Salta il menù
Vai alla pagina dona ora
Dona oraSostienici con il 5x1000

Notizie

Individuato gene chiave per le staminali

Individuato gene chiave per le
staminali

Una proteina consente ai neuroni di crescere e potrebbe bloccare lo sviluppo dei
tumori cerebrali

26 agosto 2009 - Se da un lato si fanno
ringiovanire le cellule adulte fino a farle tornare staminali (mediante la
riprogrammazione genetica), dall’altro si cerca di farle sviluppare
correttamente evitando che insorga un tumore. Ebbene, i medici ‘stregoni’ del
Columbia University Medical Center (Usa) hanno capito l’importanza di un gene
chiamato Huwe1 che produce una proteina fondamentale per lo sviluppo cellulare:
non solo attiva le staminali, le cellule ‘bambiné, facendole diventare in
questo caso neuroni adulti (cellule nervose che costituiscono il cervello e
parte della retina), ma può aiutare anche a combattere il cancro al
cervello.

La ricerca, che ha conquistato la
copertina di Development Cell lo
scorso 18 agosto, è stata diretta da due ‘cervelli’ Dna rotanteemigrati negli Stati Uniti:
Antonio Iavarone e Anna Lasorella. L’Huwe1 consente, da un lato, alle cellule
staminali di crescere e di proliferare; dall’altro, agisce come uno ‘spazzino’
cellulare, eliminando le proteine inutili o dannose.

Per questo Lasorella ritiene che la
proteina Huwe1 possa essere sfruttata per mettere a punto nuove terapie
anticancro. Le ricerche - assicura Iavarone - proseguiranno: “Il nostro prossimo
passo sarà analizzare i mutamenti strutturali dell’Huwe1, cercando modi per
ripristinare questo gene nei malati di tumore al cervello”. Per ora risultati
incoraggianti sono stati ottenuti solo sulle cavie: “Nei topi, ripristinando il [gene] Huwe1,
si blocca la capacità delle staminali normali di proliferare e di sviluppare
tumori”. Dunque, restituendo alle cellule questo prezioso gene si potrebbe
fermare la crescita tumorale nel cervello degli esseri umani, dovuta a una sorta di ‘impazzimento delle cellulé
che provoca una loro moltiplicazione incontrollata fino a possibili esiti
fatali.

Fonti: Columbia University Medical Center , Development Cell .


Condividi su:

Contatta l'Agenzia internazionale per la prevenzione della cecità-IAPB Italia onlus

Chiama il numero verde 800-068-506

Il Numero Verde di consultazione oculistica è attivo dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 13.
Scrivi nel Forum: un medico oculista ti risponderà gratuitamente.