Salta il menù
Vai alla pagina dona ora

Notizie

Guardiamo agli antiossidanti

Topi geneticamente modificatiGuardiamo agli antiossidanti
Un nuovo studio sottolinea la loro efficacia contro le malattie oculari degenerative

9 febbraio 2009 - Antiossidanti per aiutare a proteggere gli occhi. Magari non riescono a bloccare del tutto la progressione delle malattie oculari degenerative, ma almeno le rallentano o contribuiscono a prevenirle. Infatti, la vitamina A, la E, quelle del gruppo B, la vitamina C, lo zinco, il rame e il selenio possono rafforzare la retina e renderla più sana. Un nuovo studio condotto in California ha dimostrato l’efficacia degli antiossidanti nel contrastare i danni causati dalla neovascolarizzazione (proliferazione retinica anomala, indicata con Rap) grazie ad esperimenti condotti sui topi geneticamente modificati, in cui è stata indotta artificialmente la nascita di nuovi vasi sanguigni retinici. Corpo vitreo

In un altro studio si è, invece, iniettata una sequenza del Dna usando come vettore il virus del raffreddore (preventivamente reso innocuo) nel corpo vitreo: in questo modo si è aiutata la produzione di una proteina, la neurotrofina 4, in grado di contrastare la morte delle cellule nervose della retina; questo avviene perché combatte lo stress causato dagli agenti ossidanti. La stessa tecnica potrebbe essere applicata anche ad altre malattie neurodegenerative (come l’Alzheimer o il morbo di Huntington).

Retina: la zona centrale più sensibile è detta maculaL’ossigeno può essere dannoso per gli occhi; tuttavia, l’azione degli ossidanti può essere bloccata almeno parzialmente. In questo modo si limitano soprattutto i danni alla zona più sensibile della retina, detta macula, adibita alla visione centrale.

Altri studi dimostrano che una dieta equilibrata, associata all’eventuale assunzione di complementi alimentari e a una dieta sana, contribuisce a prevenire anche l’ AMD , una malattia che può colpire dopo i 50 anni: causa una distorsione progressiva delle immagini e può culminare nella cecità centrale.

Referenza originale: Journal of Clinical Investigation, 2 febbraio 2009.

Fonte: Eureka.
Numero Verde di assistenza oculistica (tutte le mattine dei giorni feriali, dalle 10 alle 13). Risponde un medico oculista se si scrive anche nel forum del sito della IAPB Italia onlus .Nota: per variare la dimensione dei caratteri premere il tasto Ctrl assieme ai tasti +/- oppure girare la rotellina del mouse mentre si tiene premuto Ctrl.

Condividi su:

Contatta l'Agenzia internazionale per la prevenzione della cecità-IAPB Italia onlus

Chiama il numero verde 800-068-506

Il Numero Verde di consultazione oculistica è attivo dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 13.
Scrivi nel Forum: un medico oculista ti risponderà gratuitamente.