Salta il menù
Vai alla pagina dona ora

Notizie

L’Alzheimer si guarda negli occhi

Le frecce indicano la testa del nervo ottico, colpita da degenerazione anche in caso di glaucomaL’Alzheimer si guarda negli occhi Nuova tecnica per diagnosticare la degenerazione del nervo ottico 14 gennaio 2010 - Una diagnosi di Alzheimer… in diretta. Se gli occhi sono lo specchio dell’anima, possono anche consentire di conoscere la salute dell’organismo, a partire da una malattia degenerativa del sistema nervoso che colpisce, il più delle volte, gli ultrasessantenni. Oculisti dell’Università di Londra (UCL), grazie a un oftalmoscopio laser e a una sostanza fluorescente, hanno scovato cellule morte nella testa del nervo ottico di cavie di laboratorio, riuscendo così a risalire alla sua causa. La malattia di Alzheimer, che causa demenza (amnesie e altri deficit cognitivi), attualmente è incurabile; tuttavia, una sua eventuale diagnosi precoce attraverso questa tecnica di imaging potrebbe consentire almeno di rallentarne il decorso. Questo test potrà essere disponibile entro cinque anni. La Commissione europea, nel suo Rapporto Mondiale Alzheimer 2009, stima che i malati in Europa siano 7,3 milioni e nel mondo 35 milioni, con un incremento del 10% rispetto al 2005 (imputabile probabilmente all’invecchiamento demografico). Per questo, scrive Alzheimer Italia, la sfida della cura della malattia “richiede nuovi approcci terapeutici, assistenziali e sociali”. Infine, un’altra tecnica che consentirebbe una diagnosi precoce di Alzheimer si basa su un altro senso, l’olfatto. Si è visto che nei topi l’accumulo di placche amiloidi (aggregati che ostacolano il passaggio della corrente bioelettrica nei neuroni) va a colpire il sistema olfattivo, riducendo la sensibilità agli odori. Questo elementare test ’profumato’, ammesso che si riveli valido sugli esseri umani, sarebbe tra l’altro nettamente meno dispendioso di una più sofisticata scansione cerebrale. Referenza originale principale: “Imaging multiple phases of neurodegeneration: a novel approach to assessing cell death in vivo”, by M Francesca Cordeiro, Li Guo, Katy M Coxon, James Duggan, Shereen Nizari, Eduardo M Normando, Stefano L Sensi, Adam M Sillito, Frederick W Fitzke, Thomas E Salt and Stephen E Moss, Cell Death & Disease, Jan. 2010.

Fonti: University College of London, Federazione Alzheimer Italia, Journal of Neuroscience. Ultimo aggiornamento: 18 gennaio 2010.


Condividi su:

Contatta l'Agenzia internazionale per la prevenzione della cecità-IAPB Italia onlus

Chiama il numero verde 800-068-506

Il Numero Verde di consultazione oculistica è attivo dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 13.
Scrivi nel Forum: un medico oculista ti risponderà gratuitamente.