diametro delle arteriole retiniche e i maggiori livelli d’inquinamento (tenendo conto anche dello stile di vita, del gruppo etnico, del fumo di sigaretta, dell’indice di massa corporea, ecc.). Si è concluso che sono più a rischio di problemi cardiovascolari e hanno vasi retinici più piccoli gli anziani che sono vissuti in città. “Queste scoperte – scrivono i ricercatori su PLOS Medicine – suffragano l’ipotesi secondo cui importanti fenomeni vascolari sono associati a piccoli incrementi dell’esposizione all’aria inquinata a breve o a lungo termine, persino agli attuali livelli d’inquinamento, e corroborano ulteriormente le associazioni osservate tra l’inquinamento atmosferico e lo sviluppo e l’esacerbazione di malattie cardiovascolari”. Referenza originale: Adar SD, Klein R, Klein BEK, Szpiro AA, Cotch MF, et al. (2010) Air Pollution and the Microvasculature: A Cross-Sectional Assessment of In Vivo Retinal Images in the Population-Based Multi-Ethnic Study of Atherosclerosis (MESA). PLoS Med 7(11): e1000372. doi:10.1371/journal.pmed.1000372

Fonte: PLOS.


Condividi su:

Contatta l'Agenzia internazionale per la prevenzione della cecità-IAPB Italia onlus

Chiama il numero verde 800-068-506

Il Numero Verde di consultazione oculistica è attivo dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 13.
Scrivi nel Forum: un medico oculista ti risponderà gratuitamente.