Salta il menù
Vai alla pagina dona ora

Notizie

Immagini 3D per esplorare gli occhi dei prematuri

Retina di prematuro (colpita da ROP)Immagini 3D per esplorare gli occhi dei prematuri Una tomografia a coerenza ottica di nuova generazione consente di esaminare meglio la retina dei neonati 29 settembre 2009 - Uno scatto può salvare la vista, almeno se è accompagnato da una corretta diagnosi. Infatti, è possibile fare una fotografia 3D per esplorare gli occhi dei neonati. Si tratta di uno strumento di nuova generazione che è stato sviluppato, tra l’altro, presso il Duke Eye Center statunitense per fare un’accurata scansione della retina. Consente di diagnosticare le malattie oculari che colpiscono i nati prima del tempo: prima tra tutte la retinopatia del prematuro ( ROP ), una delle cause di cecità più comuni tra i piccolissimi. In effetti, secondo il National Eye Institute (NEI) la ROP colpisce solo negli Usa circa 16.000 bambini l’anno. Infatti, i loro vasi retinici proliferano in modo incontrollato, danneggiando così le capacità visive: esercitando una trazione sulla retina possono stirarla, spostarla o addirittura provocarne il distacco. Per questo una diagnosi precoce è essenziale: può salvare la vista. La ricerca – che consente un esame molto accurato della retina grazie a una tomografia a coerenza ottica (SD OCT) – è stata sostenuta, tra gli altri, dai National Institutes of Health (Usa).

Fonte: Duke University


Condividi su:

Contatta l'Agenzia internazionale per la prevenzione della cecità-IAPB Italia onlus

Chiama il numero verde 800-068-506

Il Numero Verde di consultazione oculistica è attivo dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 13.
Scrivi nel Forum: un medico oculista ti risponderà gratuitamente.